Contenuto Principale

Caselle, cittadinanza onoraria a Nicola Materazzi padre dell'F40. " In Italia abolita la meritocrazia. Resta il servilismo ".

 

Caselle in Pittari ha conferito al cittadinanza onoraria all’ing. Nicola Materazzi , originario del piccolo Comune del Golfo di Policastro e padre, tra l’altro, dell’indimenticata F40. Domenica il consiglio straordinario di Caselle con in testa il primo cittadino Giampiero Nuzzo ha assegnato al professionista questo nuovo riconoscimento dopo che  negli anni scorsi già gli erano state affidate le chiavi della città. “E’ con un orgoglio- ha detto il sindaco – che conferisco la cittadinanza onoraria ad un illustre figlio della nostra comunità per averla onorata in italia e nel mondo”. Sono state ripercorse così le origini di Materazzi, il sindaco ha fatto memoria della straordinaria figura della madre e l’ingegnere ha raccontato le sue scorribande poco comprese per le strade di caselle con il primo go kart che gli aprì occhi e cuore verso il mondo dell’automobilismo. Umile e alla mano come sempre Materazzi  si è schernito  ho fatto solo il mio alvoro, cont anta passione ha detto poi, sollecitato non ha potuto non commentare in maniera critica l’attuale situazione della Ferrari regalando con poche e precise parole una lezione valida per tutti. “Il problema è che oggi in italia- ha detto- è stata abolita la meritocrazia in favore della mediocrazia".

 

 

In occasione del conferimento della cittadinanza una grande festa è stata organizzata dal giornalista Tonino Luppino per l’Ing. Materazzi.  Una decina di ferrari provenienti da diverse parti del territorio  e una 275 gtb di proprietà del dott. Passatelli di Vallo della Lucania lo hanno festeggiato sfilando per le strade di Caselle . La scuderia ferrari club di Catanzaro ha voluto essere presente per conferire a Materazzi un premio alla carriera e la tessera del club attraverso il Presidente Mimmo  Tiriolo

 

daria scarpitta

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.