Contenuto Principale

Vibonati, via Paolo Borsellino. La replica dell'amministrazione Brusco dopo la petizione per la riqualificazione della strada.

Risultati immagini per vibonati via paolo borsellino

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Sassano, 5Stelle "Coop del Comune usata per servizi privati". Il Sindaco respinge addebiti all'amministrazione.

Risultati immagini per sassano

Cooperativa convenzionata con il Comune utilizzata per scopi privati.Il Movimento 5Stelle di Sassano ha inoltrato una interpellanza a risposta scritta al Sindaco, ed all’Assessore all’Ambiente, per chiedere chiarimenti sulla vicenda. Secondo quanto da loro segnalato, la Cooperativa affidataria del servizio di pulizia di strade e aree pubbliche è stata “sorpresa” a ripulire gli spazi di un’area commerciale privata in orari in cui, solitamente, è al servizio del Comune. “ L’attività della cooperativa – remunerata con risorse pubbliche – - dicono i grillini-dovrebbe essere esclusivamente indirizzata a compiti di servizi pubblico. E’ quantomeno discutibile che il personale venga impiegato per la pulizia di aree private mentre il paese, soprattutto nel centro storico, versa in un indecoroso stato di sporcizia e abbandono. Non sarebbe nemmeno la prima volta che questo tipo di interventi hanno la priorità su quelli che dovrebbero garantire un servizio pubblico. Sconcerta anche il fatto che il materiale raccolto è stato sversato nell’area confinante – meglio conosciuta come boschetto paleo palustre– posta in passato sotto sequestro dall’Autorita’ Giudiziaria e utilizzata per la discarica di materiali residui dello spazzamento di strade, piazze, giardini, rifiuti cimiteriali ecc.. Rifiuti a cui viene anche dato fuoco. Il servizio – proseguono gli esponenti del Movimento- è stato fornito utilizzando mezzi per il trasposto, e attrezzature, messi a disposizione dell’Amministrazione”. Sulla vicenda il sindaco di Sassano Tommaso Pellegrino respinge ogni addebito all’amministrazione comunale. L’azienda infatti, interpellata dal primo cittadino sulla questione, avrebbe riferito di aver operato in orario al di fuori di quello lavorativo rientrante nell’accordo con il Comune di Sassano.

Daria Scarpitta

Padula, "Uffici del Genio Civile scippati". La minoranza protesta.

Risultati immagini per padula

“Gli Uffici del Genio Civile scippati e trasferiti in un altro Comune”. Il gruppo di minoranza di Padula composto dai consiglieri Di Bianco, Bove Ferrigno, Alliegro e Fortunati torna ad attaccare , questa volta con un manifesto pubblico, sulle sorti del servizio. La questione in ballo è il trasferimento del Genio Civile , presente a Padula sin dal 2006, a Sala Consilina dove l’amministrazione ha messo a disposizione dei locali nell’ex tribunale. Padula Bene Comune accusa il sindaco Imparato e il suo gruppo non solo di pigrizia nell’organizzazione e nella gestione del patrimonio comunale, ma anche di non aver detto tutta la verità sulla vicenda.“ Nel febbraio 2017 fu affisso un nostro manifesto- si legge nel volantino attuale del gruppo di minoranza- nel quale mettevamo la pulce nell’orecchio allo stesso sindaco sulla ventilata notizia del trasferimento. Il 2 marzo con un’interrogazione urgente abbiamo chiesto al sindaco se fosse a conoscenza di questa notizia. Lapidaria la sua risposta così sintetizzata: Non ne so niente!” Per il gruppo di minoranza il sindaco avrebbe mentito sulla questione o comunque non si sarebbe adoperato per evitare “un futuro già avvistabile”. Di qui il loro atto d’accusa affisso sui muri della città. Intanto, mentre a Padula infuria la bufera politica , almeno da una ventina di giorni gli uffici del Genio Civile sono operativi a Sala Consilina. A spingere a questo cambiamento la volontà della Regione Campania di non continuare a corrispondere un canone di fitto. A Sala Consilina si è optato per i locali dell’ex Tribunale , concessi in comodato d’uso, perché vicini ad altri servizi e di comodo accesso per i cittadini.

 

Daria Scarpitta

Diano, il Pd fa autocritica. "Commessi errori su carcere e tribunale".

Risultati immagini per pd piero  de luca

Autocritica a sorpresa del Pd nel Vallo di Diano. In occasione dell’incontro tenutosi a Sala Consilina tra gli amministratori locali iscritti al partito e il deputato Piero De Luca, è arrivata una disamina delle responsabilità del partito in merito ai torti e agli scippi subiti dal Vallo di Diano, quello forse più monocolore della zona ma anche il più penalizzato. E’ stato Piero De Luca stesso, tra lo stupore del coordinatore locale Mimmo Cartolano, dei sindaci presenti e del segretario provinciale Enzo Luciano, ad ammettere che il partito ha compiuto degli errori in merito alla chiusura di carcere e tribunale a Sala Consilina. Il neo deputato ha deciso di ripartire da un territorio da sempre dichiarato come caro alla sua famiglia e ha assunto l’impegno a sostenere l’attuale governo qualora decidesse di presentare delle proposte positive in merito ai due presidi di giustizia del Diano. Una opposizione costruttiva, quella promessa da De Luca con un’inedita e anche un po’ candida apertura a Lega e 5Stelle che ha colpito i presenti. Non erano molti in realtà i partecipanti all’incontro sorto dalla necessità di imbastire una nuova strategia viste le ultime debacle elettorali del partito, ma i primi cittadini del Pd c’erano quasi tutti e hanno potuto sentire questa ammissione sulla scarsa attenzione data al territorio e la volontà di ricucire il rapporto. Del resto, lo stesso coordinatore Mimmo Cartolano ha affermato la necessità di un cambiamento.” Due sono state le colpe del Pd – ha detto- la guerriglia interna mai sanata e il distacco con la gente. In questo Lega e 5 Stelle hanno saputo fare meglio. Il nostro partito è rimasto chiuso nei palazzi invece di scendere tra la gente, finendo per far passare il messaggio di essere la sinistra radical chic. Ora bisogna ripartite creando una leadership forte, una linea politica credibile e facendo un’opposizione dura e compatta sul contratto di governo. Solo così il Pd potrà avere un futuro”.

Daria Scarpitta

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.