Contenuto Principale

Sapri, prevenzione e cura dei tumori della pelle. Attivata l'unità di Skin Cancer Center coordinata dal Pascale.

 

  
 

E’ stato  il dottor . Paolo Ascierto, oncologo e  ricercatore di fama mondiale,  a  guidare  la delegazione del  Pascale di Napoli , giunta presso l’ospedale di Sapri per l’attivazione dell’unità di Skin Cancer Center. Il presidio dell’Immacolata, infatti, grazie ad un accordo tra l’Asl di Salerno e l’istituto nazionale tumori partenopeo diventa un polo per la prevenzione, diagnosi e cura dei tumori cutanei.L’ospedale saprese, dunque, avrà la possbilità  di confrontarsi costantemente con l’equipe del Pascale, dove Ascierto giuda l' unità di oncologia melanomaQuesta mattina si è tenuto il primo incontro operativo a cui era presente anche il direttore sanitario del Pascale Maurizio di Mauro. A fare gli onori di casa è stato   il direttore sanitario dell' ospedale di Sapri Claudio Mondelli. In rappresentanza del comune hanno partecipato ai lavori il sindaco Antonio Gentile e l'assessore alla sanità Gerardina Madonna. 

 

 

Tumori della pelle. Oltre 2 mila morti l'anno, Ascierto : " Importante i controlli " .

 

 
TUMORI DELLA PELLE. OLTRE 2 MILA I DECESSI ANNUI IN ITALIA. IL PROFESSOR PAOLO ASCIENTO . “ NONOSTANTE LA PREVENZIONE I CASI CONTINUANO A CRESCERE. IMPORTANTE I CONTROLLI “.  

Camerota, muratore cade da un muretto è muore dopo nemmeno due giorni di agonia.

 

 Ospedale Vallo della Lucania: è emergenza coperte e lenzuola. Parenti  costretti a portarle da casa | Nurse Times

 

Aggiornamento 

Era in prognosi riservata all’ospedale di Vallo della Lucania, intorno alle 18 di oggi, dopo nemmeno due giorni di agonia ,  il suo cuore ha cessato di battere. Un drammatico epilogo dopo una caduta, pare accidentale, da un muretto. E’ la triste sorte toccata al muratore rumeno  di quarantotto anni da tempo residente, con la compagna, a Marina di Camerota. 

 

Ecco l'articolo precedente. 

E’ da alcuni giorni in prognosi riservata all’ospedale di Vallo della Lucania, le sue condizioni sono molto gravi.  Si tratta di un 48enne rumeno rinvenuto intorno alle 21 di martedì riverso a terra per strada a Camerota . E’ stato un passante ad accorgersi di quanto accaduto e a chiamare i soccorsi. L’uomo era in uno stato di incoscienza con una ferita alla testa, per terra del sangue e anche dell’urina. I Carabinieri della Stazione di  Camerota agli ordine del maresciallo Carelli si sono subito messi al lavoro e hanno avviato le indagini. Dai primi accertamenti  sembrerebbe esclusa la responsabilità di terzi. Secondo l’iniziale ricostruzione  il 48enne muratore stava rientrando a casa e pare fosse in stato di alterazione per aver consumato dell’alcol. Si sarebbe fermato ad urinare su di un muretto di circa un metro e mezzo e da qui sarebbe caduto, procurandosi la ferita. Un incidente , quindi, sarebbe la pista seguita anche se si sta proseguendo con tutti gli accertamenti necessari per consentire di  escludere definitivamente ogni altra ipotesi. Il 48enne intanto è stato trasferito in Rianimazione al san luca di Vallo. I suoi familiari , anche quelli che risiedono in Romania, sono stati avvisati dell’accaduto  e in questi giorni hanno raggiunto il suo capezzale.

Daria Scarpitta 

 

Policastro,memorial per Lorenzo. La madre : " Troppi giovani muoiono sulle nostre strade " .

 

 
 
 

In tanti a gridare il nome di Lorenzo. Ieri a Policastro presso lo stadio Buxentum gli amici di Lorenzo Pio Coronato, il 18 enne di Ispani scomparso quest’estate dopo un incidente stradale, hanno organizzato un memorial a lui dedicato. Brevi partite messe in campo con i giocatori tutti a vestire la maglia n 7  di colore bianco o nero , in omaggio alle due passioni di questo ragazzo: il calcio e la Juve. Un’occasione  per stare insieme, sentirlo ancora vivo tra loro e rilanciare il tema della sicurezza delle strade. Un tema per cui la mamma di lorenzo, Maria Teresa Mega è più volte tornata in questi tre mesi  chiedendo un impegno alle istituzioni e il memorial di ieri è stato l’occasione per parlarne vis a vis con il sindaco di Ispani Franco Giudice che ha voluto essere presente.  Più controlli, autovelox,  rotarorie, semafori, le possibili soluzioni prospettate dalla Mega assieme ad un’altra mamma coraggio Pietrina Paladino perché dietro gli incidenti ci sonosempre delle responsabilità e  le strade del territorio del Golfo di Policastro non devono essere più teatro di tragedie. Due minuscole signore, un problema enorme ma anche una forte determinazione che le spinge. E Il sindaco di Ispani ieri sera ha promesso il suo impegno , il coinvolgimento degli altri sindaci delle forze dell'ordine e degli enti competenti per dare risposte concrete alla sicurezza stradale.

 Daria Scarpitta 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.