Contenuto Principale

Alta Velocita' Sa-Rc. Pronto il progetto di Rfi, dopo Pasqua approda in Parlamento.

 

 Alta velocità in Italia e Europa, a che punto siamo | BuildingCuE

 

 

Pronto il progetto di fattibilità tecnico economica sull’alta velocità Sa-Rc, sarà presentato alle commissioni parlamentari trasporti di Camera e Senato appena dopo le vacanze di Pasqua. Probabilmente già martedì prossimo. Si tratta di un progetto voluto dall’ex ministra Paola de Micheli che ne finanziò la realizzazione con il decreto legge del 19 maggio 2020 e dette l’incarico a Rfi per redigerlo entro il febbraio 2021. Il progetto che sarà proposto al parlamento prevede una linea di alta velocità vera non un’alta velocità di rete, con molte tratte di nuova costruzione tra Salerno e Reggio calabria.  Si parte da Battipaglia per raggiungere direttamente , senza alcuna sosta, Paja a Mare poi la linea risale verso l’interno da dove raggiungerà Tarsia, Cosenza, Lamezia terme, Gioia Tauro e Reggio Calabria. Di fatto il nuovo tracciato seguirà il percorso interno autostradale e non quello costiero tirrenico e neanche quello Jonico. Il primo lotto prevede la costruzione del tratto Battipaglia – Praja finanziato per circa 1,8 miliari di euro con il recovery Plan su un costo complessivo di circa 8miliardi. Si tratta della parte ritenuta strategica per l’intera operazione. 127 km di strada ferrata di cui 52 in galleria. Una seconda tratta che potrebbe entrare nel recovery plan è la nuova galleria Santo marco che dovrà unire i 18 km compresi tra Paola a Cosenza. Un’ opera di un miliardo che sarà  costruita solo se ci saranno le condizioni per realizzarla entro 2026. “ E’ un lavoro – ha detto il ministro Giovannini – che servirà ad avviare un grande dibattito pubblico sulle soluzioni da scegliere e al suo interno contiene già le prime indicazioni chiare, da intrecciare con il recovery plan “ . L inserimento della linea Salerno – Reggio Calabria nel recovery plan sarà accompagnato dall’impegno del governo italiano a completare l’intera opera entro il 2030 ricorrendo anche a finanziamenti nazionali inseriti nel contratto di programma di rete ferroviaria italiana

 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.