Contenuto Principale

Sapri-Maratea, la S.S. 18 verso la riapertura. Lunedì l'avvio dei lavori per la messa in sicurezza.

 

 

 

 

Entro la fine del mese sarà riaperta la statale 18 chiusa dal 17 agosto nel Comune di Sapri.  Venerdì scorso sono stati affidati i lavori di somma urgenza che serviranno a mettere in sicurezza il costone roccioso che sovrasta la strada nei pressi dell’area portuale, dal quale, a seguito di un incendio, sono precipitati i massi che hanno invaso la corsia della nazionale. Secondo quanto programmato una squadra di rocciatori dovrà procedere al disgaggio delle rocce in bilico nelle aree attraversate dalle incendio, successivamente bisognerà ripulire l’intera area. Un’opera che consentirà di ripristinare le condizioni di sicurezza preesistenti e riaprire la statale 18 tra Sapri e Maratea. Dal Comune fanno sapere che i lavori inizieranno lunedì 14 settembre e avranno una durata di 15 giorni. Dal fronte della viabilità arrivano novità per la realizzazione della Variante alla Pisciottana. La strada, che unisce Ascea e Pisciotta rapidamente, da 30 anni pericolosa perché interessata da una frana. Per la costruzione della via alternativa ci sono i fondi , 20 milioni finanziati dalla regione, ma l’iter burocratico per la appalto dei lavori si è bloccato in provincia. Dopo le ennesime minacce dei due sindaci interessati è stato presentato in consiglio provinciale una mozione a firma del vice presidente Stanziola e del consigliere Rescigno che chiede lo sblocco delle procedure necessarie  per l’avvio dei lavori dell’importante variante. Gli automobilisti sono disperati e gli amministratori comunali sono sfiduciati. 30 anni di lotte e nemmeno un km di strada realizzata.

 

 

 

 antonietta nicodemo 

 

Archeologia nel Cilento. Estate da record per Velia, + 59 % di visitatori.

Scavi di Velia: gioiello archeologici del Parco Nazionale del Cilento

Estate da record per il sito archeologico di Velia. L’accorpamento della gestione con Paestum ha dato a quanto pare i suoi frutti. Nonostante l’emergenza sanitaria, l’area ha fatto registrare un incremento di visitatori pari al 59%  rispetto allo scorso anno nel periodo dal 21 giugno al 6 settembre. Il boom nel mese di agosto dove c’è stato un aumento del 117% delle visite. “I flussi in forte aumento rappresentano una prima conferma oggettiva che la fusione delle due realtà di Velia e Paestum sta funzionando – ha detto il direttore del Parco archeologico, Gabriel Zuchtriegel – Analizzando i dati, infatti, si evince che molte delle persone che hanno visitato Velia avevano già acquistato il biglietto cumulativo a Paestum. Sicuramente ha inciso positivamente anche la riapertura al pubblico di molte aree e monumenti, tra cui Porta Rosa, interdetta al pubblico alcuni anni fa, e il boom del turismo domestico estivo nel Cilento determinato dalla crisi sanitaria. Ora bisogna consolidare il trend e rinforzare la rete con enti pubblici e privati nel territorio per innescare uno sviluppo sostenibile e durativo nel territorio cilentano”. Positiva anche la partecipazione del pubblico alla prima rassegna culturale “Velia Musica&Parole”: i 5 appuntamenti serali con grandi nomi del mondo dello spettacolo hanno annotato un totale di 1305 ingressi, dato eccezionale per gli spettacoli serali a Velia. Bene anche VeliaTeatro, la rassegna teatrale che da 23 anni si svolge a Velia e ad Ascea. In crescita anche i flussi nell’area archeologica e nel museo di Paestum dove, durante il mese di agosto, in molte giornate è stato raggiunto il numero massimo di visitatori consentiti all’interno del Parco, così come determinato dal piano di sicurezza anti-contagio. I numeri però qui sono inevitabilmente più bassi dello scorso anno.. Nel periodo dal 21 giugno al 6 settembre 2020, a Paestum sono stati registrati 74mila ingressi, rispetto a 138mila nello stesso periodo dell’anno scorso. Intanto si lavora alla programmazione delle prossime iniziative: il Parco Archeologico di Paestum e Velia aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio”, con l’apertura straordinaria dei due siti in programma il 26 settembre, con visite guidate dalle 19:00 alle 22:30, al costo di € 1.

 Daria Scarpitta 

 

Gelbison. A Novara per la coppa Italia. Sabato il derby con il Santa Maria.

 

 

Grande entusiasmo in casa Gelbison per l’opportunità di partecipare alla Coppa Italia e di giocare tra le grandi. Il prossimo 23 settembre,come stabilito dal sorteggio,il team rossoblu dovrà giocare contro il Novara,formazione che milita in serie C. “Per la nostra squadra-ha detto il tecnico Ferrazzoli – che rappresenta una piccola realtà la Tim Cup è l’occasione per avere una vetrina nazionale. Cercheremo di onorarla al meglio. Per i ragazzi mercoledì 23 sarà l’occasione di vivere un momento di grande ribalta.  La Coppa Italia è il modo migliore per riprendere dopo il lungo e imprevisto ritardo legato alla pandemia”. Intanto la Gelbison non si ferma nelle operazioni di mercato. Mercoledì sono stati ufficializzati altri due innesti in chiave under. Si tratta del difensore centrale Mattia Romano, 18 anni, proveniente dallo Spezia e l’esterno sinistro Luca Stancarone,19 anni, preso dal Monopoli. Da oggi sono già in squadra per l’allenamento. I rossoblu che fino ad ora non hanno sostenuto test amichevoli, si apprestano a rompere il ghiaccio con due settimane di ritardo sabato12 settembre  attraverso  il derby con la neo promossa Polisportiva Santa Maria a conferma dei buoni rapporti trai due club cilentani. Il test match sarà al Carrano di Castellabate alle 10.30. Dal Canto suo la Polisportiva sta avvicinandosi ai primi impegni ufficiali,cioè la Coppa Italia di categoria in partenza il 20 settembre, con una serie di amichevoli. L’ultima quella giocata in casa con la Calpazio, compagine di Eccellenza. In questa occasione i ragazzi di Gianluca Esposito sono riusciti a realizzare una cinquina mostrando significativi progressi sotto l’aspetto tattico. Quattromarcature sono arrivate nella prima frazione a firma di Maggio, Ragosta e Pastore. Nella ripresa ha completato il poverissimo l’under Brogna. 

 

Daria Scarpitta 

Scuola e ripartenza. I timori dei genitori e le paure dei bambini. A 105 Tv l'intervista al direttore del centro di neuroscienze dell'età evolutiva dell'Asl di Salerno dott. Iannuzzi. "Troppo presto per riaprire ".

 

 

 
 

“  SAREBBE STATO OPPORTUNO ATTENDERE LA FINE DELLA STAGIONE TURISTICA PRIMA DI RIAPRIRE LE SCUOLE . SAREBBE SERVITO A COMPRENDERE MEGLIO L’ANDAMENTO DEI CONTAGI “ . COSI ALLA NOSTRA RASSEGNA STAMPA IL DOTTOR SALVATORE IANNUZZI DIRETTORE DEL CENTRO AZIENDALE DI NEUROSCIENZE DELL'ETA' EVOLUTIVA DELL'ASL DI SALERNO. 

 

 

 l'intervista integrale al dott. Iannuzzi nel corso della rassegna stampa di 105 tv 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.