Contenuto Principale

Vallo, la Strada dell'Amore dura meno di 12 ore. Le T-shirt apposte dai commercianti lungo Corso Murat smontate dai vigili urbani.

Risultati immagini per vallo murat strada amore

Sono durati meno di 12 ore gli allestimenti con cui i commercianti di Vallo della Lucania volevano creare la Strada dell’Amore lungo Corso Murat. Gli esercenti avevano finito di fissare queste t-shirt con impressi dei cuori, versi di canzoni e la frase “I <3 Gioacchino Murat”, domenica sera intorno alle 21, stamattina alle 8 i vigili urbani, con l’aiuto di alcuni operai del Comune, li hanno smontati. Secondo i commercianti senza un perché. E sono subito scattati rabbia e incredulità. L’iniziativa era partita da alcuni esercenti del centrale Corso Murat ed era stata poi sposata da numerosi rappresentanti della categoria, anche quelli i cui negozi non si affacciavano sulla stradina. “Salerno ha moltiplicato le presenze con le luminarie- hanno detto i negozianti- noi avevamo pensato di creare la Strada dell’Amore per rivitalizzare il commercio vallese”. I negozianti dunque si erano autotassati. 700 euro il costo di questo primo allestimento  con le t-shirt dell’Amore appese a dei fili lungo la strada commerciale. Una scenografia che sarebbe dovuta rimanere in forma sperimentale per 5 mesi per vedere se l’atmosfera creata e la curiosità suscitata avrebbe portato un po’ più di movimento lungo Corso Murat. Il progetto, secondo i commercianti, aveva ottenuto il benestare dell’amministrazione . “Era stato approvato in Giunta-  hanno detto – domenica sera poi durante l’allestimento c’era anche l’assessore Liguori che si è complimentato su fb con noi per l’iniziativa.” Per loro dunque è stata una vera sorpresa trovare di prima mattina i vigili urbani ad intimare di  togliere i festoni appena affissi . Non è chiaro se ci fossero dei problemi burocratici e se dunque lo smontaggio delle t-shirt sia soltanto temporaneo. Di certo i commercianti non sembrano intenzionati a voler mollare. “Stiamo cercando di fare qualcosa per combattere questa crisi – hanno detto – e per una volta  su questo progetto eravamo tutti uniti e partecipi”.

Daria Scarpitta

Diano, raggiunto l'accordo istituzionale per la costruzione della rotatoria tra la Bussentina e l'A2.

 

VIABILITA NEL VALLO DI DIANO. DOPO ANNI DI STASI LA ROTATORIA TRA LA BUSSENTINA E LA A2 SI AVVIA VERSO LA REALIZZAZIONE.  MONTESANO, PADULA, BUONABITACOLO E ANAS INSIEME PER L’AVVIO DEL CANTIERE. IL SINDACO GUERCIO: “ UN OPERA NECESSARIA PER LE NOSTRE COMUNITA’ E IL TRAFFICO “.

 

Rotatoria tra la Bussentina e la Statale delle Calabrie. Buonabitacolo promuove il protocollo d'intesa con Padula e Montesano.

Risultati immagini per rotatoria bussentina buonabitacolo

Buonabitacolo  concretizza il suo ruolo di cerniera  tra  Diano e Golfo e propone la creazione di una rotatoria che unisca la Bussentina  alla Statale delle Calabrie in modo da dare maggiore ordine al traffico  e migliorare il tratto viario che va dal Ponte Calore all’incrocio con la Statale 19. Si tratta di un’opera che dovrebbe avere luogo proprio alla fine del rellineo di Buonabitacolo, al termine del quale si uniscono i territori di tre Comuni e si accede all’Autostrada del Mediterraneo. A proporre il progetto è stato il sindaco Giancarlo Guercio. Dopo dei pregressi contatti informali con le amministrazioni interessate, ha inoltrato una missiva ai sindaci dei Comuni confinanti, quello di Padula Paolo Imparato e a quello di Montesano sulla Marcellana Giuseppe Rinaldi per chiedere formalmente la sottoscrizione di un protocollo d’intesa  in modo da poter presentare l’idea ad Anas, con  i cui dirigenti pure già ci sono stati dei primi confronti,  con voce unica e concorde. “L’intervento stradale, di contenuta entità economica- si legge nella missiva- permetterebbe di alleviare e gestire in maniera più opportuna un traffico veicolare sempre più consistente che dal vicino vincolo autostradale o dal Vallo di Diano si muove verso il golfo di Policastro. Attraverso questa iniziativa inoltre si snellirebbe il traffico intenso che si verifica ripetutamente soprattutto a ridosso dei fine settimana  e in particolare nel periodo estivo, creando notevoli disagi ai cittadini residenti nei nostri centri.”  Il primo passo dunque sarà la firma del protocollo, poi verrà inoltrata  richiesta ad Anas con relativa bozza progettuale. La priorità verrà data alla rotatoria ma nelle intenzioni c’è anche l’ampliamento del lungo  e stretto rettifilo che precede l’arrivo all’incrocio.

Daria Scarpitta

Emergenza cinghiali. A Teggiano confronto con gli esperti stimolato dall'Agl "Lamberti Sorrentino". Caputo del Criuv: "Tra un anno i risultati della sinergia con la Prefettura"

L'immagine può contenere: una o più persone

Conoscere gli ungulati per intervenire meglio sull’emergenza derivante dalla loro crescente presenza sui territori. L’associazione Giornalisti Locali Lamberti Sorrentino ha promosso l’incontro di approfondimento  presso la Santissima Pietà di Teggiano. Dopo i saluti del sindaco Di Candia e del Presidente del Parco del Cilento Pellegrino,  si è partiti  dal libro di Paolo Varuzza, dal titolo appunto “Ungulati”, per comprendere, attraverso la presentazione dell’autore, le caratteristiche specifiche di cinghiali, cervi, caprioli e analizzare i dati su presenza regionale, danni e benefici che possono apportare, ruolo di ambientalisti e cacciatori. In questo contesto il Direttore generale dell’istituto Zooprofilattico di Portici, Antonio Limone, ha sottolineato la necessità di effettuare controlli su questo tipo di animali per permettere che possano diventare un alimento sano e squisito. Una riflessione quanto mai importante alla luce della filiera che il Parco vuole attivare per trasformare i cinghiali da problema a risorsa per il territorio cilentano. Limone  ha fatto sapere che ogni anno sono oltre 13 mila i controlli operati dall’Istituto che dirige, un numero che però va ampliato affinché i cinghiali, ad esempio, diventino fattore dal valore economico.  A concludere  la giornata l’intervento  del Direttore del Criuv, il Centro regionale per l’igiene urbana, Enzo Caputo che si occupa anche della gestione delle problematiche determinate dagli animali fuori controllo. Sollecitato da un video proposto dal giornalista Antonio Sica in cui emergeva l’allarme degli agricoltori locali per i danni subiti  alle colture a causa dei cinghiali, ha  sottolineato la necessità del rispetto delle regole, richiamando le operazioni di abbattimento di capi di allevamenti clandestini avvenuti nello stesso Cilento e per cui Caputo ha ricevuto delle minacce. Ha  ammesso la difficoltà nella gestione della problematica specifica dei cinghiali ma ha concluso rassicurando  gli agricoltori presenti che si sta lavorando in sinergia con la Prefettura di Salerno. Caputo ha dato loro appuntamento tra un anno per avere i primi risultati e decidere come proseguire.

Daria Scarpitta

Altri articoli...

  1. Sala, team controlli. Conferenza dei sindaci a Padula. Il Presidente Ritorto incontra il Direttore regionale. Allo studio il ricorso saltuario ad un funzionario di Salerno.
  2. Torre Orsaia, da oggi Liliana Segre è cittadina onoraria. La Senatrice ai giovani : " il futuro è nelle vostre mani " .
  3. Interruzione delle trasmissioni. La programmazione di 105 Tv tornerà regolare il 17 gennaio.
  4. Sapri, mercoledì la visita di Luca Cascone. Inaugurerà il cantiere in piazza Plebiscito e terrà un sopralluogo al porto .
  5. Commercio, a Sapri con il 2020 chiudono negozi storici. Il presidente di Confesercenti: " la crisi si affronta con l'innovazione " .
  6. Stop alla plastica sulle spiagge campane dall'estate 2020. In vigore la legge regionale. Nuove norme per gli stabilimenti balneari.
  7. Maratona oratoria sulla prescrizione, Lagonegro c'è. A Pagine il Presidente della Camera Penale Bonafine e l'avvocato Giosuè Mazzocca.
  8. Il premier Conte venerdì a Vallo. Ecco il cronoprogramma. Prenderanno la parola i sindaci di Sala e Vallo.
  9. Turismo in Campania. A Salerno la prima conferenza programmatica dei distretti.
  10. Parco del Cilento, lotta agli abusi edilizi. Il direttore Gregorio: " in due anni 60 ordini di abbattimento".
  11. Sicignano-Lagonegro, sopralluogo dei 5Stelle. Catiello: "Opportunità dal Piano straordinario per il Sud". Rocco Panetta: "Unico ostacolo alla riapertura la lobby delle autolinee".
  12. Policastro, cinema chiuso da un mese. Il consigliere Tagliaferri interroga il sindaco su cambio di gestione e improvviso stop. "Quale futuro per la struttura?"

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.