Contenuto Principale

Gioi Cilento, condannata la badante che occultò un cadavere. Era l'anziano che aveva accudito per 12 anni.

 

 
 
 
 
 

 

E’ stata condannata ad un anno e quattro mesi di reclusione  la badante di Gioi Cilento accusata di occultamento di cadavere. Per Pierina Gogliucci 65 anni, originaria del piccolo comune salernitano, è arrivata la sentenza per i fatti accaduti più di un anno fa . E’ stata processata con il rito abbreviato. Per lei il Pm aveva chiesto quattro anni di carcere ma il giudice ha ridotto la pena, dopo averla assolta dall’altra pesante accusa. La badante, infatti, ha dovuto difendersi anche dal reato di abbandono di incapace. Un reato che nel corso del processo non le è stato riconosciuto. La donna per 12 anni ha accudito un anziano di Grottaminarda. Il corpo senza vita  dell’85 enne fu ritrovato nel febbraio del 2020 in un parcheggio nei pressi dell’ospedale di Benevento. Le immagini delle telecamere della videosorveglianza consentirono di risalire immediatamente alla badante, che dopo aver lasciato il  cadavere nell’area di sosta , si allontanò dalla sua auto. Finì in carcere e lei confesso l’accaduto, chiarendo che l’uomo era deceduto durante il viaggio verso l’ospedale e per timore che venisse ritenuta responsabile del decesso abbandonò il corpo nel parcheggio. Gli esami medici accertarono che l’85 enne era morto di stenti  e non aveva subito maltrattamenti. La  sua casa fu trovata in pessime condizioni. Gogliucci ha sempre sostenuto di aver rispettato la volontà dell’anziano, che piu’ volte le aveva ripetuto di abbandonarlo ovunque, quando fosse morto, purche’ non lo avesse lasciato ai suoi figli. Per la Giustizia è responsabile solo di occultamento di cadavere e deve scontare un anno e 4 mesi di reclusione.

 antonietta nicodemo 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.