Contenuto Principale

Vallo, la Strada dell'Amore dura meno di 12 ore. Le T-shirt apposte dai commercianti lungo Corso Murat smontate dai vigili urbani.

Risultati immagini per vallo murat strada amore

Sono durati meno di 12 ore gli allestimenti con cui i commercianti di Vallo della Lucania volevano creare la Strada dell’Amore lungo Corso Murat. Gli esercenti avevano finito di fissare queste t-shirt con impressi dei cuori, versi di canzoni e la frase “I <3 Gioacchino Murat”, domenica sera intorno alle 21, stamattina alle 8 i vigili urbani, con l’aiuto di alcuni operai del Comune, li hanno smontati. Secondo i commercianti senza un perché. E sono subito scattati rabbia e incredulità. L’iniziativa era partita da alcuni esercenti del centrale Corso Murat ed era stata poi sposata da numerosi rappresentanti della categoria, anche quelli i cui negozi non si affacciavano sulla stradina. “Salerno ha moltiplicato le presenze con le luminarie- hanno detto i negozianti- noi avevamo pensato di creare la Strada dell’Amore per rivitalizzare il commercio vallese”. I negozianti dunque si erano autotassati. 700 euro il costo di questo primo allestimento  con le t-shirt dell’Amore appese a dei fili lungo la strada commerciale. Una scenografia che sarebbe dovuta rimanere in forma sperimentale per 5 mesi per vedere se l’atmosfera creata e la curiosità suscitata avrebbe portato un po’ più di movimento lungo Corso Murat. Il progetto, secondo i commercianti, aveva ottenuto il benestare dell’amministrazione . “Era stato approvato in Giunta-  hanno detto – domenica sera poi durante l’allestimento c’era anche l’assessore Liguori che si è complimentato su fb con noi per l’iniziativa.” Per loro dunque è stata una vera sorpresa trovare di prima mattina i vigili urbani ad intimare di  togliere i festoni appena affissi . Non è chiaro se ci fossero dei problemi burocratici e se dunque lo smontaggio delle t-shirt sia soltanto temporaneo. Di certo i commercianti non sembrano intenzionati a voler mollare. “Stiamo cercando di fare qualcosa per combattere questa crisi – hanno detto – e per una volta  su questo progetto eravamo tutti uniti e partecipi”.

Daria Scarpitta

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.