Contenuto Principale

Omicidio Vassallo, accusato di diffamazione dai Carabinieri. Assolto dal Tribunale il fratello del Sindaco assassinato.

 

Risultati immagini per dario vassallo

Pubblico Ministero aveva  chiesto per Dario Vassallo un anno e due mesi di reclusione per diffamazione i Giudici lo hanno assolto perché il fatto non  sussiste. La sentenza di prima grado è stata emessa  dal Tribunale di Vallo della Lucania al termine del processo partito  dalla denuncia di otto Carabinieri che nel 2010 prestavano servizio a Pollica e  che si sentirono diffamati da una frase pronunciate dall’imputato alcuni giorni dopo l’assassinio del fratello Angelo, Sindaco di Pollica. “ Mio fratello era solo. Mi aveva confidato che  i Carabinieri del posto erano una nullità”, questa la  dichiarazione rilasciata alla stampa e che, secondo l’accusa, avrebbe offeso la reputazione dei militari. Oggi la sentenza di assoluzione. “ Questa sentenza – spiega Dario – è solo uno dei anti e innumerevoli problemi che durane questi lunghi otto anni io e  mio fratello Massimo abbiamo affrontato. A me risulta alquanto particolare che Carabinieri della caserma di Pollica mi abbiamo querelato per cose da me dette dopo due giorni dall’uccisione di Angelo, che a questa prima querela siano seguite altre quatro, da parte di Carabinieri che lavoravano a Pollica nei giorni dell’uccisione di Angelo o che soggiornavano in quei giorni ad Acciaroli o solo perché originari di Pollica. A me risulta strano – continua Dario – che la Procura di Vallo abbia dato seguito a tale querela. Quando da ragazzo facevo il pescatore con mio padre e i mieri fratelli, la cosa più noiosa era l’attesa. Ho imparato ad apprezzare anche questo momento, lungo otto anni” . Poi Dario avvisa tutti “ siamo solo all’inizio. La storia non si può arrestare “ .

 

Antonietta Nicodemo

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.