Contenuto Principale

Sala Consilina si illumina di speranza. Accese le luminarie.

Anche Sala Consilina ha acceso le sue luminarie. Come da tradizione l’8 dicembre è stato il giorno deputato per ridare clima natalizio e speranza ad una cittadina che dallo scorso marzo ha avuto a che fare con il contagio e con la crisi economica legata alla pandemia. E proprio per questo al gesto si è voluto dare un significato ancora più simbolico. Ad accendere le luminarie è stata infatti una famiglia da poco uscita dall’incubo Covid. I Migliore, contagiati circa un mese fa, appena negativizzatisi avevano espresso la loro gioia sui social ringraziando il resto della popolazione per la vicinanza e la solidarietà mostrata in questo difficile frangente. Il vicesindaco Gelsomina Lombardi e il consigliere delegato al commercio Vincenzo Garofalo hanno pensato che sarebbe stato ancora più bello se l’accensione fosse avvenuta per mano di questa famiglia. Un ulteriore segno di speranza visto che già l’amministrazione aveva voluto rivestire di un particolare significato questo Natale, incrementando le luci per sostenere moralmente e non solo i commercianti e invitando i cittadini agli acquisiti in loco. Per l’occasione sono stati spesi 3 mila euro in più rispetto agli altri anni e le arterie principali hanno avuto il loro segno del Natale, il loro abbellimento nella speranza di tempi migliori.

 

Daria Scarpitta

Natale ai tempi del Covid: le iniziative dei comuni.

Ecco come i Comuni del Cilento e del Vallo di Diano si preparano a festeggiare il Natale:

 

Daria Scarpitta

Illuminiamo il Natale: le iniziative anti Covid.

Piccoli borghi e città del Cilento, Vallo di Diano e Alburni pronte ad illuminarsi in vista del Natale. Non sarebbe una notizia se non fosse che quest’anno, a causa dell’emergenza Covid, l’atmosfera non sarà la stessa degli altri anni. Non ci sarà la corsa allo shopping, non ci saranno gli auguri con baci e abbracci, e i festeggiamenti di fine anno in piazza. Ma in un contesto emergenziale come quello odierno, le luci sarebbero per molti un simbolo di speranza oltre che un segno per rallegrare i cuori.

Così, se diversi comuni utilizzeranno il pretesto dell’emergenza Covid per risparmiare sulle luminarie, altri – come Sala Consilina – si sono già attivati per installare le luci di Natale.

In altri casi sono privati e associazioni ad aver proposto di illuminare i paesi, riprendendo un progetto ideato dallo speaker radiofonico Pippo Pelo. Quest’ultimo ha lanciato l’iniziativa “IlluminiAMO Salerno” affinché tutti addobbino i propri balconi con luci natalizie per compensare l’assenza di luci nelle strade. Tra i comuni che hanno condiviso questa idea c’è quello di Castellabate che ha già sollecitato e commercianti e cittadini ad addobbare balconi, facciate e vetrine dei pubblici esercizi con luci natalizie. Quest’anno i fondi solitamente spesi per le luminarie natalizie, saranno utilizzati dall’amministrazione per scopi benefici e per le persone in difficoltà. Il Comune ha comunque previsto di collocare un semplice ma simbolico albero luminoso per ogni frazione di Castellabate e di attivare la musica in filodiffusione su Corso Matarazzo.

A Marina di Camerota l’associazione “Tutti insieme” e il “Comitato Luciammare”, prendendo spunto dall’idea dello speaker radiofonico, hanno pensato di sollecitare tutti i cittadini di addobbare baconi, quartieri e negozi. Un’apposita commissione premierà il miglior allestimento. Ovviamente, ricordano dall’Associazione, quest’anno non si terrà la consueta manifestazione Luciammare e la casa di Babbo Natale resterà chiusa.

Antonietta Nicodemo

Oggi giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Oggi si celebra la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Vediamo quali iniziative sono state promosse nel Cilento e nel Vallo di Diano:

 

Daria Scarpitta

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.