Contenuto Principale

San Mauro Cilento, archiviata l'inchiesta a carico di sindaco, funzionari e imprenditori dell'Ente.

Giuseppe Cilento - Mediterranea Bio

Archiviata l’inchiesta sul Comune di San Mauro Cilento. Una bolla di sapone la vicenda che aveva visto indagati il sindaco Giuseppe Cilento, il vicesindaco Veronica Schiavo, l’assessore Costantino La Selva, i segretari comunali Luigi Cupolo e Francesco Minardi, il responsabile dell’Ufficio tecnico Nicolino Guzzo, quello dell’ufficio ragioneria Pasquale Cetrola e l’affidataria del servizio mensa Donatella Esposito accusati a vario titolo di abuso d’ufficio e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. Quella che a gennaio 2021 era sembrata una possibile nuova bufera sul Comune già nel 2015 falcidiato da un’inchiesta si è spenta sul nascere. Il gip del Tribunale di Vallo della Lucania ha accolto la proposta di archiviazione che era stata presentata dalla stessa Procura vallese dopo l’analisi della documentazione prodotta e le ulteriori prove acquisite su impulso della difesa sostenuta dall’avvocato Domenicantonio D’Alessandro. L’inchiesta era scattata a fine 2019 dopo alcuni accertamenti  dei carabinieri della Stazione di Pollica e aveva riguardato diversi episodi e atti, come ad esempio al decisione di prorogare il contratto a tempo determinato del responsabile dell’ufficio ragioneria Pasquale Cetrola, la delibera di giunta con cui si esentava dal pagamento della tassa per l’occupazione del suolo pubblico la Cooperativa agricola Nuovo Cilento e l’affidamento a Donatella Esposito del servizio di mensa scolastica per il triennio 2019/2021. I fatti determinarono anche un piccolo e sia pure temporaneo contraccolpo politico con le dimissioni poi ritirate di un consigliere, non indagato ma rimasto provato dall’ennesima inchiesta sul Comune. Gli elementi di prova raccolti però avrebbero fatto emergere la buona fede dell’operato dell’amministrazione. “ Nessun favoritismo – ha commentato con una nota il sindaco Giuseppe Cilento -nessuno stravolgimento di atti nell’assegnazione  di servizi ma il perseguimento dell’interesse generale. Noi tutti accogliemmo con soddisfazione  e rafforzata fiducia nelle istituzioni il provvedimento di archiviazione , cosa che ci rasserena e ci dà ancora più forza nel proseguimento dell’attività amministrativa.”

Daria Scarpitta

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.