Contenuto Principale

Caso Mastrogiovanni, il processo arriva in Cassazione. Il 19 giugno prima udienza.

Risultati immagini per mastrogiovanni

Approda in Cassazione il lungo processo sul caso Mastrogiovanni, il maestro elementare di Castelnuovo Cilento la cui morte ha aperto la riflessione sull’impiego del Tso e sulle pratiche di cura mentale in Italia. Il prossimo 19 giugno si terrà la prima udienza  della Suprema Corte che dovrà vagliare i ricorsi presentati dalle parti civili e dagli imputati rispetto alla sentenza di appello che nel novembre 2016 condannò  il primario Michele Di Genio, i medici Rocco Barone, Raffaele Grasso, Amerigo Mazza, Michele Della Pepa, e Anna Angela Ruberto  pur dimezzando loro le pene comminate in primo grado e gli infermieri De Vita, Cirillo D’Agostino, Minghetti, Russo, Cortazzo, Tardio, Scarano, Gaudio, Fortino, Oricchio e Luongo. Dal marzo scorso, quando sono state rese noto le motivazioni della sentenza di appello, che ha riconosciuto come disumana e illecita la contenzione a cui venne sottoposto Mastrogiovanni e ridato piena autonomia alla professione dell’infermiere, non un mero esecutore degli ordini del medico e dunque responsabile del trattamento del paziente, si sono susseguiti gli appelli della famiglia Mastrogiovanni e delle associazioni costituitesi parte civile al processo affinchè venisse ridiscussa la sentenza. “Un verdetto importantissimo – disse all’epoca Luigi Manconi ma ci pare che la decisione d’Appello non sciolga gli interrogativi che questa vicenda solleva.” E ancora la nipote di Mastrogiovanni, Grazia Serra ebbe a denunciare che intanto i medici e gli infermieri condannati continuavano a lavorare, l’Associazione Robin Hood chiese ulteriori indagini sull’applicazione all’insegnante del Tso, e i Radicali rilanciarono la necessità della tutela legale provvisoria per chi viene sottoposto a questo trattamento. Un pressing che ha contribuito a mantenere vivo il dibattito e l’attenzione nazionale sul caso su cui ancora si cercano risposte. Questa volta dalla Cassazione. Il prossimo 19 giugno si torna, dunque, in aula a Roma per il round finale.

Daria Scarpitta

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.