Contenuto Principale

Villammare, ordigni bellici in mare. Artificieri in acqua per il recupero.

 

 

 
 

 

A Villammare sono iniziati i lavori di recupero degli ordigni bellici scoperti a mare. Mercoledì’ scorso sui fondali sono stati riconosciuti due proiettili di mortaio . Un ritrovamento  che ha fatto scattare il divieto di accesso al tratto di spiaggia e   mare adiacenti la suggestiva scogliera della cittadina rivierasca. Questa mattina sul posto  è giunta una squadra  di sommozzatori e  artificieri della Marina Militari che ha ispezionato i fondali per recuperare i due ordigni e verificare l’eventuale presenza di altri. Un sopralluogo che ha consentito di scoprire altri proiettili di mortaio . Sarebbero oltre  sette quelli individuati e  recuperati. Nella giornata di oggi i militari procederanno alla bonifica dell’intera area interessata e giovedì mattina a largo della costa faranno brillare tutti gli ordigni bellici rinvenuti . A seguire le operazioni di bonifica per conto del Comune è il Comandante dei Vigili Urbani Antonio Quintieri che potrà procedere alla revoca del divieto d’accesso solo dopo che la spiaggia e il mare interessati dall’intervento degli artificieri saranno messi in sicurezza. Non è la prima volta che in quell’angolo suggestivo del Golfo di Policastro vengono alla luce ordigni bellici risalenti alla seconda guerra mondiale e purtroppo è anche uno dei ratti del litorale dove la spiaggia continua ad accorciarsi a causa dell’erosione marina. Questa mattina il mare raggiungeva addirittura il muro di contenimento che sovrasta l’arenile. Una questione che l’amministrazione comunale affronterà durante la visita del presidente regionale Vincenzo De Luca. Se non ci saranno nuove variazioni, sarà a Villammare il prossimo 22 luglio.

antonietta nicodemo 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.