Contenuto Principale

Sapri, ospedale in emergenza. Ultimatum all'Asl.

 

 

 

 
 
 
 

 

 

 

 

 

Costituito il tavolo di analisi e proposta per le problematiche della sanità del Golfo di Policastro che riunisce i sindaci, il comitato di lotta per l’ospedale di Sapri, le organizzazioni sindacali e Sapridemocratica. Nella serata di martedì  c’è stata la prima riunione a seguito della quale è emerso un documento con delle richieste precise inviate all’Asl di salerno  e per conoscenza alla Regione Campania.Chieste misure immediate ,che vadano oltre i due cardiologi la cui assunzione è stata promessa per settembre e ciò di fronte ad una situazione insostenibile maggiormente in estate con l’aumento della popolazionesl territorio. nello specifico . Si è concordato di richiedere che tutte le procedure concorsuali sian bandite avendo per riferimento specifico l’ospedale di Sapri e che l’Asl provveda a coprire peril mese di agosto almeno 300 ore di lavoro  di cardiologi. Si è rilevata la necessità di garantire lo svolgimento dei turni di servizio in Radiologia con almeno 250  ore integrative prevedendo poi nel futuro l’assunzione di almeno 2 dirigenti medici a tempo indeterminato. Si sono chieste assunzioni in tempi brevi di dirigenti medici di chirurgia e Medicina e di ortopedia, ore di specialistica ambulatoriale in a gastroenterologia  e la patolgoia clinica per chimico e biologo, e l’utilizzo di graduatorie per l’assunzione di almeno 15 infermieri, 3 ostetriche, 2 tecniuci di laboratorio, 10 oss e 6 autisti di autolettiga. In merito poi alla Medicina territoriale si è chiesta la riattivazione costante del neuropsichiatra infantile, il ripristino delle sedute della commissione invalidi civili  a Sapri, una migliore gestione della assistenza domiciliare integrata. Nel documento un vero aut aut ai vertici sanitari, nella consapevolezza che se c’è la volontà un ordine di servizio può fare la differenza. “Attendiamo risposte entro una settimana- hanno detto dal tavolo- per tutelare turisti e residenti del golfo di Policastro e garantire i livelli essenziali di assistenza, in mancanza attiveremo ogni necessaria iniziativa popolare a difesa del ben comune costituito dalla salute”.

 

 
 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.