Contenuto Principale

Cilento, videosorveglianza nelle aree marine protette. Nessuna traccia delle telecamere.La Procura indaga sul progetto del Ministero da 2 milioni di euro.

Porto Infreschi e la sua Oasi - Cilento e me ne vanto!

 

Un mega impianto di videosorveglianza da 2 milioni di euro altamente tecnologico avrebbe dovuto tenere sotto controllo, 24 ore su 24, le aree marine protette del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano. Gli interventi di installazione  sarebbero stati eseguiti ma di fatto l’impianto non funziona. La procura della repubblica di Vallo della Lucania ha avviato un’indagine per accertare i fatti e le eventuali responsabilità. Nel mirino è finito il progetto “ Mampira “ del Ministero dell’Ambiente che si è occupato dell' appalto dei lavori.

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.