Contenuto Principale

Ascea, nuove grane per la famiglia di costruttori Bertolini. Arrestati per aver distratto e reimpiegato nel settore edile capitali accumulati con la bancarotta. Nei guai anche un carabiniere.

Risultati immagini per ascea edilizia bertolini finanza

Nuove grane giudiziarie per i costruttori Bertolini di Ascea. Questa mattina la Guardia di Finanza di Salerno ha sgominato un’associazione a delinquere operante nel Cilento, dedita al reimpiego nel settore edile di denaro di provenienza illecita. Le Fiamme Gialle hanno arrestato, a seguito delle indagini coordinate dal Procuratore capo di Vallo Antonio Ricci, cinque soggetti,  tre in carcere e due ai domiciliari, accusati a vario titolo di associazione a delinquere, bancarotta fraudolenta, impiego di beni o utilità di provenienza illecita, intestazione fittizia e corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio. Al centro della vicenda proprio la famiglia di costruttori Bertolini: in particolare padre e figlia, Giuseppe e Marianna, titolari del noto impianto di calcestruzzo di Castelnuovo Cilento, il più vecchio dell’area, e già arrestati per bancarotta fraudolenta nel 2013. Assieme a loro, coinvolti in questa che la Procura ha definito “associazione a delinquere  di natura familistica”, anche il fratello Antonio, prestanome nelle diverse società satellite, ed il marito della figlia Aniello Saviano, imprenditore originario della provincia di Napoli. Nei guai è finito anche un carabiniere in servizio presso la stazione di Ascea, Ignazio Messana. L’indagine è partita dall’analisi della posizione economico-finanziaria di Giuseppe Bertolini che, nel tempo, aveva acquisito il totale monopolio nel settore dell’edilizia tra Ascea e zone limitrofe, reimpiegando il patrimonio accumulato in seguito a precedenti bancarotte fraudolente. L’indagine, partita da un anno e che si è avvalsa in passato anche del contributo dei Carabinieri di Vallo, si è sviluppata attraverso servizi di osservazione e pedinamento dei principali indagati e con intercettazioni telefoniche ed ambientali. Gli indagati avevano dato vita nel tempo ad una vera e propria società occulta che si trovava al vertice rispetto alla pluralità di imprese ad essa riconducibili. Attraverso tale società intestata al prestanome avevano messo in campo distrazioni e reinvestimenti,  riuscendo ad utilizzare il patrimonio accumulato con le bancarotte, evitando il pagamento dei creditori e usufruendo ancora dei beni aziendali. A sostenerli anche  un “sistema di amicizie” emerso nel corso delle indagini, come il carabiniere infedele, grazie al quale l’organizzazione veniva per tempo informata degli eventuali controlli presso i cantieri. La Guardia di Finanza alla fine ha apposto i sigilli a 59 fabbricati, 37 terreni e l’intero impianto di produzione di calcestruzzo con relative betoniere, per un valore complessivo superiore ai 10 milioni di euro. Costituivano il patrimonio aziendale illecitamente accumulato negli anni.

Daria Scarpitta

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.