Contenuto Principale

IL CLUB CANOA KAJAK CAMBIA PRESIDENTE. NICOLA COGLIANDRO LASCIA LE REDINI A FABIO BRANDI.

L'immagine può contenere: 2 persone, persone sedute e spazio al chiuso

” Dopo tanto tempo trascorso in prima linea a livello societario, è finalmente giunta l’ora della successione. Non sarà facile cancellare 30 anni di ininterrotta presidenza suggellata da tante benemerenze e da incarichi dirigenziali a livello nazionale e regionale”. Con questo parole Nicola Cogliandro ha lasciato la guida del Canoa Kayak Policastro-Capitello ed ha ceduto il testimone al suo giovane successore Fabio Brandi, da 12 anni vicino al club,  prima come allievo poi come dirigente. Sabato scorso la sua promozione a presidente. Insieme a Brandi  compongono il nuovo direttivo : Giuseppe Vita, Vincenzo Castaldo e Salvatore Tagliaferri. Cogliandro resta nell’esecutivo con l’incarico di vice presidente e oltre ad affiancare il nuovo presidente continuerà ad allenare i tanti appassionati di canoa che si avvicineranno al Club. Un  Che che Nicola Cogliandro , insieme a tanti amici, e con non poche difficoltà, dovute anche a questioni politiche locali, ha portato avanti raggiungendo prestigiosi obiettivi sportivi. Riconoscimenti che non ha dimenticato di elencare durante l’investitura del nuovo presidente “ un impegno – ha evidenziato – che ha consentito al nostro Club di ricevere dal Coni nel 2013 la Stella di Bronzo al merito Sportivo” . Il nuovo direttivo insieme al neo presidente Fabio Brandi andrà avanti nel percorso intrapreso da anni per la crescita della cultura della canoa nel Golfo di Policastro e la formazione di nuovi campioni della pagaia. L’ex presidente, nel frattepo, continuerà anche a svolgere il suo importante incarico di fiduciario Coni per il territorio più a Sud di Salerno.

Antonietta Nicodemo

TORRACA, IL COMUNE SCOMMETTE SULLA PISCINA.

 
 

A Torraca la piscina comunale resta una delle strutture importanti del Comune. E’ una fonte economica che l’amministrazione del sindaco Francesco Bianco non trascura e, compatibilmente con le risorse in bilancio, cerca di sostenere. Dopo l’esperienza dello scorso week end è stata valutata la possibilità di favorire scambi con altre piscine. Domenica scorsa l’impianto di Torraca ha ospitato gli oltre 80 allievi della piscina di Moliterno che insieme ai loro  accompagnatori hanno affollato la struttura. Centocinquanta persone che hanno trascorso l’intera mattinata nella cittadina salernitana insieme agli atleti che frequentano l’impianto della cittadina salernitana. Ragazzi e ragazze di ogni età si sono sfidati nelle varie categorie. La giornata è terminata con la premiazione e l’impegno da parte dei gestori della struttura a programmare, con l’aiuto del Comune,  analoghi incontri ritenendoli  utili per chi ha voglia di confrontarsi in vasca “ . “ La nostra idea – afferma il sindaco Bianco – è di accogliere allievi di altre piscine,  consapevoli del fatto che iniziative del genere aiutano a socializzare e integrare. Domenica è stato bello vedere il nostro impianto pieno di gente entusiasta” 

 

CALCIO, IL SAPRI 1928 RIPARTE DA MARTORELLI.

NUOTO. A TORRACA LA GARA PER SOCIALIZZARE.

 

 

 

 Risultati immagini per PISCINA TORRACA

La piscina di Torraca domenica prossima ospiterà la gara della socializzazione. Un momento d’incontro tra appassionati di nuoto per unire due comunità diverse. Di fatti a sfidarsi saranno gli allievi della scuola di Moliterno e quelli che seguono i corsi nella struttura di Torraca. Dalla cittadina della Basilicata giungeranno circa centocinquanta persone, incluso gli accompagnatori, che avranno la possibilità di conoscere e utilizzare la piscina semiolimpionica salernitana, apprezzata in passato anche da campioni del nuoto che ne hanno usufruito per gli allenamenti. Il raduno è fissato per le 10 e intorno alle 11 dovrebbero aver inizio le sfide in vasca. L’obiettivo degli organizzatori, la società che gestisce la piscina di Moliterno e quella di Torraca, è quello di creare attraverso il nuoto  momenti di socializzazione ma anche di visibilità per gli atleti che dimostrano di avere la stoffa per fare carriera agonistica 

ANTONIETTA NICODEMO 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.