Contenuto Principale

Cilento, gestione rifiuti. Istituito il sub ambito, sarà diretto dalla Comunità Montana del Bussento Lambro e Mingardo.

 

 

 Rifiuti, qualità servizio e nuove regole: questionario dell'Eda Salerno ai  comuni - StileTV.it

Riconosciuto il sub ambito distrettuale per i rifiuti Bussento, Lambro e Mingardo. L’Eda, Ente D’Ambito di Salerno, ha dato l’ok all’organo inviando la comunicazione qualche giorno fa. Sarà la Comunità Montana l’ente capofila del nuovo consorzio che si occuperà di gestire i rifiuti, così come era stato deciso dai 20 Comuni, da Ascea fino al Golfo di Policastro, che avevano votato la delibera di adesione e di riconoscimento dell’ente montano come guida. Risolta dunque la querelle che era stata sollevata nei mesi scorsi circa la legittimità  di nominare come capofila un ente diverso dai Comuni . Resta invece la frattura determinatasi all’interno del Golfo di Policastro. Al momento  sono infatti  fuori dal sub ambito i Comuni di Santa Marina e San Giovanni a Piro che erano stati critici rispetto alla costituzione di un Sad  con queste premesse e a guida Comunità Montana. Mentre sembrerebbe pronto a rientrare nel Subambito appena riconosciuto il Comune di Sapri. Dovrebbe  approvare la delibera di riconoscimento della Bussento, Lambro e Mingardo come ente capofila,  per sedersi poi all’interno di questo nuovo Consorzio. L’obiettivo del Sad è l’autonomia tariffaria e  una gestione dei rifiuti meno costosa e più legata al territorio, che non risenta, come accaduto fino ad ora, del peso dei Comuni più grandi  della provincia di Salerno e con esigenze e problematiche differenti. Ora dopo il riconoscimento del Sad il prossimo passo sarà la definizione degli organi direttivi.

 

 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.