Contenuto Principale

Golfo di Policastro, lotta al bullismo. Il Rotary sposa il progetto dell'Asl.

 

 

 

 Risultati immagini per bullismo

Nel Golfo di Policastro ha preso vita il progetto dell’Asl contro il bullismo . Un progetto che punta a formare personale  qualificavo nelle scuole e con il tempo a creare le strutture necessarie per affrontare il fenomeno all’interno dei plessi scolastici. Un progetto ambizioso che l’Asl ha potuto avviare sul territorio a Sud di Salerno grazie alla collaborazione del Rotary Club che considera l'iniziativa una valida arma per provare ad annientare il problema che interessa sempre di più anche la popolazione scolastica del Golfo di Policastro

 

Educare i giovani. A Sapri la tavola rotonda per riflettere sui ruoli di: scuola, famiglia e chiesa.

 

 

 Risultati immagini per giovani

 

" Educare nell’orizzonte luminoso della speranza alla luce della spiritualità di San Giovanni Bosco “ è il tema affrontato nella parrocchia di San Giovanni Battista di Sapri con una tavola rotonda che ha portato i relatori a far riflettere il pubblico sul rapporto difficile tra scuola e famiglie e tra genitori e figli e come i sociali hanno influito negativamente sulle relazioni educative. 

 

Polla, il piano ospedaliero non piace ai Sindaci. A De Luca chiedono modifiche. In stand by il ricorso al Tar.

 

 

 

Il ricorso al Tar contro il piano ospedaliero proposto dal Sindaco di Polla resta in stand by. L’assemblea dei Sindaci del Vallo di Diano ritiene che in questa fase non ci sono le condizioni per trascinare la questione dinnanzi alla Giustizia. Su un punto sono d’accordo tutti: il piano così come è non tutela i servizi che offre il Luigi Curto. Nella riunione di mercoledì sera  è stato deciso di redigere un documento da inoltrare al presidente della regione campania Vincenzo De Luca. Un documento che indichi in maniera precisa le modifiche da apportare al piano nella parte che interessa l’ospedale di Polla. Per il Luigi Curto è stata prevista l’ elevazione a Dea di Primo Livello, ma – secondo gli amministratori locali – l’ organizzazione dei reparti e dei servizi indicata  nel piano incriminato non consentirebbe al nosocomio del Vallo di Diano di raggiungere i parametri previsti per i Dea di Primo Livello. Ad esempio questo tipo di strutture devono registrare all’anno 45 mila accessi. Le modifiche da chiedere al commissario della sanità campana verranno elaborate da una apposita commissione che è stata costituita al termine dell’incontro. Ne fanno parte il Sindaco di Polla Rocco Giuliano, il direttore sanitario dell’ospedale Luigi Mandia e il presidente del distretto saniario Sala Consilina – Polla Francesco Cavallone. Presente alla riunione l’assessore regionale Corrado Matera che ha difeso il lavoro svolto dal governo campano sulla rete sanitaria regionale ed in particolare per gli ospedali del Cilento e del Vallo di Diano, rispetto alla gestione della giunta Caldoro.

 

 antonietta nicodemo 

 

Camerota, arrestato un cuoco per pedopornografia. L'inchiesta è scattata dopo la denuncia di una 13 enne.

 


Visualizza immagine di origine

E’ stato arrestato nelle prime ore di questa mattina, un cuoco 55enne residente a Camerota capoluogo, accusato di pornografia minorile e violenza sessuale. Ad operare  è stata la Polizia Postale di Napoli, coadiuvata dai Carabinieri della Stazione di Marina di Camerota, diretti dal maresciallo Francesco Carelli. La misura cautelare eseguita stamane è giunta all’esito di un’attività di indagine iniziata nell’estate scorsa dopo la denuncia di una minorenne napoletana. La ragazzina era stata infatti adescata sui social dall’uomo che era arrivato anche ad incontrarla in più occasioni nel napoletano e ad usarle violenza. Dagli accertamenti seguiti alla denuncia, che hanno portato a perquisizioni e controlli sui dispostivi in uso al cuoco, è emersa, tra dicembre e gennaio, una serie di filmati di contenuto pedopornografico. L’uomo possedeva alcune schede intestate a persone di origine straniera dalle quali è stato possibile ricostruire le sue azioni criminose. Il quadro a suo carico si è così aggravato. E’ risultato infatti che il 55enne minacciava la ragazzina e la costringeva a girare dei filmati pornografici assieme ad altre minori. Tutto si sarebbe svolto nel napoletano, poi la Polizia Postale è riuscita a stringere il cerchio intorno all’uomo, originario di Napoli ma sposato a Camerota, dove risiede assieme alla moglie e a tre figli, ed è partita la collaborazione con le locali forze dell’ordine . Stamane alle 6 sono scattate le manette ai  polsi del cuoco che lavorava presso una locale struttura ricettiva. Il 55enne è stato dapprima trasferito a Fuorni e poi accompagnato nella casa circondariale di  Vallo della Lucania, destinata proprio ai reati sessuali

 

 daria scarpitta

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.