Contenuto Principale

Torre Orsaia abbraccia l'Afganistan. Accolta una famiglia fuggita dai talebani.

 

 

 

<< Armagan ha soli quindici mesi, è arrivata insieme a mamma e papà . Sta bene e come i genitori sembrava smarrita. Per mostrarle il nostro affetto le abbiamo donato un giocattolo >>. Ieri mattina il sindaco Pietro Vicino ha ricevuto in municipio una delle famiglie afgane giunte a Roma tramite il ponte aereon ed è proprio alla piccola che è stata subito mostrata la massima attenzione. Si tratta del primo nucleo familiare scampato agli orrori del nuovo regime talebano a fare ingresso sul territorio cilentano. Marito e moglie erano cittadini attivi e impegnati nel loro paese. Asadllah, 32 anni e ingegnere civile, collaborava con il precedente governo, la moglie Fatima, 27 anni, è impegnata in un’organizzazione non governativa. Ieri mattina hanno lasciato Napoli, dove hanno trascorso il periodo di quarantena e sono stati vaccinati contro il covid, dopo un viaggio di circa tre orein un pulmino, hanno raggiunto Torre Orsaia. Erano spaesati. Dai loro occhi traspariva pausa ma anche voglia di riscatto. Nessuno ha avuto il coraggio di interferire nei loro pensieri. << Non ci è sembrato opportuno fargli domande, andare in fondo al loro dramma. E’ il momento di trasmettere alla giovane famiglia serenità >>, è quanto dichiara Alessandra Rocco coordinatrice per il  comune cilentano del Sai ( Sistema Accoglienza Integrazione ), ex  Sprar. La famiglia è stata sistemata in uno degli appartamenti che da oltre quattro anni l’Ente Locale mette a disposizione per i rifugiati e richiedenti asilo politico. Per i tre afgani inizia da qui la nuova vita lontano dalla casa e dagli affetti che hanno lasciato in un paesino poco distante da Kabul. E chissà che, come già accaduto per altri ospiti del Sai, la famiglia Mirzaei non decida di mettere le radici in quest’ angolo del sud Italia.

 

Antonietta Nicodemo 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.