Contenuto Principale

Calcio, Nocerina: arrestato il patron Citarella. L'accusa: "Stipendi n nero ai calciatori.."

 

 

 Bufera giudiziaria sulla Nocerina Calcio e mandato d’arresto per il Presidente del team rossonero Giovanni Citarella. Questo è l’esito dell’operazione “Nuceria” che la Guardia di Finanza di Salerno sta portando a termine in queste ore, notificando le ordinanze di custodia cautelare in carcere non solo al patron della Nocerina ma anche al fratello Christian Citarella e al cognato di questo Alfonso Faiella. L’accusa è di associazione a delinquere finalizzata alla emissione di fatture false e al travestimento fraudolento di valori. 136 i soggetti indagati.In ballo c’è il doppio ruolo di Patron Citarella, dirigente nel mondo del calcio e imprenditore edile già coinvolto nell’inchiesta Due Torri sugli appalti truccati in provincia di Salerno. Secondo le risultanze di questa nuova indagine giudiziaria Giovanni Citarella, suo fratello e il cognato di questi , si erano fatti promotori di una associazione a delinquere che sfruttava un meccanismo complesso, quello delle cosiddette società cartiere. Società intestate a prestanome nullatenenti o a persone reclutate anche tra clochard senza fissa dimora e spesso irreperibili . Queste procedevano a sovrafatturazioni di prestazioni a favore di terze società, realmente operanti e in affari con la famiglia Citarella. Attraverso queste si creavano disponibilità finanziarie in contanti che servivano ai Citarella per pagare in nero ingenti somme di denaro a calciatori professionisti militanti nella Nocerina e ad altri tesserati e dipendenti della stessa società sportiva, e a pagare delle tangenti per l’aggiudicazione irregolare degli appalti pubblici dell’Ente Provincia di Salerno. Il meccanismo è stato scoperto dopo l’avvio di indagini sulla denuncia presentata da un giocatore della Nocerina relativa allo smarrimento di 5 assegni bancari emessi dalla società di calcio per un totale di 55 mila euro. Mentre è ancora in corso l’esecuzione delle ordinanze, Citarella infatti non si trovava nella sua abitazione a Nocera al momento del blitz, sono stati effettuati numerosi e ingenti sequestri. Tra i beni mobili e immobili a cui sono stati appositi i sigilli c’è il 42% del capitale sociale della Nocerina, il 50% della società che gestisce il Park Hotel a Mercato San Severino, luogo di ritiro del team rossonero, 53 fabbricati, 6 terreni, 95 autoveicoli e motocicli, un’imbarcazione e somme di denaro giacenti su circa 150 rapporti di natura finanziaria. Disposto anche il sequestro per equivalente di 34 milioni di euro corrispondenti alle imposte evase.

Daria Scarpitta

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.