Contenuto Principale

Viareggio, ferito poliziotto di Sapri. Un nordafricano gli ha spaccato la testa durante un'operazione antidroga.

Risultati immagini per poliziotto aggredito pineta viareggio

Sta fortunatamente meglio e non è in pericolo di vita Aniello Fierro, il poliziotto di origini sapresi, ma in servizio al Commissariato di Viareggio, rimasto gravemente ferito mercoledì sera nel corso di un’operazione antidroga.  Intorno alle 21 il giovane si trovava nella Pineta di Ponente a Viareggio, tristemente nota come centrale di spaccio nelle ore notturne, e stava simulando l’acquisto di droga da un pusher di origini nordafricane, seguito a distanza dai colleghi. La messinscena doveva fornire il pretesto per poi far scattare l’intervento di polizia e assicurare alla giustizia gli spacciatori. Qualcosa, però, ad un certo punto deve essere andato storto. Forse qualcuno alle spalle del pusher si deve essere accorto che si trattava di una retata delle forze dell’ordine, sta di fatto che Fierro è stato colpito alla fronte con un mattone  spesso e si è accasciato a terra. Subito è stato soccorso dai colleghi e trasportato all’ospedale Versilia da dove poi è stato trasferito a Livorno. Il giovane poliziotto ha riportato una frattura scomposta alla regione occipitale destra, oltre ad altre ferite e ad un occhio tumefatto. Durante la notte è stato dunque sottoposto ad un delicato intervento chirurgico per la ricomposizione della frattura frontale. Sono state ore di apprensione quelle vissute a Sapri dalla sua famiglia, immediatamente avvisata dell’accaduto. Il poliziotto ferito, infatti, è il figlio del Comandante  della Polstrada di Sapri Mimmo Fierro che si è subito precipitato in Toscana per stargli vicino in ospedale . Fortunatamente stamattina le condizioni del giovane agente sono migliorate. E’ cosciente anche se sotto stretto controllo. Bisognerà attendere le 48 ore di prassi per valutare il decorso post operatorio, ma la vicenda poteva avere conseguenze ben più gravi e a rimanere con il fiato sospeso è stato tutto il Golfo  di Policastro dove la famiglia Fierro è molto conosciuta. Stamane il prefetto di Lucca Laura Simonetti e il questore Vito Montaruli, si sono recati in ospedale per fargli visita. mentre a Viareggio sulla vicenda sta montando un caso politico, continuano le indagini per identificare gli autori dell’aggressione tra i criminali che gestiscono il malaffare nella pineta.

Daria Scarpitta

 

Vallo di Diano. L'avv. Paladino al M5S " per rilanciare l'economia occorre ripristinare i servizi soppressi "

 

 Risultati immagini per angelo paladino

 

 

 

Polla, minacciava con un legno mamma e zio disabile. Arrestato pregiudicato di 47 anni.

 

Risultati immagini per carabinieri sessa cilento della compagnia

 

 

E’ stato colo in flagranza di reato dai Carabinieri mentre minacciava con un grosso pezzo di legno la madre 70 enne e uno zio di 75 anni disabile e cieco. Ora è agli arresti domiciliari con l’accusa di tentata estorsione, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali in danno di familiari pensionati suoi conviventi. Protagonista dell’episodio, un pregiudicato di Polla di 47 anni già noto alle forze dell’ordine per reati legati, prevalentemente allo spaccio di stupefacenti. Questa volta i Carabinieri sono intervenuti perché allertati dalle urla provenienti dall’abitazione in cui l’uomo vive insieme ai due suoi familiari. Una pattuglia, infatti, era impegnata in quel momento in un servizio di perlustrazione nel centro cittadino e si è accorta che qualcosa stava accadendo in quell’ appartamento. Senza esitare i Carabinieri hanno fatto irruzione nella casa ed hanno sorpreso il pregiudicato a minacciare violentemente madre e zio con l’obiettivo di estorcergli denaro per l’acquisto di alcolici. L’uomo è stato posto agli arresti domiciliari presso un’abitazione diversa da quella in cui vive, in attesa di nuove disposizioni da parte dell’Autorità Giudiziaria. I militari hanno accertato che non era la prima volta che i due familiari hanno subito violenze e lesioni per gli stessi motivi. Negli ultimi anni più volte il pregiudicato li avrebbe maltrattati per soldi.  

 

antonietta nicodemo

 

Frecciarossa nel Cilento. Luca Cascone " si riparte da aprile " .

 

 Risultati immagini per luca cascone

"L’estensione oltre l’estate del servizio alta velocità per il Cilento sarà presto realtà. Abbiamo raccolto le istanze dei sindaci dei Comuni interessati e le abbiamo postea Trenitalia con cui stiamo lavorando per la chiusura delle procedure utili al prolungamento tanto atteso", ad affermarlo è il consigliere regionale Luca Cascone presidente della Commissione ai Trasporti in Campania. 

" La Frecciarossa - afferma alla nostra redazione  - raggiungerà le perle di uno dei territori più belli della Campania non più soltanto nei mesi estivi, ma da aprile a ottobre. Un impegno che la Regione Campania sta perseguendo  raddoppiando l’investimento con una pianificazione biennale 2019- 2020: teniamo molto a sostenere la destagionalizzazione e i servizi turistici nel Cilento e a recepire le istanze degli operatori che si prodigano per il loro sviluppo e potenziamento".

" In questa direzione, lo step successivo - aggiunge - è valutare e cercare di adottare la sintesi operativa recentemente proposta dai sindaci di Pisciotta, Centola e Camerota sulla programmazione delle fermate proprio per mettere a frutto l’iniziativa di Regione e di Trenitalia volta ad agevolare i flussi turistici del Cilento. Per sua definizione un treno alta velocità resta tale se non effettua troppe fermate, ma faremo il possibile per accogliere l’istanza che suggerisce di programmare in almeno un giorno del weekend una fermata nel comune di Pisciotta, l’unico non toccato dalla Frecciarossa. Un ulteriore impegno che stiamo perseguendo " .

 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.