Contenuto Principale

Marina di Camerota, 30 enne muore nell'hotel in cui lavorava. E' giallo sulla scomparsa dell'aiuto cuoco.

 

 Chef muore nella sua cameraaveva solo 30 anni, è giallo - Il Mattino.it

 Un altro drammatico episodio ha segnato questo inizio d’estate sulla splendida costa di Marina di Camerota.  Un giovane di  30 anni, Antonio Capone, è stato ritrovato senza vita in una camera dell’hotel in cui prestava servizio: Baia delle Sirene. Per accertare le cause è stata disposta l’autopsia. Il ragazzo,  della provincia di Napoli, era stato assunto come aiuto cuoco. All’inizio del mese  aveva iniziato a lavorare presso il noto albergo, dove alloggiava. Ieri era il suo giorno di riposo, e per l’intera mattinata non è stato visto uscire dalla camera da letto. Intorno alle quattordici,  i dipendenti della struttura, preoccupati, hanno pensato di verificare come mai Antonio tardasse ad alzarsi. Entrati in camera, hanno trovato il giovane collega cadavere. I sanitari del 118 di Policastro  hanno provato in vano a rianimarlo, ma per il giovane cuoco non c’è stato nulla da fare. Appena allertati, sono arrivati in hotel i carabinieri della locale stazione che, con il comandante Francesco Carelli, hanno eseguito una serie di rilievi all’interno della camera da letto e ascoltato i dipendenti e il titolare dell’hotel. La Procura della Repubblica di Vallo della Lucania  ha aperto un fascicolo di inchiesta per verificare cosa possa aver causato la morte del ragazzo che, pare, godesse di buona salute. Il primo esame del corpo è stato eseguito dal medico legale Adamo Maiese. Dall’ispezione è venuto fuori che Capone è morto a seguito di un arresto cardiaco, ma cosa l’abbia determinato è tutto ancora da chiarire. Nella stanza, pare, che non sia stato trovato nulla di sospetto: medicinali, alcol o sostanze stupefacenti. La morte sarebbe avvenuta tra le 11 e le 13,30. Sulla vicenda vige il massimo riserbo. Sembrerebbe che Antonio sia deceduto a seguito di un’embolia polmonare, ma dalle autorità competenti non arriva alcuna conferma. La salma è stata posta sottosequestro e trasferita presso la sala mortuaria dell’ospedale San Luca di Vallo della Lucania dove sarà eseguito l’esame autoptico. Appena dopo la drammatica scoperta nell’hotel è calato il velo del dolore all’interno dei quali ha dovuto farsi spazio, con discrezione, il lavoro dei carabinieri del capitano Fedocci della Compagnia di Sapri, a caccia di elementi utili per la risoluzione del caso. Cosa può aver provocato la morte di un 30 enne sano? Questo l’interrogativo che dovrà sciogliere l’indagine della Procura vallese. Il dramma dell’aiuto cuoco napoletano arriva a venti giorni dall’altra tragedia consumatasi in riva al mare di Marina di Camerota. Il primo giugno scorso la stimata notaia di Sicilì, con studio a Firenze, Marianna Orlando di 71 anni, è morta mentre faceva il bagno . In quel caso è stato accertato che la donna era stata  colpita improvvisamente da un malore che gli ha stroncato la vita. Per il decesso di Antonio, pare esclusa l’ipotesi dell’omicidio, ma gli inquirenti voglio comprendere esattamente, perché il suo cuore ha cessato di battere.  Quanto accaduto ieri nel rinomato hotel ha scioccato l’intero Cilento. Forse mercoledì sarà eseguita l'autopsia. 

antonietta nicodemo

 

 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.