Contenuto Principale

Scario, danni al porto. Le immagini dello scalo dopo la mareggiata.

 

Vibonati, il premio Nassiriya al giovane soldato Vincenzo Fiorillo.

 

 

 

 

 

Scario, la mareggiata danneggia il porto.

 

 

~ (1024×768)

 

 

La mareggiata della notte ha danneggiato il porto di Scario. Il mare in tempesta ha abbattuto alcune strutture in cemento a protezione della banchina di sopraflutto. Il Sindaco Ferdinado Palazzo ha già allertato le autorità competenti. In alcuni momenti della giornata di ieri e della notte scorsa il mare ha sfiorato le case e i negozi che affacciano sul lungomare. Gli aggiornamenti nel corso dei nostri telegiornali e della nostra rassegna stampa. 

 

Antonietta Nicodemo

 

~ (768×1024)

Piano di zona a Sapri. Bilancio in rosso.

 

 

Emergono i primi dati sulla gestione finanziaria del piano di Zona S9. Dopo i punti interrogativi sollevati dalla lettera  della Presidente della Commissione Bilancio Donatella D’Agostino  e dalla richiesta di accesso agli atti negata all’avvocato Antonio Sofo, lo scorso 31 ottobre la responsabile dell’ufficio finanziario del Comune di Sapri ha fornito un primo riscontro con i dati a sua disposizione in una nota indirizzata alla coordinatrice del piano di Zona S9,  al sindaco di Sapri, al revisore dei Conti, ai Comuni del Piano e alla D’Agostino. A renderlo noto è Sapridemocratica in un comunicato  in cui  definisce allarmante  la situazione venuta fuori. Da quanto emerge dai dati estrapolati dai rendiconti finanziari, nel 2017 la differenza tra le entrate riscosse e le spese liquidate risulta in positivo per oltre 500 mila euro, nel 2018 resta positiva per oltre 300 mila euro, seppure accompagnata dalla raccomandazione da parte dell’ufficio ragioneria di eliminare accertamenti che non hanno riscontro nella programmazione accordata e di non effettuare ulteriori impegni sull’annualità 2017. Nel 2019, invece, risulta, al 30 ottobre, un saldo negativo fra entrate e spese di oltre un milione e 200 mila euro. Di fronte a questa situazione Sapridemocratica ha chiesto di conoscere come sono stati spesi i circa sei milioni di euro, frutto della totalità delle spese compiute in questi tre anni e come sono stati suddivisi tra personale, servizi e costi di gestione . Il gruppo di minoranza ha chiesto anche la verifica della qualità dei servizi espletati come previsto dalla convenzione. “La relazione della responsabile del servizio finanziario- si legge nel comunicato-  conferma tutte le nostre perplessità sulla gestione del Piano di Zona, preoccupato solo di spendere senza verificare le entrate”.  Resta, dunque, ancora acceso il dibattito sulla gestione finanziaria del piano di Zona e domani pomeriggio si riunirà il consiglio comunale a Sapri per decidere tra l’altro dell’approvazione della convenzione tra Comuni che reggerà il Piano per i prossimi 3 anni.

 

 

 Daria Scarpitta 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.