Contenuto Principale

Autovelox, opposizioni a Villammare. Ad Agropoli il sindaco torna a chiarire: " è legittimo " .

 

 

Esprimo la mia netta e ferma contrarietà al posizionamento di un nuovo autovelox nel Comune di Vibonati” Così il consigliere di minoranza Manuel Borrelli commenta l’annuncio da parte del Comandante della Polizia Locale Antonio Quintieri dell’intenzione di richiedere in Prefettura l’installazione di un dispositivo fisso lungo la SS18 per  contrastare l’eccessiva velocità con cui le auto sfrecciano soprattutto in corrispondenza degli incroci. “ Si tratta di uno strumento- ha proseguito Borrelli-  che a mio avviso ha il solo scopo di vessare ulteriormente i cittadini. Vi sono altri deterrenti per impedire agli automobilisti di superare i limiti di velocità  e in quel tratto di strada il numero degli incidenti è decisamente basso rispetto alla mole del traffico veicolare”. Già il semplice accenno alla questione autovelox, dunque, non ha mancato di stimolare il dibattito cittadino tra quanti, pochi in verità,  vedono l’apparecchio come un dissuasivo ai fini della sicurezza e chi, invece,  lo addita come un mezzo per fare cassa e si domanda anche della sua legittimità su una strada come la SS18. D’altra parte anche ad Agropoli la questione autovelox, e in particolare la sua regolarità, è da anni dibattuta.  In merito alle notizie circolate sui social su una presunta bocciatura del dispositivo posizionato sulla Cilentana da parte del Ministero è intervenuto il Comune di Agropoli. “«Il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti in merito alla visibilità dell’autovelox non ha rilevato alcuna censura» si legge in una nota che rimanda alla  relazione ministeriale disponibile sul sito del Comune dove si ribadisce la leggibilità della segnaletica. «Si continua a mistificare la realtà– ha detto il sindaco Coppola –C’è chi si prende la briga di costruire addirittura un puzzle ad hoc di una relazione, pur di arrivare a parlare di una bocciatura. Allora due sono le cose: o l’avvocato Russo mente, sapendo di farlo per averne un tornaconto, ovvero fare più ricorsi oppure non ha compreso il significato di quanto esposto nella relazione. In ogni caso – ha concluso - ricordo agli automobilisti di osservare i limiti di velocità ». 

 

 Daria Scarpitta 

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.