Contenuto Principale

Vibonati, gestione dei rifiuti. Sindaco scopre inadempienze della ditta. L'opposizione incalza

Vibonati, si insedia il consiglio comunale: assegnate le deleghe - Giornale  del Cilento

Inadempienze nel rispetto del capitolato d’appalto.  La Giunta del Comune di Vibonati  ha deliberato di incaricare  il responsabile del servizio rifiuti di produrre all’amministrazione una dettagliata relazione  sul rispetto degli obblighi contrattuali da parte della ditta incaricata della gestione del ciclo integrato dei rifiuti. Il sindaco Manuel Borrelli, infatti ha riscontrato a seguito di segnalazioni prevenute da privati cittadini e attraverso appositi controlli svolti personalmente sul territorio comunale, una non perfetta rispondenza tra i servizi espletati  e quelli previsti nell’appalto firmato appena un anno fa.  Di qui la decisione di vederci chiaro chiedendo una relazione al dirigente comunale che si occupa del settore.  La decisione ha riaperto il dibattito con l’opposizione del Comune che da tempo critica la gestione  dei rifiuti . “Una delle nostre battaglie da 7 mesi ad oggi- ha detto il consigliere Vincenzo De Filippo è stata la verifica dei costi di gestione dei rifiuti ritenuta da noi troppo onerosa. Ora la maggioranza con palese ritardo ci dà ascolto , chiedendo una relazione al responsabile del servizio . Ecco a cosa serve l’opposizione che in tutti i modi si vuole estromettere”  L’opposizione critica da tempo l’appalto e i costi di gestione . Il contratto firmato è della durata di 7 anni  e per un ammontare di oltre 5 milioni di euro. “Dalle nostre verifiche – continua De Filippo - C’è stata una cattiva gestione da almeno 15 anni a questa parte. Inoltre c’è un’incongruenza : che il responsabile del servizio è lo stesso che dovrebbe controllare. Siamo  convinti che una gestione diretta o con cooperative giovanili potrebbe portare più benefici”. Ma il sindaco Manuel Borrelli rispedisce al mittente tutte le accuse: “ L’amministrazione  è presente sul territorio quotidianamente- ha detto- ha registrato alcuni disservizi e ha semplicemente chiesto  al responsabile del servizio di verificare relazionando alla giunta così come accade in altri ambiti dai lavori pubblici all’urbanistica. L’appalto è stato assegnato con gara pubblica nel 2019. La minoranza con le sue interrogazioni non è mai entrata nel merito della qualità del servizio.  Noi abbiamo il compito  di voltare pagina in un settore nevralgico su cui dsi gioca l’immagine del territorio. Il responsabile del servizio ha condiviso con noi un’azione più incisiva per migliorare la qualità del settore”.

Daria Scarpitta

Teggiano: assegnate le deleghe a assessori e consiglieri

Teggiano: Michele Di Candia ufficializza le deleghe ad assessori e  consiglieri - Info Cilento

Ufficializzate le deleghe attribuite ad Assessori e a Consiglieri a Teggiano. IL sindaco Michele Di Candia che, correndo da solo alle scorse elezioni,  era riuscito a vincere la sfida contro il quorum, dopo aver nominato la Giunta ha ora distribuito i compiti tra i compenti della squadra di governo.  All’interno dell’esecutivo Mario Ubaldo Trezza avrà le deleghe  a Commercio, Agricoltura, Condono Edilizio  e la delega al Consorzio di Bonifica, Vincenzo D’Alto si occuperà di  Sanità, Sviluppo Economico, Servizi Cimiteriali, Personale e Case Popolari, Lisa Grazia Babino di Patrimonio, Sportello Unico per le Attività Produttive, Contenzioso e Rifiuti, e Marisa Federico di Politiche Sociali con in più la delega al Piano Sociale di Zona. Di Candia ha voluto coinvolgere anche i consiglieri assegnando pure a loro delle deleghe. Così al Presidente del Consiglio Giuseppe Forlano sono state assegnate quelle a Protezione Civile, Urbanistica, e Rapporti con la Giunta, a Luciana D’Elia sono andate le Politiche Giovanili, le Pari Opportunità, l’Innovazione, a Luigi Morello Trasporti, Polizia Municipale, Sport e Fida Pascolo, mentre a Sofia Marino è stata affidata la delega al Centro Storico. Il Capogruppo di maggioranza Conantonio D’Elia sarà invece impegnato con Bilancio, PIP e Politiche del Territorio. Maddalena Chirico ha ottenuto le deleghe a Pubblica Istruzione, Cultura, Biblioteca ed Emigrazione, e Catia Di Candia si occuperà di Ambiente, Turismo e Spettacolo.  “Sono molto soddisfatto di questa forte compagine di Governo -ha commentato il Sindaco Di Candia-. Siamo già a lavoro. Ci attendono appuntamenti importanti, e noi siamo nelle condizioni ideali per affrontarli: in un’ottica di continuità, grazie alla preziosa esperienza di chi è stato riconfermato, ma anche con l’entusiasmo e le nuove energie garantite dalle valide professionalità che hanno consolidato la nostra squadra”.

 

Vallo della Lucania, si insedia lo staff del Sindaco. Sansone porta in comune 16 persone di fiducia della società.

 

 

 

 

 Antonio Sansone è il nuovo sindaco di Vallo Della Lucania

 

Dopo la diatriba e le polemiche tra il neo sindaco Antonio Sansone ed il consigliere Pietro Miraldi, createsi con l'inserimento in giunta dell'assessore esterno Emilio Romaniello a discapito dello stesso Miraldi, sembra tornata la calma nella nuova amministrazione di Vallo Della Lucania. E’ probabile che il sindaco torni sul caso MIraldi-Romaniello nel corso della seduta d’insediamento del nuovo consiglio comunale, fissata per  sabato prossimo 23 ottobre alle 9,30. Oltre all'ufficializzazione degli assessori, dei consiglieri e delle deleghe e degli incarichi a loro assegnati, nel corso del consiglio verranno resi noti i 16 componenti dello staff del sindaco. Antonio Sansone, infatti, ha deciso di costituire un gruppo di lavoro formato di persone di sua fiducia e provenienti dalla società civile che possano affiancarlo nelle scelte strategie e di programmazione per la crescita della città. Nessuno verrà retribuito ma tutti potranno accedere liberamente in municipio. Faranno parte dello staff del Sindaco Sansone i quattro candidati della lista vincente che non sono stati eletti Mario Troccoli, Egidio Marchetti, Andrea Rinaldi e  Roberto De Vita, e poi Armino Rubino, Luigino Rossi, Pietro Speranza, Renato Rossi, Giovanni Veneri, Domenico Nicoletti, Angelo Schiavo, Maria Rosaria Nese, Clelia Schiavo, Marco Sansone, Rosario Liguori e Giuseppe di Vieri . La seduta di insediamento del nuovo consiglio comunale vallese si terrà nell’aula consiliare nel rispetto delle norme  anti-covid.  I cittadini potranno occupare un posto a sedere ogni tre posti lasciati liberi, non sarà consentito a nessuno di seguire la riunione in piedi.

 

Antonietta Nicodemo 

 

 

Diano, Comunità Montana: pronta la nuova giunta.

Fase 2, la Comunità Montana Vallo di Diano riapre i battenti

Nel Vallo di Diano sono giunte a conclusione le manovre per il rinnovo del vertice della Comunità Montana. Nel gennaio scorso l’assemblea ha proceduto all’elezione del presidente. A Raffaele Accetta, sindaco di Monte San Giacomo, è subentrato il Sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone.  In questi giorni sono state ultimate le trattative per la composizione della nuova giunta. Secondo indiscrezioni nell’esecutivo entreranno Antonio Pagliarulo assessore di San Pietro al Tanagro, e il consigliere comunale di Sassano Gaetano Spano. Per quest’ ultimo si tratta di una riconferma. Per la conferma e soprattutto per l’ufficialità bisognerà attendere il 2 marzo prossimo, giorno in cui si riunirà la Comunità Montana del Vallo di Diano. All’ordine del giorno, infatti, la proposta del presidente dei componenti la Giunta. La seduta inizierà alle 17:00. Un nuovo esecutivo dell’ente montano rientra nell’ambito delle manovre politiche in corso nel territorio valdianese per il rinnovo di tutti i vertici degli organismi sovra-comunali. Subito dopo la nomina della giunta della Comunità Montana si procederà all’individuazione del nuovo presidente della Conferenza dei Sindaci del distretto sanitario Sala Consilina-Polla. Incarico che ricopre il Sindaco di sala Consilina e che lo stesso ha lasciato nel momento in cui è stato eletto alla guida della Comunità Montana. Cavallone ricopre anche la presidenza del consorzio sociale, ex piano di zona. Un mandando che scade nell’aprile prossimo e che è stato già chiarito non gli sarà riconfermato. La politica, dunque, deve ora trovare l’accordo per l’assegnazione di questi due altri importanti incarichi.     

 

Antonietta Nicodemo

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.