Contenuto Principale

Alluvione nel Golfo di Policastro, danni per svariati milioni di euro. "Chiediamo il riconoscimento dello Stato di calamità naturale".

Nessuna descrizione disponibile.

Dopo il nubifragio nel Golfo di Policastro, è il giorno della conta dei danni. Proseguono i lavori di pulizia e ripristino a Villammare, Policastro e Capitello. Alle squadre locali di Protezione Civile, operai comunali e di altri enti, ai Vigili del Fuoco di Policastro Bussentino, ai volontari,  si sono unite le forze di tante realtà del territorio valdianese e cilentano. Sono arrivati a dare una mano a liberare garage e abitazioni dall'acqua anche i Caschi rossi di Sala Consilina e Agropoli. In campo anche i volontari della Fata di San Pietro al Tanagro, il Gopi di Polla e la Protezione civile di Padula. Le precipitazioni forti , le frane a monte ma soprattutto i canali riempitisi in un attimo hanno determinato uno scempio senza precedenti. A Vibonati sono dieci le famiglie evacuate . Si tratta di nuclei che vivevano in contrada San Giuliano a Villammare  e che sono rimasti isolati in quanto la strada, unica via d'accesso alla località, non esiste più, e altre famiglie che abitano sopra al capoluogo proprio a ridosso della frana che si è verificata lungo la Sp54.  Si trovano all'Hotel Perla che ha messo a disposizione le proprie stanze. Tre ponti sono rimasti danneggiati lungo il torrente Cacafava e in loc. Divolio l'unica strada di accesso è inutilizzabile e si sta predisponendo la chiusura al traffico dell'arteria. Particolarmente coinvolta anche loc. Grezzosa, mentre in loc. Carbone sono crollati dei muri. Transennata una strada anche in loc. Culari."Stiamo lavorando senza sosta- ha detto il consigliere Manuel Borrelli- per mettere in sicurezza il territorio. Stamane sono state fatte le relazioni geologiche. Parliamo di danni di oltre dieci milioni di euro per quanto riguarda il patrimonio pubblico a cui si aggiungono quelli delle abitazioni private." Situazione drammatica anche a Capitello dove pure il conteggio dei danni è di diversi milioni di euro. Si sono registrati problemi a forniture idriche ed elettriche, diverse frane hanno interessato il territorio. "Siamo stati fortunati- ha detto il sindaco Franco Giudice- ci poteva scappare il morto. Meno male che alcune case non erano abitate." Tra le aree maggiormente colpite loc. Cantiere, Di Marrone e Serriere, al di sopra del campeggio 3G, dove case e terreni sono stati inondati con violenza inaudita. Un torrente è straripato e ha portato giù con sè detriti e fango, inondando le case, abbattendo muri, porte e finestre  e trascinando con sè qualunque cosa, auto, mezzi, barche in rimessa e animali da cortile. Gravissimi i danni di una portata mai vista negli ultimi 20 anni.  Stamane sotto il sole  un'immagine del Golfo terribile con il fango a ricoprire le strade ad un passo dal mare e dalle spiagge.Un'altra località fortemente colpita è stata quella di Soranna al confine tra Capitello e Policastro. Stamane un semaforo disciplinava il transito lungo la zona per consentire gli interventi di messa in sicurezza. Le ruspe hanno lavorato a lungo anche a Policastro. Anche qui sono diverse le persone evacuate. Il Comune si è messo al lavoro per garantire un locale in cui soggiornare a chi non può rientrare nelle case.  Diversi i punti del territorio interessati da smottamenti e fango. "Stiamo parlando- ha detto il sindaco Giovanni Fortunato- di una vera e propria calamità,unica , non una semplice pioggia durata più del dovuto. L'unico modo possibile e percorribile sarà quello di attuare dei lavori altrettanto straordinari per poter minimizzare i rischi derivanti da questi eventi imprevedibili."Oggi si spala, si lavora, si fa la conta, e si spera nell'aiuto degli enti sovracomunali. Tutti e tre i Comuni hanno già presentato richiesta di dichiarazione dello stato di calamità naturale e distribuito tra i cittadini dei moduli perchè vengano quantificati i danni accompagnati da documentazione fotografica. Domani verranno pubblicate le ordinanze per la più puntuale messa in sicurezza del territorio.  Intanto è una corsa contro il tempo: venerdì si prevedono nuove precipitazioni.

Daria Scarpitta

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.