Contenuto Principale

sapri, punto nascita. Il Governatore convoca il comitato di lotta a Napoli.

 

 Risultati immagini per protesta sapri

 

Nel bel mezzo della protesta sulla soppressione dei punti nascita di sapri e polla  sputata la relazione con la quale l’8 agosto scorso il Comitato Percorso Nascita Nazionale ha bocciato la richiesta di deroga per i due presidi. Un documento che solleva dubbi sulle buone intenzioni del commissario regionale alla sanità per entrambi i nosocomi periferici del salernitano.  Nell’esprimere parere contrario alla deroga per Sapri scrive:  “ dall’analisi dei dati di georeferenza emerge la totale assenza di disagio orografico. Infatti si evidenzia che, a fronte del punto nascita di Battipaglia, che la regione indica come PN alternativo, la cui distanza dal bacino d’utenza di Sapri dovrebbe giustificare la persistenza in attività di quest’ultimo, ve ne sono altri quali, Lagonegro, Vallo della Lucania e Agropoli ove si distribuiscono le donne del bacino d’utenza di Sapri con tempi di percorrenza che appaiono contenuti entro i 60 minuti . Tutto ciò appare ancora più evidente dallo scarso indice di attrazione del PN rispetto all’utenza dei comuni del proprio bacino” . Scorrendo la relazione del Comitato Nazionale viene anche fuori che i reparti di maternità di Sapri e Polla devono chiudere per consentire a  quello di Vallo della Lucania di far salire il numero dei parti, da anni inferiore  ai numeri che registrano i due punti nascita sacrificati dal recente decreto regionale. Eppure il San Luca ha ottenuto la deroga. Sapridemocratica chiede a De Luca, “ perché per tre mesi non ha presentato una nuova richiesta documentando la verità?E perché nessun ha informato i sindaci del territorio della possibile chiusura dei punti nascita del loro ospedale ?”. Le uniche due domande alle quali fino ad oggi nessuno ha dato una risposta,  nonostante le contestazioni. Intanto il Governatore De Luca sulla questione ha convocato una dlegazione del comirtato di lotta di Sapri per lunedi prossimo alle 10,30 presso palazzo santa lucia ne faranno parte : mimmo vrenna, nicola di nicuolo, gerardo triani e Luciano De Geronimo.  

 

antonietta nicodemo 

 

 

Vibonati, il Sindaco " De Luca ha sbagliato a non presentarsi " . Le delusioni degli operatori turistici.

 Risultati immagini per brusco franco

 

L'incontro sull'erosione marina disertato da De Luca è stato rinviato a data da destinarsi. Il Sindaco Franco Brusco " politicamente è stato un errore assentarsi" 

 

 

intervista al sindaco di Vibonati Franco Brusco 

 

 

 

 

 Le critiche del presidente di Assourismo-Vibonati. 

 

 

Villammare, De Luca diserta l'incontro sull'erosione. I cittadini " ha temuto le contestazioni sul punto nascita ".

 

 Risultati immagini per de luca

 

 Vincenzo De Luca diserta l'incontro a Villammare sull'erosione costiera. Delusi cittadini e istituzioni che lo attendevano anche per discutere del decreto regionale che chiude il punto nascita di Sapri. 

 

Punti Nascita, parlano le carte. Per il Ministero Sapri e Polla non presentano "disagio orografico" e Vallo si salva perché conta sulle partorienti del Golfo.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Le carte parlano chiaro e cancellano ogni polemica politica sul rimpallo delle responsabilità. La Regione Campania a maggio 2018 chiede al Ministero della Salute la deroga per i punti nascita con parti inferiori a 500.  A De Luca Il Comitato Percorso Nascita  Nazionale chiedeva di perorare la deroga mettendo in evidenza tutti gli Standard operativi, tecnologici e di sicurezza presenti o in programma, attuando e descrivendo la Rete dei Punti Nascita (Hub e Spoke), lo Stam ( ossia il trasporto materno) e lo Sten ( ossia il trasporto neonatale), il Bacino d’utenza attuale e potenziale per il punto nascita in deroga, l’analisi dei costi per il suo mantenimento. La richiesta presentata dalla Regione Campania è invece scarna , rispetto a questi elementi che stentano a decollare. Infatti, già a marzo 2018 gli organismi tecnici nazionali competenti avevano evidenziato diverse inadempienze da parte della Regione ed imposto delle prescrizioni. In particolare, proprio in  riferimento alla mancata attivazione della rete delle emergenze materno-infantili ,la mancata attivazione del servizio di trasporto STEN e STAM, la contemporanea insufficienza dei tempi di intervento del 118 per dirne solo alcune. Nell’esprimere, dunque, il proprio parere alla richiesta della Regione, il Comitato Nazionale scrive che per Vallo non ha preso in considerazione come ospedale più vicino quello di Battipaglia, ma quelli di Sapri ed Agropoli e che,  concede parere favorevole alla deroga per il San Luca  “esclusivamente in considerazione della chiusura del punto nascita di Sapri e della conseguente ridistribuzione delle donne e dei professionisti di Sapri” a Vallo. Per l’Immacolata e il Luigi Curto, poi,  il comitato scrive che dall’analisi dei dati presentati dalla Regione “ emerge la totale assenza di disagio orografico”. Il Comitato bacchetta  lo scarso indice di attrazione dei due punti nascita  rispetto all’utenza dei comuni del proprio bacino, cone le partorienti che spesso si rivolgono ad altri ospedali, altra criticità di cui si è parlato in questi giorni. Ora, di fronte a questo parere di  un organismo tecnico che, lo ribadiamo,  ha esclusivamente valore consultivo a beneficio del tavolo di verifica regionale e del Comitato permanente per il raggiungimento dei LEA, il Governatore Commissario, che è l’unico competente ad organizzare l’offerta sanitaria, senza documentare ulteriormente sulle caratteristiche del territorio, i tempi di percorrenza, le reti, senza descrivere i punti nascita e i  costi, il 5/11/2018, nell’ imminenza di una prossima verifica con il Governo, emana il decreto che dispone la disattivazione dei punti nascita di Sapri e Polla. E non c’è altro da aggiungere.

Daria Scarpitta

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.