Contenuto Principale

GASTROENTEROLOGIA, IL DG GIORDANO SPIEGA IL RUOLO DEL GOI. NESSUN CENNO ALL'ACCORDO "TRADITO" SU SAPRI.

Risultati immagini per ANTONIO GIORDANO ASL SALERNO 105 TV

Il Direttore generale dell’Asl di Salerno Antonio Giordano con una nota conferma quanto già spiegato dalla nostra emittente in merito alle Gastroenterologie di Sapri e Battipaglia dopo la pubblicazione della delibera  dello scorso 11 dicembre.  Il solito dito puntato contro la stampa per la presunta diffusione di notizie circa la chiusura dei due reparti , mai data da 105 tv, ha fatto decidere il manager di fare chiarezza con un documento in cui spiega che le attività di Gastroenterologia e Endoscopia digestiva di Battipaglia e Sapri hanno trovato conferma nell’Atto aziendale e che è stato istituito il GOI, il Gruppo operativo interdisciplinare, di cui specifica il ruolo importante ad integrazione delle Unità semplici previste negli altri ospedali dell’Asl. “Il nuovo GOI- scrive Giordano- è un ulteriore miglioramento dell’assistenza “ che consente a tutti i presidi aziendali di usufruire di prestazioni e momenti di formazione a completamento delle attività ordinarie. Il suo messaggio , dunque, chiarisce il ruolo del Goi , come già aveva fatto 105 Tv quando aveva affermato che era stato istituito proprio per l’impossibilità di prevedere anche a Sapri una Struttura Semplice di Gastroenterologia, nonostante i numeri fatti registrare dal reparto del dott. Martorano. Ma Giordano di fatto non entra nel merito della questione sollevata e cioè che nella sua delibera ,a  differenza dei reparti degli altri presidi,  per il GOI  viene individuato un medico esterno, di Nocera, come responsabile contravvenendo in più,  secondo quanto denunciato da Sapridemocratica, ad un accordo riportato anche in una delibera dell’Asl e che prevedeva di assegnare la direzione del GOI ad un medico di Sapri. Su questo nulla si dice nella lettera del manager rivolta ai direttori sanitari degli ospedali di Sapri e Battipaglia. E appare dunque incomprensibile che il primo cittadino di Sapri, che nulla ha dichiarato sullo scippo di fondi per l’edilizia sanitaria all’Immacolata, ora accolga con soddisfazione quella che definisce la “chiarezza “ del manager e preferisca poi puntare il dito contro la stampa  "irresponsabile".   Di cosa? Di aver sottolineato lo scarso peso politico del territorio?
“I media locali – scrive  Gentile in un post- dovrebbero informare invece di dare voce a chi crea false notizie. – e aggiunge- La sanità e il nostro ospedale sono da difendere sempre, non sono più e non saranno terreno di gioco di campagne elettorali.” Ma intanto, proprio le ultime decisioni in materia sanitaria e le relative giustificazioni sono già piena campagna elettorale.

Daria Scarpitta

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.