Contenuto Principale

Punto nascita a Sapri, il governatore diserta l'incontro sull'erosione. " Non scappo- Verrò per chiarire tutto".

 

Risultati immagini per de luca

 

 

Dopo una settimana di contestazioni contro il decreto regionale che chiude il punto nascita a Sapri e Polla, Sindaci e comitati di lotta speravano di discutere la questione faccia a faccia con il Governatore Vincenzo De Luca. Tutti lo attendevano questa mattina alla tavola rotonda organizzata a  Villammare per discutere della sull’erosione costiera del Golfo di Policastro. Invece il presidente non ci sarà “ questo non vuol dire che scappo da chi mi attacca sulla sanità – fa sapere De

Luca – presto sarò a Sapri e Polla per chiarire i fatti a tutto il territorio. L’incontro di oggi è stato organizzato dall’assessore regionale al turismo Corrado Matera per affrontare una questione diversa da quella sanitaria. E mi dispiace di non poter partecipare a causa di altri impegni” . Una assenza che deluderà, non solo chi attendeva risposte precise sul capitolo “ punto nascita “ ma anche gli imprenditori balneari e i cittadini che da tempo attendono progetti capaci di restituire le spiagge divorate dal mare . Ma torniamo alla protesta in corso contro il recente decreto firmato da  De Luca che dal primo gennaio chiude i due punti nascita. Il Governatore continua a ribadire che al tavolo del Ministero di giovedì scorso ha chiesto la deroga per entrambi i presidi ed ha annunciato che proporrà, sia per Sapri che per  Polla la promozione a Dea di I livello, Ciò  vuol dire che agli attuali reparti se ne aggiungeranno altri. Intanto sputata la relazione con la quale l’8 agosto scorso il Comitato Percorso Nascita Nazionale ha bocciato la richiesta di deroga per i due presidi. Un documento che solleva dubbi sulle buone intenzioni del commissario regionale alla sanità per entrambi i nosocomi periferici del salernitano.  Nell’esprimere parere contrario alla deroga per Sapri scrive:  “ dall’analisi dei dati di georeferenza emerge la totale assenza di disagio orografico. Infatti si evidenzia che, a fronte del punto nascita di Battipaglia, che la regione indica come PN alternativo, la cui distanza dal bacino d’utenza di Sapri dovrebbe giustificare la persistenza in attività di quest’ultimo, ve ne sono altri quali, Lagonegro, Vallo della Lucania e Agropoli ove si distribuiscono le donne del bacino d’utenza di Sapri con tempi di percorrenza che appaiono contenuti entro i 60 minuti . Tutto ciò appare ancora più evidente dallo scarso indice di attrazione del PN rispetto all’utenza dei comuni del proprio bacino” . Scorrendo la relazione del Comitato Nazionale viene anche fuori che i reparti di maternità di Sapri e Polla devono chiudere per consentire a  quello di Vallo della Lucania di far salire il numero dei parti, da anni inferiore  ai numeri che registrano i due punti nascita sacrificati dal recente decreto regionale. Eppure il San Luca ha ottenuto la deroga. Sapridemocratica chiede a De Luca, “ perché per tre mesi non ha presentato una nuova richiesta documentando la verità?E perché nessun ha informato i sindaci del territorio della possibile chiusura dei punti nascita del loro ospedale ?”. Le uniche due domande alle quali fino ad oggi nessuno ha dato una risposta,  nonostante le contestazioni.

antonietta nicodemo  

 

 

 

 

 

Sapri, Del Medico " sul punto nascita le istituzioni devono dire la verità".

 

 Risultati immagini per protesta sapri

 

 " Le istituzioni devono dire la verità sul perchè il punto nascita di Sapri è stato soppresso " . Il consigliere comunale Giuseppe del Medico spiega le ragioni del suo sfogo al termine del corteo di protesta per le vie del paese. 

 

Opere pubbliche a Vibonati. Il Sindaco Brusco " ultimati e avviati importanti progetti per il nostro Comune" .

 Risultati immagini per brusco franco

 Il Sindaco di Vibonati Franco Brusco traccia un bilancio sui progetti avviati e quelli in cantiere. 

 

 L'intervista di Antonietta Nicodemo 

Punti Nascita, i comitati di lotta attendono De Luca. Sabato sarà a Villammare per un incontro sull'erosione costiera.

 

Risultati immagini per protesta sapri

 

 

Dopo una settimana di contestazioni contro il decreto regionale che chiude il punto nascita a Sapri e Polla il Governatore Vincenzo De Luca arriva nel cuore della protesa , ma per parlare di erosione marina. L’incontro si terrà dalle 10,30 in poi presso l’hotel Royal a Villammare. Era programmato da tempo, ma come si suol dire, cade a fagiolo perché darà l’opportunità al  territorio di poter affrontare la questione “ maternità” faccia a faccia con il presidente regionale che, in qualità di commissario della sanità campana,  ha firmato l’atto che  chiude i due punti nascita.  Ad attendere De Luca ci saranno, quindi,  le istituzioni locali per affrontare con lui il grave problema dell’erosione marina ma anche per  chiedere certezze sul futuro dei due ospedali periferici del salernitano. La stessa cosa faranno i cittadini attivi che rivendicano una sanità pubblica sicura ed equa. Le manifestazioni di piazza tenutesi a Sapri e Polla hanno chiesto alla politica a vari livelli di garantire anche alle piccole realtà come quelle del Cilento e del Vallo di Diano il diritto alla salute. “ E’ vero che nelle due strutture sanitarie non si registrano numeri da record, ma è pur vero che la regione non ha mai fatto nulla per fare in modo che questo accadesse. A Sapri ad esempio continuano a mancare primari e  medici specialisti. Per questo il comitato di lotta appena costituitosi ha dichiarato lo stato di agitazione permanente per la revoca del decreto regionale che sopprime i due punti nascita e per il potenziamento delle strutture sanitarie pubbliche. Una vertenza che il comitato saprese porterà avanti in collaborazione con i comitati territoriali del Vallo di Diano creando un fronte comune per le successive azioni di lotta. 

 

Antonietta Nicodemo 

 

 

 

 

Una stato di agitazione quello in corso a sud di Salerno contro il decreto firmato da De Luca che fa presagire l’assenza del Governaore sabato mattina  a Villammare. Il Sindaco Brusco assicura “ il  presidente non diserterà l’incontro".

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.