Contenuto Principale

Albanella, inchiesta dell'antimafia: si scava a caccia di cadaveri o di rifiuti?

È da tre giorni che i vigili del fuoco scavano in una vasta area, al confine tra Albanella, Castelcivita e Roccadaspide. Cosa cercano non è dato saperlo. Il dato certo è che gli escavatori sono stati mandati lì dalla direzione distrettuale antimafia. Pare che un camorrista pentito abbia informato la Giustizia di fatti criminali che avrebbero interessato anche quell’area della provincia di Salerno. Cosa si stia cercando non è dato saperlo. Due le ipotesi che circolano in maniera insistente ma che non trovano conferma negli ambienti istituzionali. C’è chi sostiene che in quell’area siano sepolti due vittime di omicidi, avvenuti nell’ambito di una faida tra organizzazioni criminali, oppure rifiuti tossici, che sarebbero stati interrati nell’ambito di un traffico nazionale di rifiuti pericolosi risalente alla fine del primo decennio degli anni 2000. Che quella zona del salernitano possa essere stata oggetto di attività camorristiche non sorprende. Il 15 maggio del 1979, nei campi di Albanella fu ritrovato e arrestato Raffaele Cutolo, il mafioso che nel 1970 fondò in Campania la nuova camorra organizzata. Si rifugiò lì per più di un anno dopo essere evaso dall’ospedale giudiziario di Aversa. Oggi ha 81 anni e l’estate scorsa è stato trasferito dal carcere di Parma in ospedale per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute. Le operazioni di perlustrazione sono ancora in corso. Difficile capire dopo tre giorni di scavo cosa sia venuto fuori. I confini del luogo in cui si scava sono presidiati giorno e notte da militari. A nessuno è consentito accedere. Domenica ci ha provato anche il Sindaco ad avvicinarsi all’area in cui sono in corso gli scavi, ma gli è stato impedito.

 

 

Il sindaco di Albanella, Enzo Bagini, è all'oscuro di tutta questa vicenda. Ha provato ad accedere all'area dove si scava, ma gli è stato proibito. Ecco le sue dichiarazioni:

Antonietta Nicodemo

Gerardo Trani, segretario SPI CGIL Sapri: "Sono arrivati pochi vaccini antinfluenzali".

Questa mattina alla nostra rassegna stampa è intervenuto Gerardo Triani, segretario SPI CGIL Sapri, e ci ha parlato del fatto che sono arrivati pochi vaccini antinfluenzali nelle nostre zone.

 

Alessandro Turchi, presidente dell'Associazione "Solo Dirigenti" parla della situazione della scuola in Campania e dello scontro sindaco-preside a Santa Marina.

Questa mattina alla nostra rassegna stampa è intervenuto Alessandro Turchi, presidente dell'Associazione Nazionale "Solo Dirigenti". Nella prima parte dell'intervista ci ha informato sulla situazione della scuola e sulle possibili aperture dell'attività in presenza per primarie e secondarie.

 

Successivamente Turchi ha detto la sua sullo scontro che si è creato a Santa Marina tra il sindaco e la dirigente scolastica, una discussione cominciata mesi prima ma che si è nuovamente accesa dopo la partecipazione di quest'ultima a una festa avvenuta in pieno lockdown e quindi vietata.

Poderia, scarichi illegali. Sequestrato distributore di carburanti.

Ecco tutti i dettagli:

Antonietta Nicodemo

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.