Contenuto Principale

Sassano, colpita da malore cade nel fuoco è muore. La vittima aveva 85 anni.

 

 
 
 
 Cade per un malore sulla brace del caminetto. E’ morta così una 85enne di Sassano, ennesima vittima  di questo tipo di incidente molto diffuso tra gli anziani in particolare quelli che vivono soli.  Ad accorgersi della tragedia è stata una cognata che si era recata a casa della donna per sincerarsi delle sue condizioni. L’85enne infatti era vedova ed abitava nel centro storico da sola. Purtroppo la parente arrivata nella abitazione ha trovato l’anziana ormai priva di vita e riversa sul caminetto in parte ustionata. La donna potrebbe aver dunque accusato un malore ed essersi accasciata lì dove si trovava seduta al fianco del fuoco per tenersi calda in questi giorni in cui le temperature sono più rigide. Il suo corpo è finito purtroppo a causa della caduta sulla brace riportando delle bruciature. Sul posto sono arrivati i soccorsi con il 118 che ha constatato il decesso e i carabinieri della compagnia di Sala Consilina che hanno effettuato tutti gli accertamenti del caso. Il corpo della donna è stato trasportato presso il Luigi Curto di Polla per l’esame esterno e verrà rilasciato domani mattina per le esequie.. Non è la prima volta che una tragedia del genere avviene, in particolar modo nel Vallo di Diano con altri casi avvenuti.
 
daria scarpitta 
 
 

Caggiano, è tornato in chiesa il dipinto del XVIII secolo. Era stato rubato nel 1983.

 

 
 
 
 

 Riconsegnato nel pomeriggio di giovedì a Caggiano il dipinto del XVIII secolo, raffigurante la “Resurrezione di Cristo” sottratto dalla Chiesa il 24 febbraio 1983 . Dopo quasi 40 anni il Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Napoli, nella persona del Comandante,Tenente Massimiliano CROCE, lo ha restituito  al parroco Don Angelomaria ADESSO. La cerimonia ha avuto luogo nella Chiesa del Santissimo Salvatore da cui l’opera era stata rubata assieme al quadro dei “15 Misteri del Santo Rosario”, la “corona del Santo Rosario” e la “statua in legno del Bambin Gesù”. Il dipinto, olio su tela dalle dimensioni di 48×28 cm,  era stato posto all’incanto da una nota casa d’aste di Palermo, e qui era stato individuato e recuperato dai carabinieri, censito come bene da ricercare nella Banca Dati dei Beni Culturali Illecitamente Sottratti. Ad aiutare nel ritrovamento anche una precisa riproduzione realizzata Don Vittorio Lamattina, allora parroco di Caggiano. Le attività investigative sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Palermo, nell’ambito di una specifica attività di contrasto alla commercializzazione di opere d’arte rubate. La consegna dell’opera avvalora l’importanza della collaborazione tra l’Arma dei carabinieri e gli Enti ecclesiastici, che consente la protezione dei beni religiosi, spesso presi di mira e al centro di un vero e proprio traffico lucroso.  Nel corso della giornata è stata anche conferita dalla Giunta comunale di Caggiano, attraverso il sindaco Modesto Lamattina,  l’encomio del Comune ai militari del Reparto speciale “Tutela del Patrimonio Culturale” dell’Arma dei Carabinieri con un tributo al Tenente Massimiliano Croce, ai Maresciali Capo Francesco Progidae  Pasquale Salamida e all’Appuntato Scelto Matteo Scozzi.

 daria scarpitta 

 

Scario-Policastro, perdita d'acqua sulla strada. La Provincia minaccia azioni contro i responsabili.

 
 

 

La Provincia di Salerno vuole vederci chiaro sulla perdita d’acqua che da circa un mese sta interessando la Strada regionale 562 tra Scario e Policastro, all’altezza del bivio per Spineto. Nella giornata di ieri, dopo alcune segnalazioni dei cittadini, ci eravamo recati sul posto per cercare di capire l’origine di questa vasta pozzanghera presente proprio di fronte al Torre Oliva. Dal rimpallo di responsabilità tra enti emerso con la vicenda  eravamo giunti al gestore della strada, la Provincia di Salerno. Dopo aver segnalato il fatto all’Ente stamane siamo riusciti a parlare con un funzionario provinciale che ha rivelato la necessità di approfondimenti sulla vicenda in quanto la Provincia sarebbe l’unica lesa da questa situazione poiché la perdita sta danneggiando l’arteria da essa gestita. “ Faremo delle verifiche  con dei cantonieri - ha detto il dirigente -  per capire  lo stato di cose e le origini di questa perdita . Qualora dovessimo ravvisare responsabilità esterne siamo pronti a rivalerci con un esposto perché stiamo subendo un grave danno”. Ancora dunque nessuna causa chiara a questo fluire di acqua che va avanti da un mese  e la competenza sul problema resta al momento non ben definita. Il tombino che sembra intasato  si trova nel Comune di Santa Marina .  La Consac, che aveva escluso falle nelle condutture, da ieri pomeriggio ha inviato delle squadre di operai sul posto per ulteriori verifiche ed accertamenti al fine di capire la provenienza dell’acqua. Al momento non è risultata alcuna perdita nelle tubature e dunque nessun problema ascrivibile alla società che gestisce gli impianti idrici ma i controlli proseguono.  Di certo il problema ora è ben presente a tutti gli enti coinvolti, si spera in una veloce risoluzione.  

Daria Scapitta 

Banca 2021, cambio di guardia al vertice. Cosimo Puglia è il nuovo direttore generale.

Cosimo Puglia è il nuovo Direttore Generale di Banca 2021 Credito  Cooperativo del Cilento, Vallo di Diano e Lucania - Banca 2021 - Credito  Cooperativo del Cilento, Vallo di Diano e Lucania

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.