Contenuto Principale

Cilento, stop alle folle di barche e bagnanti nelle aree marine protette. Le regole bloccano le invasioni. Spiaggia degli Infreschi a rischio chiusura.

 

 

 

 

 

 Risultati immagini per punta infreschi

Folle di barche e bagnanti per decenni hanno caratterizzato lo specchio d’acqua antistante la splendida spiaggia degli infreschi tra Marina di Camerota e Scario . Un paradiso naturale dove è impossibile non fermarsi per godere della bellezza dei luoghi e  dell’acqua cristallina. Punta degli Infreschi è una delle baie cilentane  più famose e ricercate dai turisti italiani e stranieri. Da questa estate la si potrà ammirare con moderazione e mettendosi in fila per l’attracco nelle aree individuate per l’ancoraggio. Punta Infreschi come la vicina  spiaggia della Masseta dal 2009 sono  aree marine protette. Dopo una fase di transizione, da siti liberi a siti proibiti alle soste selvagge, il Parco ha proceduto alle delimitazioni dell’ oasi. I lavori per attrezzare le aree di ancoraggio ed ormeggio sono state affidate alla società Prisma di Sant’Agnello, in provincia di Napoli. Sono stati realizzati i corridoi di lancio e sistemate, le boe che circoscrivono il sito  protetto. All’interno dello stesso hanno preso forma delle aree in cui le imbarcazioni potranno attraccare alle boe, perché accertato che sui fondali sottostanti non ci sono ambienti naturali che possono essere compromessi o resti archeologici. E’ chiaro che non potranno ormeggiare decine di imbarcazioni  contemporaneamente nella stessa area di ancoraggio. Sulla spiaggia degli Infreschi può scendere un numero limitato di persone. Il parco sta valutando se vietarne l’accesso nel mese di agosto, quando lievita notevolmente i numero di turisti, vietarne .  I lavori in corso dovranno essere ultimati entro il 14 luglio. Gli stessi saranno eseguiti nell’altra area marina protetta di Santa Maria di Castellabate. “ Le regole in vigore nelle due oasi  possono essere considerate dannose per le economia locale - afferma il direttore del parco    Romano Gregorio      - però gli operatori a distanza di tempo capiranno che un’oasi marina  usata con disciplina,  è il caso di Punta Infreschi, contribuirà a qualificare i flussi turistici. Le regole sono rigide ma necessarie per proteggere luoghi di pregio ambiatale che rischiano di essere compromessi dalle masse “

 

antonietta nicodemo 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.