Contenuto Principale

Golfo di Policastro ostaggio delle onde. A Maratea porto sotto attacco e strade crollate, a Sapri interdetta provvisoriamente la SS18.

Risultati immagini per mare in tempesta maratea

Mare mosso, agitato, i cavalloni si gonfiano ed esplodono e il Golfo di Policastro è di nuovo ostaggio della forza degli elementi, in particolare dell’impeto del mare.  La situazione più grave a Maratea flagellata dalle onde da domenica scorsa. Il porto stamane è risultato nuovamente sotto attacco facendo tornare alla memoria quanto accade solo un anno fa. Si guarda attoniti le onde altissime, cercando di salvare il salvabile e sperando di non dover operare una nuova conta di danni coemme quella passata. Nella cittadina tirrenica il maltempo  ha determinato anche la frana di una strada a Marina di Maratea e il crollo della via che conduce alla spiaggia di Acquafredda  e che consente di raggiungere 3 strutture ricettive, oltre che diverse abitazioni civili . L’arteria è stata interdetta al traffico per consentire un intervento  di somma urgenza ma la rilevanza della lesione è tale che il Comune ha chiesto l’intervento e il sostegno della Regione Basilicata. Un danno materiale ma anche soprattutto economico per il Comune, gli abitanti  e per gli operatori turistici ancora una volta penalizzati. Problemi di viabilità anche a Sapri dove le onde hanno superato il flebile confine del lungomare , tanto che è stata chiusa temporaneamente al traffico  la SS18  tra Santa Croce e Via Cagliari. La mareggiata è arrivata sulla passeggiata, diventando un serio pericolo per pedoni e automobilisti . Di qui il provvedimento nella speranza che l’allarme rientri con il miglioramento delle condizioni meteo atteso per la giornata di domani. Anche a Villammare i marosi non sono stati da meno, arrivando a sfiorare il parco giochi.  Le immagini del Golfo di Policastro sotto scacco del mare alla prima occasione, neppure delle più gravi, fa ripensare a quanto sarebbe stato importante parlare di erosione costiera e di azioni  concrete di riqualificazione del litorale in questo momento alla presenza dei vertici istituzionali. Un'altra occasione sprecata, un altro “ …e se”, un altro treno perduto, giusto a ricordarci chi siamo e qual è il posto che dobbiamo occupare.

Daria Scarpitta

Vallo, il Cilento sostiene la lotta di Diano e Golfo. Rispunta la proposta di aprire la seconda Asl in provincia di Salerno.

Risultati immagini per vallo in contro sindaci punti nascita

Per una volta tutti uniti per un comune obiettivo. E’ questa la strada da percorrere. Lo hanno capito e ribadito le comunità cilentane, valdianesi e del Golfo di Policastro che domenica si sono riunite per sostenersi a vicenda sulla vicenda dei punti nascita chiusi a Sapri e Polla. I sindaci e i cittadini di Vallo e del Cilento hanno voluto esprimere la loro vicinanza alle comunità del Golfo e del Diano in difesa dei servizi sanitari di tutto il Parco e tenere al centro del dibattito la sanità, tallone d’Achille per tutta l’area a sud di Salerno.Obiettivo dell'iniziativa , dunque, affermare la condivisione di un comune destino delle comunità dell'Area Parco che debbono essere oggetto di politiche pubbliche che tengano conto delle specificità locali. No a metodi validi per le città o le realtà più grandi è stato affermato nel corso della giornata durante la quale è stata letta anche la lettera inviata dal Vescovo della diocesi di Vallo che ha espresso al sua vicinanza per motivi di fede, ma anche per motivi politici, perché questa scelta relativa ai punti nascita- ha scritto il presule “impoverisce il vero patrimonio del bene comune di un territorio”. I sindaci hanno chiesto riorganizzazione della sanità in Campania e nell'area Parco, andando oltre le emergenze contingenti e sollecitando vari interventi come l’aumento della qualità dei servizi sanitari offerti, l’investimento in strutture e personale, e soprattutto la riapertura della seconda Asl a Salerno, proprio quella che rappresentava l’intero territorio del Parco e a cui la riunione di domenica ha voluto dare consistenza . Logica di territorio, dunque e gioco di squadra tra sindaci, associazioni, comitati e cittadini, questo il filo conduttore dell'iniziativa. Non sono mancati momenti accesi con i cittadini pronti ad esprimere la rabbia per il trattamento subito e l'immobilismo di medici e sindaci. Al termine, dopo tutti gli interventi, il sindaco di Vallo della Lucania Antonio Aloia ha voluto ribadire quel Noi Ci Siamo, alla base dell’iniziativa, invitando il primo cittadino di Sapri Antonio Gentile a predisporre una bozza di delibera sulle questioni in discussione da far adottare da tutte le amministrazioni comunali a partire da quella vallese.

Daria Scarpitta

Sapri, la regione chiude il punto nascita. Il Rotary lo dota di un sistema di ossigenoterapia.

 

 

 

Risultati immagini per rotary sapri golfo
 

 

 

Alla soppressione del punto nascita dell’ospedale di Sapri il Rotary Club del Golfo di Policastro risponde con un atto concreto e ma anche provocatorio. Entro il prossimo primo gennaio, giorno in cui secondo il decreto regionale il reparto dovrebbe chiudere i battenti, donerà al nosocomio un più moderno ed idoneo sistema di ossigenoterapia pediatrico. Un apparecchio salvavita per i neonati.

Il sistema di ossigenoterapia pediatrico che sarà donato all’ospedale di Sapri costa circa 4 mila euro. Alla spesa contribuirà, per il 50%, l’associazione Carmine Speranza di Torre Orsaia “ grazie a Filomena Caputo - spiegano dal Rotary Club - che con il suo sostegno ci ha consentito di concretizzare un progetto che coltivavamo da anni “

 antonietta nicodemo 

Geo&Geo, "trasmissione vergognosa ed offensiva". Il Comune di Caselle in Pittari protesta con il Parco e la Rai per la mancata menzione.

Risultati immagini per maurizio tancredi caselle in pittari

Nota di protesta del Sindaco e dell'Amministrazione Comunale di Caselle in Pittari in merito alla recente trasmissione televisiva "Geo & Geo" di Rai Tre, andata in onda venerdì 23 novembre  su Rai Tre  e dedicata al Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. In una missiva inviata ai vertici del Parco e alla Rai, l'amministrazione definisce "vergognosa ed offensiva" la trasmissione per aver trascurato, nel parlare del progetto "Tre grotte, tre fiumi", di menzionare il Comune di Caselle dove nasce e si realizza il fenomeno carsico lungo il Bussento.


Di seguito la comunicazione inoltrata in data odierna:


Egregio Signor Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Cilento, del Cilento,Vallo di Diano e Alburni dott. Tommaso Pellegrino –Vallo della Lucania (SA)-
Egregio Signor Vice Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Cilento, del Cilento,Vallo di Diano e Alburni dott. Cono d’Elia -Vallo della Lucania (SA)-
E p.c. Alla Redazione della trasmissione televisiva “Geo & Geo” RAI TRE -Sede-


Oggetto: Trasmissione televisiva sul Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Comunicazione.


“Vergognosa ed offensiva “ 
sono i soli aggettivi con i quali si può definire l’impostazione della trasmissione “Geo & Geo” , andata in onda venerdì novembre 23 u.s. su Rai Tre e riguardante il nostro territorio. 
Vergognosa perché ,dalle cartine che illustravano il progetto “ tre grotte tre fiumi “, non solo si è eliminato geograficamente un paese ( Caselle in Pittari ) , ma si è addirittura falsificata la realtà non parlando ed illustrando l’origine del fenomeno carsico del Bussento che ha sede proprio da noi. 
Offensiva perché, tale gravissima omissione, non ha leso tanto noi amministratori che non siamo stati coinvolti , ma ha offeso un’intera comunità ! 
Eppure caro Presidente, la nostra Amministrazione aveva accolto con entusiasmo la sua nomina ed ha addirittura votato il vice Presidente, dott. Cono D’Elia , che in trasmissione ha nominato Caselle solo per un evidente lapsus nelle battute finali. Siccome spesso, e alla luce dei fatti accaduti, (s)parlate di “valorizzazione del territorio” chiaramente in modo strumentale è bene fare un piccolo ripasso.

A Caselle , ha origine il fenomeno carsico oggetto del servizio; meta di numerose escursioni e studi speleologici fin dagli anni 50 ! A Caselle fu tenuto anni fa il congresso regionale di speleologia ! L’imponente e suggestiva grotta che dà origine a tale fenomeno è raggiungibile con un sentiero immerso in uno splendido scenario panoramico, che è stato di recente adeguato proprio con un finanziamento del Parco , ottenuto alcuni anni fa! A Caselle nel 2009 fu inaugurato ed è tuttora funzionante il MU.VI. : il primo museo virtuale del Parco . Lo visitano turisti e gite scolastiche ed è stato uno dei siti più apprezzati allorquando il Parco fu incluso nella rete dei geoparchi mondiali .
A Caselle, sul monte Pittari ( casualmente citato dal giornalista ) , oltre a grotte sede del culto micaelico , così caro ai nostri concittadini , vi sono i resti di un antico insediamento di monaci basiliani ! Non ultimo , a Caselle vi è un importante e visitabile sito archeologico di origini lucane ( Laurelli ) . Ogni anno , grazie alla collaborazione con la Sovrintendenza Archeologica , ospitiamo per un mese un gruppo di studenti dell’ Universita’ di Salerno che vi lavorano e portano alla luce nuove scoperte. Tale sito è stato definito dalla stessa Sovrintendenza ( non da noi !) di notevole importanza e collegato ai suoi tempi a Velia ! Infine , a Caselle e sul Bussento viene già da alcuni anni praticata una suggestiva attività di torrentismo ! Per tutti questi motivi ribadiamo che non aver tenuto conto di quanto elencato è stato vergognoso ed offensivo per la nostra comunità! 
Ora, caro Presidente e Vice Presidente , delle due l’una : o amministrate il Parco senza conoscere il territorio che amministrate o che tali , volute , omissioni dipendano da altri e miseri motivi! Onestamente, non sappiamo quali delle due sia la spiegazione meno grave ! 
Caselle e i Casellesi continueranno a valorizzare le proprie bellezze senza nessun aiuto o partecipazione a trasmissioni televisive, ma se questo è il Parco non ha senso più avere all’ingresso del nostro paese la sua insegna, che ovviamente , per questo motivo , verrà tolta !
Dalla Casa Comunale, lì 26 Novembre 201
Il Sindaco dott. Maurizio Tancredi
e tutta l’Amministrazione Comunale

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.