Contenuto Principale

Sapri, isola pedonale sul lungomare. Il Sindaco cambia le regole ed esplode la polemica. Sui social la rabbia dell'ex delegato alla viabilità .

 

Monta la polemica a Sapri dopo le ultime disposizioni dell’amministrazione  sull’isola pedonale del lungomare e si apre la frattura all’interno della maggioranza con il delegato del sindaco alla viabilità, Giuseppe Cosentino, apertamente critico nei confronti delle decisioni assunte. Lo scorso 31 luglio era stata emanata un’ordinanza  che per il mese di agosto stabiliva l’istituzione  lungo Corso Italia dell’isola pedonale serale, dalle 21 a mezzanotte e mezza, limitatamente ad alcuni giorni, 18 in tutto , anziché per l’intero mese di agosto come era di solito. Una decisione che aveva scatenato la reazione stizzita di Cosentino espressa a mezzo social. “Revocata l’isola pedonale perché c’è poca gente – aveva scritto il delegato in un post  su Facebook in cui si definisce dimissionario - Risultato del provvedimento,- continua lo scritto -abbiamo un lungomare con tante macchine e poca gente…il mondo va in un verso, noi in quello opposto”. La dichiarazione ha dato il la alla discussione nella cittadina sul provvedimento che va a toccare il tema della viabilità, molto sentito a Sapri, visto che è direttamente connesso a quello della vivibilità e alle certificazioni ambientali di cui gode la cittadina e che già in passato aveva scatenato polemiche sia pure in senso opposto, si pensi alla pedonalizzazione di Piazza Plebiscito, oggetto di dissenso da parte di cittadini e commercianti.  Intanto,domenica è stata parzialmente rettificata l’ordinanza  aggiungendo altri 3 giorni in cui sarà attiva l’isola pedonale sul lungomare. Per Pietro Scaldaferri  di Sapri Cambia la questione , però, è innanzitutto politica: “ L’istituzione dell’isola pedonale a fasce orarie  e giorni difformi, modello elettrocardiogramma,  - ha detto - comporta un’evidente riduzione nell’afflusso di clientela per le attività del lungomare. Non se ne comprende inoltre  il motivo. I toni e la franchezza  utilizzati dal dimissionario delegato alla viabilità dimostrano quanta competenza abbia alimentato tale scellerata programmazione. Ci pare evidente che si apre la questione politica, in una giunta all’interno della quale vi è un croupier  che da le carte e tutti gli altri debbono subirne , tacendo, i desideri…” Ma il sindaco Antonio Gentile nega il deterioramento dei rapporti con Cosentino: “Io dimissioni non ne ho – ha detto –  Rientra nella dialettica comune”.  E sull’isola pedonale ha aggiunto: “Abbiamo solo rimodulato gli orari. E’ una valutazione complessiva che stiamo facendo per motivi di fruibilità, viabilità, esigenze di servizio, del personale del comando vigili… Lo abbiamo detto più volte di essere favorevoli alle pedonalizzazioni. Le isole pedonali  non lo sono perché limitate nel tempo.Creano più disagi che ritorno in termini di economia e di mobilità sostenibile. Perciò stiamo rivedendo  un po’ il tutto. Le soluzioni le andremo a concordare subito dopo la pausa estiva con le associazioni di categoria e con la cittadinanza”.

 

Daria Scarpitta 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.