Contenuto Principale

Cilento. Ospedali Asl, in mobilità 22 lavoratori delle mense

 

 Si inasprisce la vertenza mensa negli ospedali dell’ex Asl Sa3. La Dussman Service, la società che gestisce l’appalto in regime di proroga dalla fine dell’anno, lo scorso 8 gennaio in una lettera inviata ai sindacati di categoria ha chiesto il licenziamento di 22 lavoratori. Si tratta nello specifico di 13 operatori impiegati presso l’ospedale di Vallo, 2 presso il nosocomio di Sapri, 3 ad Agropoli e 4 a Sant’Arsenio. La motivazione addotta per il provvedimento, come si legge nella missiva, è “il significativo e progressivo ridimensionamento dell’attività di produzione per il quale l’Ente Appaltante non manifesta, ad oggi, la prospettiva di ristabilire il regime di produzione pregresso, con un conseguente drastico calo delle attività lavorative e contestuale forte ridimensionamento del fatturato”. Questo, aggiunto ai mancati o ritardati pagamenti da parte dell’Asl in questo periodo di tagli alle amministrazioni pubbliche, avrebbe determinato la necessità di ridurre il personale assunto. La vicenda ha fatto subito insorgere i sindacati Uil, Cgil e Cisl di categoria. Le sigle infatti sono convinte che dietro la manovra si nasconda una ripicca per come è andata la trattativa in merito al reintegro di 3 addetti al servizio mensa dell’ospedale di Agropoli. A dicembre scorso, infatti, la Dussmann aveva avviato le trattative inerenti il licenziamento di questi 3 lavoratori, ma, ad un certo punto , il tavolo di incontro con i sindacati aveva subito un netto stop. I rappresentanti dei lavoratori, infatti, non avevano accettato la proposta della Dussmann che,in cambio del reintegro immediato dei tre addetti alla mensa di Agropoli, aveva chiesto l'attivazione di una cassa integrazione in deroga per tutti i lavoratori dei plessi dell'ex Asl Salerno 3. Per i sindacati i dati forniti dall’Asl non avallavano le motivazioni della Dussmann e inoltre non c’erano le condizioni per questo tipo di ammortizzatore sociale, tanto più che era in corso la gara d’appalto per il servizio. Ora però questo nuovo atto con la richiesta di licenziamento di 22 addetti su tutto il territorio cilentano e valdianese. “E’ un ricatto- dicono le sigle confederali - per non aver accettato le condizioni imposte per il reintegro degli operatori impiegati ad Agropoli. Ma non ci fermeranno” Domani potrebbe aprirsi un nuovo tavolo di trattative e , se le cose , non andranno secondo i piani i sindacati sono pronti a rivolgersi alla Regione Campania.

Daria Scarpitta

L'avv. Rosy Pepe risponde con una lettera aperta a dianoinpiena dopo le polemiche sull'accavallamento delle date di alcune manifestazioni a difesa del nostro territorio

Riceviamo e pubblichiamo..

 

Spenti i riflettori sulla polemica subita dal Comitato Pro Tribunale per avere organizzato a Sala Consilina un incontro pubblico nella stessa data del vostro convegno ad Atena Lucana, mi corre l’obbligo di scrivere per difendere la dignità di cittadini inermi, a cui è stato riversato addosso il fango nocivo della diffamazione. Sui social network abbiamo avuto modo di leggere frasi ingiuriose, proferite da alcuni componenti del comitato #dianoinpiena, al nostro indirizzo, commenti volgari e, soprattutto, l’accusa di “essere stati gli artefici del disastro che è sotto gli occhi di tutti” come anche di “pretendere di fare convegni per trovare una via d’uscita” per gli effetti provocati nel Vallo di Diano anche dallo sversamento di rifiuti tossici, così come evidenziato dalla indagine della Procura di Santa Maria Capua Vetere. Contro di noi sono state scagliate parole offensive, solo perchè avevamo osato approntare una manifestazione concomitante con quella sul processo Chernobyl, tenutasi per sollecitare la costituzione di parte civile da parte degli enti pubblici interessati dalla correlata inchiesta. Siamo stati in silenzio nel non replicare a tali ingiurie, usando gli stessi canali di comunicazione, un silenzio dettato preliminarmente dall’incredulità di fronte a tali attacchi e successivamente dalla volontà di capire meglio cosa stesse accadendo. Da alcuni esponenti di #dianoinpiena ci è stato chiesto di spostare la data del nostro convegno, perché gli amministratori valdianesi dovevano partecipare a quello di Atena Lucana. Non abbiamo potuto soddisfare tale richiesta, perché i nostri relatori avevano offerto la propria disponibilità per il 7 gennaio scorso e tra di essi v’era come rappresentante istituzionale del comprensorio il Presidente della Comunità Montana, che peraltro non è mancato all’appuntamento di Atena Lucana, come del resto gli altri amministratori valdianesi. Ci siamo domandati allora il motivo di tanto rancore nei nostri confronti che, se messo in relazione con i commenti letti in rete, ci risulta ancora incomprensibile. Noi del Comitato Pro Tribunale, che ci siamo impegnati in prima linea nella battaglia a difesa del Tribunale di Sala Consilina, mettendoci di nostro la faccia, la storia, la dignità personale, non ci stiamo a subire queste ingiurie. E’ grazie a noi che si sono tenute accese le speranze di salvezza del Palazzo di Giustizia, peraltro già soppresso. E’ merito nostro, e lo rivendichiamo con orgoglio, se sui giornali a tiratura nazionale, quando si parlava delle proteste sulla legge di revisione delle circoscrizioni giudiziarie, compariva la foto del nostro tribunale. Di tutta risposta a questi indiscutibili meriti, ora succede che, invece di stringersi solidalmente a chi per mesi si è adoperato nel mobilitare la comunità su questo tema,veniamo additati come “gli artefici del disastro che è sotto gli occhi di tutti”? Eh no, non siamo sporchi di queste accuse, non siamo disposti ad essere linciati idealmente. La nostra gente si sente offesa ed indignata, perché non ci siamo mai messi in competizione con voi, e perché non meritiamo queste calunnie. Certo non siamo impegnati come #dianoinpiena sui temi della difesa del nostro habitat naturale, ma anche a noi preme la tutela del territorio in cui viviamo con i nostri cari. A me in particolar modo perché miei congiunti hanno subito le conseguenze di tali devastazioni ambientali, ragione i più per la quale avverto l’alto senso morale di impegnarmi anche a nome loro. E aver organizzato un convegno concomitante con il vostro non può offrire a qualcuno di voi lo spunto per metterci alla gogna pubblica. La “fuffa” gettataci addosso la scrolliamo con sdegno, convinti che il tempo riuscirà a rendere giustizia di questi attacchi del tutto gratuiti. E a chi di #dianoinpiena ci aveva chiesto momentaneamente scusa, pur continuando a sollevare dubbi sull’operato del Comitato Pro Tribunale diciamo: noi saremo al vostro fianco nel difendere il Vallo di Diano dagli attacchi dei gruppi malavitosi che attentano alla salubrità del nostro comprensorio territoriale, purchè prendiate le distanze da coloro i quali ci hanno accusato. Se, invece, ritenete tutti che abbiamo delle responsabilità in merito a quanto evidenziato dall’inchiesta Chernobyl ed altro ancora, abbiate non solo il buon senso ma anche la decenza di imputarcele, facendo nomi e cognomi dei colpevoli. E’ il minimo che possiamo chiedervi al momento. Di altro, ossia di come abbiate diviso una comunità in buoni e cattivi, risponderete alla vostra coscienza, perché quello che alcuni di voi ci hanno riversato addosso non si scrolla facilmente, neppure per chi ha eato questa operazione diffamatoria. Ci piacerebbe che coloro i quali hanno perpetrato le offese riconoscano lo sbaglio, ma sinceramente e con il cuore in mano, senza remore e senza dubbi. E chissà che noi con voi potremmo iniziare tutta un’altra storia.

Sala: il comitato pro-tribunale condanna l'assenza del governatore campano nelle azioni di protesta

 

Buonabitacolo, l'opposizione attacca il sindaco Curcio sui mancati lavori in Via Grancia

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.