Contenuto Principale

Sapri, l'8 settembre arriva 007. Riprese tra stazione e SS18.

Risultati immagini per 007 no time to die cast

C’è grande attesa e curiosità a Sapri per il prossimo arrivo della produzione dell’ultimo film della saga di 007. Si tratta del 25esimo della serie , l’ultimo con protagonista Daniel Craig. Il titolo è No Time to Die e si sa poco di più. Al momento il cast sta girando alcune scene a Matera, le cui immagini acrobatiche con gli stunt in giro per i Sassi hanno fatto il giro del web, dopo di che dovrebbe approdare tra Sapri e Maratea. L’8 settembre è previsto l’arrivo della produzione nella città della spigolatrice, il 9 l’allestimento del set. A sua disposizione sono stati predisposti i piazzali del porto e del campo sportivo. I giorni fissati per le riprese sono il 10 e l’11 settembre poi il cast si sposterà altrove per tornare a Sapri il 23 settembre con altri due o tre giorni di riprese. Ancora i dettagli sono da definire ma pare che le aree scelte come set saranno la stazione ferroviaria e la Statale 18  dal porto al Canale di Mezzanotte, uno scenario che effettivamente chiama alla mente le classiche immagini dei film di James Bond, in particolare quegli inseguimenti adrenalici con gli strapiombi sotto a far salire la tensione. Per il momento, però, solo il regista conosce tutti i particolari di scene, trama e locations e se oltre agli stunt sul territorio saprese arriveranno anche gli attori del ricco cast Daniel Craig, Rami Malek, Ralph Fiennes, Naomie Harris . A Sapri, l’importante evento era già stato annunciato in qualche modo ai primi di agosto quando presso il cineteatro Ferrari c’erano stati i casting per trovare le comparse, una grande opportunità per i locali soprattutto per vedere come opera una grande produzione.  Si cercavano adulti dai 18 ai 70anni di qualsiasi nazionalità. Ora per i prescelti c’è l’opportunità di assistere al ciak internazionale. Per tutti gli altri, appassionati o meno di 007, c’è da attendere fino ad aprile 2020 per vedere il film completo, al netto dei tagli, nelle sale cinematografiche.

Daria Scarpitta

 

Donna incinta arriva in condizioni disperate all'ospedale di Sapri, salvata assieme al suo bambino.

Risultati immagini per Ospedale di Sapri

Hanno rischiato di morire mamma e feto ma l’intervento tempestivo e preciso dei medici del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Sapri ha consentito di salvarli entrambi. Tutto ha avuto inizio nella mattinata di ieri. Una giovane donna di 22 anni alla 33esima settimana di gravidanza è arrivata al presidio dell’Immacolata d’urgenza trasportata dal 118. La signora, originaria del napoletano, era in vacanza a Marina di Camerota quando sono arrivate le complicazioni. All’ospedale è giunta  accusando dolori e  una forte emorragia. Subito i medici presenti nel reparto di Ostetricia si sono attivati per fare i dovuti accertamenti e si sono accorti che era in corso un distacco della placenta. Per la donna erano solo due le possibilità di intervento: trasferirla presso un altro ospedale attrezzato per i prematuri oppure operarla d’urgenza a Sapri. I medici hanno dovuto assumere una decisione fondamentale in pochi attimi. L’abbondanza delle perdite di sangue e la presenza di sofferenza fetale li hanno convinti ad intervenire immediatamente. Mamma e figlio, infatti, avrebbero rischiato di morire durante il trasferimento. Sono stati attivati dunque tutti i servizi necessari ed è stata approntata l’equipe,composta dalla dottoressa Perazzo e dal dottore Cammarano, ginecologi, dai dottori Saturno, Gatto e  Pastore, anestesisti e dalla dottoressa Rapiti, pediatra. Hanno lavorato in squadra su mamma e bambino, salvandoli entrambi. La donna è stata sottoposta ad intervento per far nascere il piccolo, che è stato immediatamente intubato dagli anestesisti per consentirgli di respirare. Il neonato è stato poi trasferito in eliambulanza all’ospedale di Nocera Inferiore. Al momento è stabile dal punto di vista respiratorio, anche se  essendo prematuro la prognosi potrà essere sciolta solo dopo 48 ore  . La mamma, che resta ricoverata presso l’Immacolata di Sapri, sta bene e attende di poter riabbracciare il suo bambino. Una storia di buona sanità che arriva dall’ospedale di Sapri, un lieto fine che mostra ancora di più, se pure ce ne fosse bisogno, quanto è importante la presenza di un reparto di ostetricia e Ginecologia in queste zone di frontiera e di turismo, e quanto sia necessario tenerlo vivo e attrezzato contro illogici disegni di razionalizzazione e tagli che non fanno che dire no alla vita e alla speranza.

Daria Scarpitta

 

Scuola. Troppo presto l'inizio delle lezioni, danneggia turismo e studenti. Il sindaco di Sapri fa slittare l'apertura al 16 settembre. Torraca e Camerota sulla stessa linea.

Risultati immagini per scuole

A Sapri le scuole  di ogni ordine e grado riapriranno  il 16 settembre anziché l’11. L’inizio dell’anno scolastico definito dalla Regione Campania infatti risulta troppo ravvicinato e già lo scorso anno aveva destato malumori. Il sindaco Antonio Gentile ha dunque disposto un’ordinanza con la quale chiude  le scuole dall’11, quando cioè dovrebbe suonare per la prima volta la campanella, e fissa l’apertura al 16.  Le motivazioni  sono diverse ma in primo piano  ci sono le esigenze turistiche e l’estate ancora in corso. “Il periodo indicato – si legge nell’ordinanza -risulta essere, per le attività turistiche e ristorative, di particolare interesse per la stagione estiva non ancora conclusa e con numerosi  turisti e villeggianti presenti sul territorio comunale e del comprensorio, nonché caratterizzato da temperature elevate, tali da creare non pochi disagi agli utenti scolastici.” Di qui la decisione di posticipare, intervenendo con un’ordinanza.  Anche le scuole di Torraca, che, tra l’altro, dipendono dal Santa Croce di Sapri, dovrebbero aprire il 16 settembre. Il sindaco Bianco, infatti, è pronto a prendere un analogo provvedimento.  A questi Comuni si aggiunge  Camerota, che già lo scorso anno aveva posticipato l’inizio delle lezioni , e che a breve  tornerà a emettere l’ordinanza per tenere chiuse le scuole qualche giorno in più. “Aprire l’11 settembre gli istituti – ha detto il sindaco Mario Scarpitta - trovo che sia troppo presto, soprattutto per delle località turistiche. Le scuole non sono provviste di climatizzatori e i ragazzi soffrono. L’apertura dovrebbe essere posticipata almeno alla terza settimana di settembre. Avevo  chiesto ai sindaci del comprensorio di fare voti alla Regione per rivedere l’inizio delle lezioni . Vedo con piacere che anche altri sindaci stanno seguendo questo percorso”. La decisione ha il beneplacito anche degli operatori turistici. Già ad aprile la rete dei distretti turistici aveva scritto alla Regione per chiedere quest’anno di far suonare la campanella più tardi, mettendo tra l’altro in evidenza che l’apertura a metà settimana anziché dal lunedì penalizzava ancora di più le attività, costrette a vedere chiusi gli affari già dal weekend precedente. Purtroppo di lì a poco la Regione aveva ufficializzato il calendario scolastico 2019/2020 con un’apertura ancora più anticipata.  Ora le mosse dei sindaci potrebbero dare una svolta a questa situazione.

Daria Scarpitta

Sapri, spaccio di droga in paninoteca. Arrestato il proprietario di Fabrika. Sotto sequestro il locale.

~ (1057×840)

 

 

BLitz antidroga nella pizzeria e paninoteca Fabrika, noto locale di Sapri. I carabinieri del Comandante Marino hanno posto sotto sequestro la paninoteca e arrestato il proprietario dell'attività che deve rispondere di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. L'operazione è stata eseguita nel pomeriggio di ieri intorno alle 17 . I Carabinieri della locale  Stazione , durante un consueto servizio finalizzato al contrasto dello spaccio di stupefacenti, hanno fermato in piazza Regina Elena ,  M.F. classe ’75, incensurato, residente a Sapri. Era  a bordo del suo scooter, e già dai primi momenti si è mostrato in stato di agitazione. Nel vano sottosella infatti, i carabinieri  hanno trovato occultato un involucro di 5,1gr di hashish nonché 1780,00 euro in contanti. Immediatamente è scattata la perquisizione all'interno della paninoteca di cui è proprietario. 

 Vicino alla cassa è stato infatti trovato un altro involucro con 12gr di cocaina, mentre nella cassetta pronto soccorso del bagno altri 40gr circa di hashish e un bilancino di precisione . L’uomo è stato tratto in arresto e posto agli arresti domiciliari mentre il locale è stato sequestrato. Le indagini sono in corso per individuare altri eventuali complici. 

Antonietta Nicodemo 

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.