Contenuto Principale

Salerno, festa dell'arma dei Carabinieri. Ultima cerimonia con il Comandante Neosi.

 

Cilento, fondi per i porti pescherecci. Quattro gli scali beneficiari.

 Risultati immagini per porto casalvelino

 La Regione Campania finanzia interventi per i porti pescherecci. Con decreto dirigenziale 104 del 29 maggio scorso ha approvato gli interventi ammessi a finanziamento nell’ambito della misura del FEAMP Campania “Porti, luoghi di sbarco, sale per la vendita all’asta e ripari di pesca”. Si tratta di una misura volta a migliorare le infrastrutture preesistenti dei porti di pesca e favorire gli investimenti destinati a strutture per la raccolta di scarti e rifiuti marini con l'obiettivo di migliorare la qualità, il controllo e la tracciabilità dei prodotti sbarcati, accrescere l'efficienza energetica, contribuire alla protezione dell'ambiente e migliorare la sicurezza e le condizioni di lavoro. La Regione Campania ha inteso con circa 7 milioni di euro  così adeguare i servizi minimi per il settore della pesca e dell’acquacoltura in tutti i porti con funzione peschereccia. A sud di Salerno finanziati risultano i porti di Agropoli ( 629.224,86 euro),  Casal Velino (507.815,94), Centola (595.000,00), e Montecorice (491.743,17). Sapridemocratica torna a puntare il dito contro le scelte dell’amministrazione comunale. “ Il Comune di Sapri- si legge in una nota del gruppo di opposizione- inspiegabilmente non ha candidato nessun progetto nonostante l’improtanza della marineria del nostro porto con quasi 17 pescherecci per un totale di circa 3000 accosti l’anno. un danno significativo che colpisce uno dei settori trainanti dell’economia locale, strettamente legato alla commercializzazione del pescato, penalizzato dall’avanzamento di porti concorrenti come Centola, Agropoli e Casal Velino.” Intanto la Regione Campania ha provveduto ad approvare anche la graduatoria per le istanze relative alla misura a sostegno di investimenti di fruizione pubblica in infrastrutture ricreative, informazioni turistiche e infrastrutture turistiche su piccola scala, una misura destinata alle aree interne e rurali. già finanziati  i progetti dei Comuni di Sant’Arsenio., Casaletto,. Sassano, Padula, Rofrano, Torre Orsaia, Centola e Alfano. Ammessi agli stanziamenti anche Laurito, ceraso, Buccino e Futani. Restano fuori per non aver raggiunto il punteggio minimo i progetti del Parco del Cilento, di Sala Consilina, Cuccaro e Montano.

 

daria scarpitta 

 

 

 

Villammare, fiera mancata. Le cause restano avvolte nel mistero. Il comune corre ai ripari e istituisce due fiere estive.

 

 

 

Il consiglio comunale di Vibonati non ha fatto chiarezza piena sulle cause del mancato svolgimento della secolare fiera di Maria Santissima di Portosalvo a Villammare . Dalla discussione non è venuto fuori il responsabile del disastro. Alla fine non si è nemmeno capito bene chi è addetto alla gestione delle fiere. L’unico merito che ha avuto lo sciopero dei mercatari che hanno disertato l’appuntamento , e che è stato individuato dal Comune, inseguito alla protesta , l’errore commesso dall’ Ente  nell ‘applicazione delle tariffe indicate nel regolamento. Regolamento  approvato nel 2016 e applicato solo quest’ anno. Il Sindaco Franco Brusco ha garantito ai venditori ambulanti, per i  quali era presente Marrigo Rosato   segretario nazionale del sindaco di categoria, che già dalla prossima fiera, quella del 24 giugno, la tassa per l’occupazione del suole pubblico sarà definita tenendo conto anche del tempo che il suolo sarà a disposizione dei commercianti.  Cosa che non era stata prevista per la fiera di domenica scorsa. E così l’imposta era lievitata oltre misura. Per riparare al danno, il consiglio comunale si impegnato anche ad organizzare, d’ intesa con i mercatari una fiera a luglio ed un’altra ad agosto. Una decisione che non è piaciuta a molti villammaresi che hanno tenuto a precisare sui social che” la mancata fiera di Maria Santissima di Portosalvo non potrà mai essere sostituita con altre . Perché quella fiera è legata ad una tradizione locale  che per ragioni sconosciute ancora a tutti non si è tenuta, interrompendo un rito che si tramanda da un secolo . “ Purtroppo tutto è finito a taralluccio e vino – dichiara il consigliere di minornza Manuel Borrelli - non ci sono responsabilità se non improvvisazione e pressappochismo” . Tutto sembra rientrato dal punto di vista amministrativo ma non nell’opinione pubblica che continua a rimanere indignata rispetto a quanto accaduto .   

 

antonietta nicodemo 

Sapri, il cinema entra nelle scuole. Con school movie due corti al Giffoni Film Festival.

 

 

 

 

 

 

 

La magia del cinema ha travolto le scuole primarie e secondarie di Sapri con il progetto School Movie- Cinedù. Un’ iniziativa legata al Giffon Film Festival che ha contagiano, alunni, docenti e genitori. Durante l’anno scolastico i due istituti comprensivi Dante Alighieri e Santa Croce sono sati guidati da un’ equipe di esperti in cinematografia in un percorso di analisti e impegnati nell’ideazione e realizzazione di uno o più cortometraggio. Ciascuna classe ha scelto il tema d’affrontare ed è diventata protagonista assoluta di ogni fase. Dalla stesura della sceneggiatura all’interpretazione dei personaggi della storia pensata per la competizione. Difatti i due migliori cortometraggi, uno per le primarie ed un altro per le secondarie, saranno proiettati a  luglio al Giffoni Film Festival. Altri due corti invece entreranno in gara sul web insieme a tutti gli altri lavori che si classificheranno nella stessa sezione e in rappresentanza di tutte le altre scuole campane che hanno partecipato a School Movie. Le scuole sapresi hanno prodotto complessivamente 13 corti affrontando tematiche diverse: ambiente, bullismo, solidarietà, integrazione e bellezze paesaggistiche del territorio.  Tutte le produzioni sono state proiettate sul grande schermo del cine teatro Ferrari di Sapri durante la manifestazione conclusiva del progetto cinematografico. Una serata che si è svolta in un grande clima di allegria che ha visto protagonisti soprattutto i ragazzi. Un’apposita giuria ha selezionato i lavori da premiare. Accedono al festival di Giffoni : “La mossa giusta“ della 5 B primaria dell’istituto Santa Croce e “ Un mondo  migliore “ della II B  secondaria del Dante Alighieri. Quest’ultimo istituto ha incassato anche la vittoria nella sezione web. Sono del Dante Alighieri i due corti scelti per il web : “ E’ solo una carta “  della prima A primaria  e  “ Oltre “ della II C secondaria. La serata è stata ricca di emozioni ed ha visto la presenza dei due dirigenti scolastici, MIgaldi e Tancredi,  del sindaco Gentile e dell’assessore Falce. Il progetto school Movie è stato possibile grazie al sostegno economico del comune. “ Speriamo – ha detto il primo cittadino – che anche il prossimo anno ci siano le condizioni per finanziarlo”.

 

antonietta nicodemo 

 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.