Contenuto Principale

Sapri, nuova lettera-denuncia della D'Agostino contro la sua maggioranza. Sotto accusa la gestione degli immobili comunali e gli evasori fiscali.

 

Nuove nubi all’interno della maggioranza di Sapri. Spunta un’altra lettera critica della presidente della Commissione Bilancio Donatella D’Agostino al sidnaco e ai consiglieri. E’ Sapridemocratica a darne notizia annunciando che, alla luce di quanto contenuto in essa, chiederà alla consigliera di riferire con urgenza al consiglio comunale. Nella missiva dello scorso 2 ottobre la D’Agostino  fa sapere di aver eseguito una rapida ricognizione della situazione economica del Comune  e di essersi sorpresa per quanto constatato. “ Per alcuni servizi a domanda individuale di grande importanza per le casse comunali- scrive la D’Agostino -  si nota una progressiva, costante e inesorabile diminuzione del gettito tributario”. La consigliera si riferisce alla gestione del cimitero, “ oggi- scrive- dominio incontrastato di privati che di fatto vi esercitano le attività in regime di monopolio e a prezzi incontrollati sottraendo ogni agio all’Ente”,  e a quella dei servizi portuali che – si legge nella lettera- “ mostra entrate in costante decrescita  per l’alto numero di mancato riscosso e per una gestione dei servizi e dei locali affidati ai privati non ispirata a criteri di sana gestione amministrativa”. Poi punta il dito anche contro “la concessione a privati, associazioni e finte tali, di locali comunali e impianti sportivi per cui nel 90% dei casi l’ente non solo non incassa  quanto stabilito, ma si fa carico,  in modo assolutamente illegittimo, del pagamento dei servizi, nonostante in questi luoghi sembri si esercitino attività a pagamento a favore di terzi”. E ancora denuncia l’assenza di controlli e la mancata riscossione da parte del Comune “ dei tributi per passi carrabili, occupazioni suolo pubblico, fitti alloggi assegnati e/o occupati sine titolo”. Insomma una critica a 360° in cui la D’Agostino denuncia  una consistente evasione fiscale “per la presenza – scrive- di una consistente fetta di furbi che eludono sistematicamente quanto dovuto” e per cui è pronta a impegnarsi in prima persona in un’azione severa di recupero dei crediti. Passaggi forti della missiva che tornano ad aprire un interrogativo su quanto sta accadendo nel gruppo del sindaco Gentile e a gettare ombre sulla gestione finanziaria del Comune di Sapri. “E’ gravissimo - dicono da Sapridemocratica – e ancora più grave è l’indifferenza del sindaco e dell’intera giunta che a distanza di quasi due mesi non hanno risposto alle questioni sollevate. Riteniamo che la vicenda debba essere discussa in Consiglio perche coinvolge gli interessi dei cittadini e perché è necessario un chiarimento sui rapporti all’interno della maggioranza”.

 

Daria Scarpitta 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.