Contenuto Principale

Cameroa, il Comune recupera 50 mila euro per lo stipendio al dipendente comunale. La minoranza " una mossa inutile per le politiche sociali e forse anche illegittima" .

 

 

 

 

 

 

 

Risultati immagini per camerota sindaco“ Il Comune di Camerota con una preziosa mossa ha recuperato dal Piano di Zona S/9 cinquanta mila euro che sembravano persi . Si tratta della somma versata dall’ente locale – spiega il Sindaco Mario Scarpitta – per pagare le spettanze al dipendente comunale  che è stato impiegato per tre anni e per diverse ore settimanali presso l’ufficio del Piano di Zona. Somme – aggiunge – che dovevano essere versate in virtù di un accordo sottoscritto con la precedente amministrazione saprese” . Il primo cittadino, per recuperare le risorse ha chiesto al coordinamento del Piano di Zona la compensazione delle quote arretrate del Comune, con le cifre versate al suo dipendente comunale. I sindaci dei comuni che fanno capo al Piano di Zona S/9 hanno accolto la proposta ed ora, Camerota, uno dei comuni che da tempo non versa regolarmente le quote di compartecipazione, si vedrà scalare il suo debito con la gestione dei servizi sociali territoriali di 50 mila euro. “ In questo modo – precisa con soddisfazione Scarpitta – rispondiamo con i fatti alle chiacchiere da social di personaggi che ci accusano di non partecipare agli incontri del coordinamento del Piano di Zona, ai quali invece siamo presenti portando a casa risultati con atti deliberativi concreti “. Alle soddisfazioni del comune si contrappongono le critiche del consigliere di minoranza Pierpaolo Guzzo, che pone dubbi anche sulla legittimità dell’ato. Come il dipendente comunale di Camerota altri dipendenti di altri comuni associati per i servizi siociali nel basso salernitano hanno prestato in passato o continuano a prestare tutt’ora servizio presso l’ufficio di piano per alcune ore settimanali. La domanda a questo punto sorge spontanea. Ma se tutti gli Enti Locali iniziano a chiedere la compensazione cosa rimarrà nel bilancio per le politiche sociali. E poi la normativa regionale sui piani di zona prevede stipendi d’oro per i dipendenti comunali impiegati nell’ufficio di Piano. Leggendo il regolamento, pare, che questo non è possibile . Anche perché con questi cospicui stipendi  si potrebbe anche procedere all’assunzione di apposite figure professionali da utilizzare non solo per poche ore a settimana a  1,500  euro al mese  ma per più giorni a settimana ed esclusivamente al servizio dei servizi sociali e degli interessi delle fasce deboli

 

antonietta nicodemo 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.