Contenuto Principale

"La rivolta di Sapri" di Maldonato all'UniSa per una riflessione su Costituzione e regionalismo.

Risultati immagini per rivolta di sapri maldonato

E’ approdato nelle aule dell’Università di Salerno il libro dell’avvocato Franco Maldonato “La rivolta di Sapri”, quanto mai attuale oggi perché dedicato all’azione che portò  all’apertura dell’ospedale Immacolata, e arricchito in questa sua terza edizione  da un saggio sulle rivolte meridionali degli anni ’70. Ad introdurre l’incontro il Rettore Aurelio Tommasetti  che ha sottolineato l’importanza  dell’approfondimento per gli studenti universitari viste le riflessioni aperte dal libro sul regionalismo, in un periodo come quello attuale in cui a livello nazionale si va ripensando l’esperienza delle Regioni. Anche il Prof. Giuseppe Di Genio, docente della cattedra di Diritto Costituzionale della Facoltà di Giurisprudenza, nell’ambito delle cui attività è stato organizzato il seminario formativo con Maldonato, ha messo l’accento sulla lettura che l’autore ha dato a queste lotte con primo piano il ruolo della Costituzione e il significato delle Regioni, ieri come oggi. Sì, perché il libro “La rivolta di Sapri” cerca  di capire i motivi che hanno portato a quelle azioni così estreme eppure decisive. “Non si è trattato di semplice ribellismo- ha spiegato Maldonato-  Questo libro nasce dalle affermazioni  dei detrattori della rivolta che all’indomani di quegli accadimenti li bollarono come un conato del ricorrente ribellismo delle genti meridionali”. Proprio questa definizione ha spinto l’autore ad interrogarsi su quanto avvenne prima dei fatti di Sapri nel Meridione. Andando a ritroso  ci furono, intorno agli anni ’70, altre ribellioni, ad Avola in Sicilia, prima, e poi a Battipaglia, Reggio Calabria, L’Aquila, Eboli. Ribellioni contro diritti negati, quello del lavoro, o quello ad una propria storia ed identità, come a Sapri fu invece per il diritto alla salute. Maldonato ha dunque spiegato  che se un legame c’è stato tra tutti questi episodi meridionali  esso fu la rottura del patto costituzionale. “Queste lotte- ha spiegato l’avvocato- non furono ribellismo ma una reazione legittima al tradimento dei diritti sanciti dalla Costituzione e avvennero  nel momento in cui si affermarono le Regioni. Non furono frutto dunque  della sfiducia nei confronti dello Stato ma nei confronti di questo nuovo livello istituzionale che anche oggi è al centro della discussione circa la sua validità”. All’incontro hanno assistito anche alcuni studenti dell’Istituto Da Vinci di Sapri accompagnati dal loro dirigente Corrado Limongi ed alcuni esponenti del nuovo Comitato di lotta per l’ospedale dell’Immacolata.

Daria Scarpitta

Teatro in Sala. Presentata la XXIII edizione.

Risultati immagini per teatro in sala presentazione

12 appuntamenti in cartellone, di cui 5 in concorso, una recita di danza contemporanea, 1 matineè per le scuole nell’ambito della giornata della legalità e un fuori programma con il fenomeno dei Casa Surace. Si condensa così la XXIII edizione di Teatro in Sala, storica rassegna dedicata alle compagnie amatoriali organizzata dal Comune di Sala Consilina e dall’Associazione “I Ragazzi di San Rocco ”. Stamane si è tenuta la conferenza stampa di presentazione alla presenza del sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone, del presidente dell’associazione organizzatrice Franco Freda  e del vicepresidente della Banca del Cilento Rosa Lefante. Si comincerà con l’evento inaugurale del 16 dicembre prossimo  alle 18, poi si dispiegheranno i vari spettacoli fino alla finale prevista per il 7 aprile quando verranno annunciati i vincitori di questa edizione. Ad accogliere le rappresentazioni il teatro comunale “Mario Scarpetta” di Sala Consilina con i suoi 475 posti a sedere, una casa propria che è uno dei punti di forza di questa manifestazione che, è stato ribadito oggi, è tra le più longeve  ed è un appuntamento culturale imprescindibile nel comprensorio. Tra le novità di quest’anno il protocollo d’intesa sottoscritto con le istituzioni scolastiche  che potranno avvalersi di questa iniziativa come strumento di divulgazione della cultura teatrale e che parteciperanno anche ad una rappresentazione mattutina e il fuori programma legato alla presentazione teatralizzata del nuovo libro di Casa Surace.

 

Pagine in...Musica. Aléxein Mégas e le sue colonne sonore tra elettronica e intimismo.

Risultati immagini per alexein megas

Via dalle gabbie, no alle costrizioni, sì ad un rapporto più vero con lo scorrere del tempo e con se stessi. Aléxein Mégas si racconta nella rubrica Pagine in...Musica e, incalzato dalle domande di Daria Scarpitta, presenta il suo primo cd, The White Bird, dove emerge tutta la sua ricerca autorale, il suo carattere di musicista in bilico tra elettronica e soundtrack. Sì, perchè il futuro di questo artista, ritornato nel Cilento, nella sua Casal Velino, per rigenerarsi di autenticità, è inequivocabilmente legato alle colonne sonore. 

Guarda l'intervista di 105 Tv e ascolta i brani del primo lavoro di Aléxein Mégas: 

Le opere di Angelo Accardi in mostra a Londra. Con Misplaced l'artista saprese spicca il volo.

Risultati immagini per misplaced accardi londra

Sono approdate a Londra le opere dell’artista saprese Angelo Accardi. Da giovedì scorso sono esposte presso la galleria Eden Fine Art sulla New Bond Street, la strada principale che attraversa il cuore della città, elegantissima e movimentata, ricca di negozi di design, case di moda e gioiellerie di alta classe. La mostra è intitolata Misplaced, fuori luogo, ed in effetti attraverso 60 opere pittoriche e 30 sculture ripropone elementi surrettizi in contesti a cui essi non appartengono. Ed è così che troviamo i rinoceronti ma anche gli amati struzzi, già emersi nelle produzioni di Accardi, nei musei o squarci di spaccati urbani in ambienti casalinghi, e ancora, contaminazioni di cartoons e personaggi del cinema, come la tela 4 metri per 2 che ritrae tra l’altro John Travolta nella classica posa de “La Febbre del sabato sera”. C’è poi il visitatissimo omaggio ai Pink Floyd con l’opera dedicata al fumettista britannico Gerald Scarfe che curò la grafica dell’album The Wall e anche l’omonimo film. Si respira la pop-art nei colori e nelle tecniche di questa nuova personale di Accardi, il cui talento indiscutibile già lo aveva fatto approdare all’estero. Questa inaugurata il 25 ottobre è però la prima personale davvero importante a Londra. Lo dimostra l’affollatissimo vernissage organizzato nella Galleria per l’apertura con tanto di esibizioni e di intrattenimento colorato che ha richiamato personalità del mondo dello spettacolo e della politica londinese. Angelo Accardi, partito da Sapri con un lavoro normale ma una grande abilità nelle mani e un’estrema sensibilità nell’anima, è riuscito a fare della sua passione la sua vita, ottenendo riconoscimenti in tutto il mondo e sapendo diventare anche un bravo imprenditore di se stesso. In primavera con la sua personale toccherà un altro luogo  simbolo dell’arte e della vivacità culturale. Sarà a New York, nel quartiere Soho di Manhattan , rinomato luogo di ritrovo , già meta di numerosi artisti. 

Daria Scarpitta

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.