Contenuto Principale

Cilento a rischio siccità. L'allarme degli esperti.

 Risultati immagini per siccita

 

 Crisi idrica, scatta l’allarme premonitore degli esperti. Il 2019 non è stato particolarmente piovoso. Una constatazione evidente anche ai profani, ma che viene avvalorata dai dati scientifici e che fa ripiombare il territorio nel timore di una nuova estate siccitosa e con erogazione di acqua a singhiozzo, come quella 2017. Il quadro viene delineato dal ,,geologo Franco Ortolani. “Gennaio e febbraio – ha scritto in una sua riflessione - non sono stati molto piovosi. Marzo ventoso e asciutto. La ricarica degli acquiferi carbonatici che ci alimentano gratuitamente di acqua potabile non sta andando bene.” La cosa è ancora più evidente se si fa un raffronto con i dati del 2018 ed è lo stesso Ortolani a fornirli. “Fino all’11 marzo dall’inizio del 2018- ha scritto ancora- erano precipitati circa 500 mm sugli acquiferi: per fine mese si attendeva di superare i 600 mm. Dall'inizio del 2019, compresa la neve, le precipitazioni sono state circa la metà. Preoccupante situazione! Le precipitazioni primaverili abbondanti sono molto importanti per garantire una buona portata alle sorgenti nel periodo estivo. Tra marzo e maggio dovrebbero precipitare circa 500 mm per avere una abbondante ricarica idrica degli acquiferi carbonatici che in Campania alimentano anche i fiumi, le industrie e l'irrigazione.” Il problema nel Cilento, come più volte detto, non è solo l’abbondanza delle precipitazioni, ma anche lo stato di salute di condotte e tubature. “Quanti acquedotti sono stati riparati rispetto alla crisi del 2017?” – si chiede allora Ortolani . E ancora: “In Campania sono stati realizzati 3 bacini artificiali: quello sull'Alento, nel Cilento, il più piccolo, serve ad irrigare circa 1000 ettari.” Come a dire che è il momento di riportare al centro delle riflessioni lo stato attuale delle cose, le eventuali problematiche, le soluzioni e le azioni di prevenzione, per evitare di trovarsi poi come nella torrida estate 2017. Prima, insomma, che sia troppo tardi.

 

Daria Scarpitta 

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.