Contenuto Principale

Cilento e Diano. Terzo flop della Comunità del Parco: rinviata la seduta per l'elezione del Presidente

Nemmeno il nome di Stefano Pisani trova la maggioranza per l’elezione alla presidenza della Comunità del Parco. Alla vigilia della riunione dell’assemblea una parte del Pd sembrava aver trovato l’accordo per la successione al compianto presidente Angelo Vassallo. Un accordo che avrebbe dovuto portare alla guida dell’assemblea il giovane sindaco di Pollica. Invece, nella seduta di martedì, al momento del voto si è dovuto decidere per alzata di mano se rinviare o meno l’importante proclamazione. Dei 75 presenti, 5 in meno rispetto ai convocati, hanno votato 36 per il rinvio e 24 contro. 15 gli astenuti. Un risultato che la dice lunga su quanto sarebbe potuto accadere se fossero passati al voto i nomi candidati. Certamente Pisani avrebbe avuto difficoltà a reperire le preferenze per la sua incoronazione. Rispetto alle precedenti due sedute qualcosa di nuovo c’è stato: è stata massiccia la partecipazione dei sindaci e più nutrita la lista dei candidati alla corsa. Questa volta, infatti, oltre al presidente facente funzione uscente Antonio Radano, c’erano, come già detto, il sindaco di Pollica Pisani e Antonietta Giuseppina Salvia, vice sindaco di Roscigno e Guglielmo Vairo, sindaco di Piaggine. Quanto sta accadendo alla Comunità del Parco, che da tre anni non riesce ad eleggere un presidente, testimonia la crisi della politica territoriale e in primo luogo del partito democratico che, pur amministrando la stragrande maggioranza dei comuni dell’area protetta, a causa delle correnti, si ritrova sempre in minoranza e quindi non con i numeri necessari per vincere in maniera incisiva qualsiasi elezione. Intanto slitta a data destinarsi la seduta per la scelta del presidente della Comunità del Parco, un' elezione che sembra camminare di pari passo con l’indicazione dei sindaci che dovranno entrare a far parte del direttivo dell’ente parco, il cui rinnovo è fissato per fine anno.

Antonietta Nicodemo

 

Roccagloriosa. Il giuramento del sindaco. Nicola Marotta nomina la nuova giunta.

Trasparenza, attenzione al territorio, partecipazione. Sono questi gli elementi su cui si è soffermato il neosindaco di Roccagloriosa Nicola Marotta nel discorso pronunciato durante la seduta di insediamento del consiglio comunale. Ieri sera davanti ad un pubblico numeroso i consiglieri di maggioranza e minoranza si sono presentati alla popolazione . Il sindaco ha preso la parola, prima di indossare la fascia, ricordando i punti programmatici della sua azione. “Spero che tutti i consigli comunali possano avere questa partecipazione- ha detto- perché ne faremo tanti. Avranno una cadenza mensile per garantire la massima trasparenza. La campagna elettorale è finita . Siamo aperti a tutti. Il nostro programma e le nostre azioni saranno pubblicate in rete per creare un Comune di vetro. E chiediamo a tutti di dare il proprio apporto”. Poi il primo cittadino è stato investito della fascia e ha prestato giuramento. Durante la prima seduta è stata resa nota anhce la Giunta. Il Vicesindaco sarà, come previsto l’assessore della Provincia di Salerno Attilio Pierro, mentre Luigi Balbi avrà tre deleghe: al turismo, all’agricoltura e all’ecologia. Tra una settimana verrà nuovamente riunito il consiglio comunale per decretare, secondo lo statuto il Presidente del Consiglio. In quell’occasione verranno affidate altre deleghe. “Abbiamo molti compiti e poche persone- ha detto Nicola Marotta- Vogliamo creare delle commissioni in cui maggioranza e minoranza lavorino insieme. Inoltre, saremo aperti anche a coloro che non hanno partecipato alla corsa elettorale, perché creeremo uno staff del sindaco molto ampio a cui attribuire altre deleghe. E se la minoranza vorrà collaborare, siamo pronti anche ad assegnarne a loro.” In merito poi al programma il sindaco ha detto di essere già partito dalla realizzazione della spesa e di aver avviato la gestione dei Musei. L’obiettivo è ora associarsi con il Touring Club e la bandiera arancione e puntare molto sulla pubblicità per affermare la bellezza, la salubrità e la storia di Roccagloriosa.

Daria Scarpitta

 

Sapri. "Canale di mezzanotte": sulla spiaggia resta il divieto di balneazione e navigazione

La petizione per la messa in sicurezza della suggestiva spiaggia del canale di mezzanotte non è servita a far bonificare l‘area e quindi a far revocare l’ordine di divieto di balneazione e navigazione. Anche i turisti del 2013 dovranno rinunciare alla sosta sul prezioso fazzoletto di costa del Golfo di Policastro. L’ordinanza della capitaneria di porto di Palinuro del 2011 non può essere annullata perché il costone roccioso che sovrasta la spiaggia del canale di mezzanotte è soggetto a fenomeni franosi. Questa è la ragione per la quale due anni fa la guardia costiera proibì fino a 30 metri dal costone: sosta, navigazione, ancoraggio e ogni altra attività possibile in superficie e subacquea. Una interdizione ritenuta dannosa per l’economia turistica locale dai barcaioli della zona, uno dei quali, lo scorso anno si fece promotore di una raccolta di firme chiedeva la messa in sicurezza della spiaggia e quindi la rimozione dei divieti. Una petizione caduta nel vuoto perché le autorità competenti non hanno ancora provveduto a bonificare quel pezzo di arenile incastonato in un incantevole scogliera, da sempre meta preferita dai turistici. Si tratta di una spiaggia accessibile solo via mare, per cui i barcaioli non potranno proporla nelle loro gite lungo la costa del golfo di Policastro e i diportisti non potranno usufruirne per una breve sosta. “ Il divieto – ricorda il comdante Iazzetta dell'ufficio marittimo di Sapri- è in vigore e i trasgressori saranno puniti con multe salatissime”. Si parte dalla cifra di mille euro fino a tremila euro .

Antonietta Nicodemo

 

Casal Velino. Scoperta Maxi discarica abusiva

Da capannoni per l’allevamento di conigli a depositi di rifiuti speciali. Una trasformazione che a tre persone è costata la denuncia alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania da parte degli uomini della forestale. L’operazione è stata eseguita nel comune di Casal Velino e rientra nella vasta attività investigativa avviata sul territorio del parco nazionale del Cilento e del Vallo di Diano per contrastare il traffico e la gestione illecita di rifiuti. Un servizio di controllo che ha portato in questi primi sei mesi dell’anno alla scoperta di numerose discariche abusive che avevano sede nei comuni di Centola-Palinuro, Sanza, Ceraso, Novi Velia e lungo la superstrada Bussentina in direzione Policastro. In questi giorni, in seguito alla denuncia di un cittadino la forestale ha rinvenuto in localià “ Ieschi” di Casal Velino tre capannoni dismessi al cui interno erano stati accumulati rifiuti di ogni genere, anche all’esterno delle strutture, che una volta venivano usate per allevare conigli. Tra il materiale rinvenuto: 3 metri cemento, box metallici, letame, laterizi, lastre in vetroresina, pannelli isolanti, resti di motori, metalli e plastica. Tutto materiale depositato direttamente sul suolo senza alcuna protezione. Un vero e proprio pericolo per gli habitat naturali. Difatti in caso di pioggia potevano confluire nelle acque dell’attiguo canale di scolo, con gravissime conseguenze per l’ambiente e la salute pubblica. Tre le persone del posto ritenute responsabili della maxi discarica abusiva e denunciate per abbandono e deposito di rifiuti speciali pericolosi .

Antonietta Nicodemo

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.