Contenuto Principale

SAPRI DICE SI' A 20 PROFUGHI. SANTA MARINA LI GESTISCE

Risultati immagini per PROFUGHI

 

Il Comune di Sapri responsabilmente e in virtù dell’appello lanciato dal Prefetto di Salerno aderisce al Sistema di Protezione per richiedenti asilo e rifugiati. A gestire i profughi che saranno affidati alla cittadina saprese non sarà l’amministrazione locale ma quella di Santa Marina. A stabilirlo è stata la giunta del sindaco Antonio Gentile nella seduta del 15 novembre scorso. Il governo cittadino ha deciso, infatti, di aderire al progetto  Sprar del Comune santamarinese per il triennio 2017-2019 “ perché – si legge nella delibera – con Santa Marina il progetto attivato dal 2014 ha raggiunto un elevato livello di qualità della proposta di accoglienza, con  numerosi esempi di integrazione socio-culturale e di buone prassi da parte dei richiedenti di protezione internazionale”.  Secondo quanto stabilito dalla giunta Gentile Sapri si impegna ad accogliere 4 0 5 nuclei familiari fino al raggiungimento del numero massimo di 20 richiedenti asilo e che il Comune non metterà a disposizione alcun immobile destinato all’accoglienza. In questo modo Sapri evita l’arrivo indiscriminato di richiedenti asilo politico limitando l’ingresso solo a 20 persone e in più affida al Comune di Santa Marina la gestione  e i relativi contributi previsti per i progetti Sprar. Inoltre,  in virtù di quanto deliberato dalla giunta saprese ,l’amministrazione santamarinese dovrà reperire tra i privati della Città della Spigolatrice locali idonei in cui sistemare le cinque famiglie di rifugiati. Anche questa delibera non è sfuggita al gruppo di minoranza che senza perdere tempo ha reso pubbliche le sue considerazioni. “ Per l’accoglienza di profughi il Comune di Sapri diventa succursale di Santa Marina. Una delibera ipocrita. Perché la nostra Città si è resa disponibile all’accoglienza in quanto obbligata dal Ministero . Pur essendo comune Capofila dei servizi sociali si dimostra incapace di gestire i migranti tanto è che li ha affidati ad un altro comune che, per i 20 profughi sapresi, riceverà per il periodo 2017 -2019 1.500.000 di risorse  “.

 

 

 

Antonietta Nicodemo 

 

Antonietta Nicodemo

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.