Contenuto Principale

Cilento, metanizzazione al palo. I sindaci sabato diffidano il Governo per i ritardi. Da risolvere anche il nodo Santa Marina per il passaggio della condotta.

Image result for metanizzazione nel cilento

Un incontro per fare il punto sulla metanizzazione e diffidare il governo centrale per i ritardi con cui questa importante azione si sta realizzando sul territorio. Sabato prossimo alle 11 a Futani, convocati dal sindaco del Comune capofila Celle di Bulgheria, Gino Marotta  si incontreranno tutti i sindaci del Cilento interessati dal progetto alla presenza anche della Regione Campania nella persona del presidente della quarta commissione Lavori pubblici Luca Cascone che sta seguendo la vicenda.  L’obiettivo è spingere per vedere firmati i decreti, l’atto finale per il via libera alla metanizzazione. Con ogni probabilità verrà stilato un documento  in cui si chiederà al Ministero dello Sviluppo Economico e a quello delle Infrastrutture di accelerare sui decreti che sono già pronti. Al momento ci sono sei Comuni in cui i lavori sono in corso Torraca,Tortorella, Casaletto Spartano, Ispani, Morigerati e Caselle in Pittari. Dovrebbero poi partire, perché sono già stati disposti i bandi di gara, altri comuni tra cui Celle di Bulgheria, Roccagloriosa, Torre Orsaia e San Giovanni a Piro  per altri 30 milioni di euro.  Inoltre  deve essere ancora completata con la relativa delibera  l’istruttoria per 10 Comuni tra cui Pisciotta, Futani e Vallo della Lucania. “ I soldi ci sono- ha detto Gino Marotta- lo Stato dal 2014 ha stanziato venti milioni di euro ogni anno. La data ultima per il completamento delle opere è nel 2022. Lo Stato sta ritardando quei lavori per cui esso stesso ha imposto il termine. Noi siamo preoccupati per  questa lentezza burocratica. Siamo pronti anche ad andare direttamente dal Ministero perché un’attività così importante per il Cilento che prevede un forte impatto economico-sociale, un risparmio energetico per le famiglie, le aziende e le infrastrutture,  non può essere ritardato colpevolmente dal potere centrale”. Si spera dunque di sbloccare la situazione  che ha anche un altro fronte da definire: il raggiungimento di un accordo con il Comune di Santa Marina in merito al tracciato della linea che, per connettere i vari Comuni, comunque dovrà attraversare il territorio dell’ente, anche se lo stesso fino ad ora ha rinunciato ad aderire all’accordo di programma ed è fuori dalla metanizzazione. Il percorso stabilito per il metano è in parte attraverso la SS18 e in parte attraverso le aree interne. Ora si attende il parere favorevole dell’Anas dopo di che si andrà a discutere con Santa Marina per individuare una possibile alternativa che incontri anche  l’assenso del sindaco Giovanni Fortunato. “In un modo o nell’altro dobbiamo passare- ha detto Marotta- se troviamo un accordo non ci sono problemi. Abbiamo anche altre opzioni pronte. Siamo disponibili a qualsiasi colloquio se il problema è il dove. Certo è che comunque passeremo .Bisogna tener conto che ci sono comunque degli obblighi essendo  un’opera pubblica.”

Daria Scarpitta

Sapri, riqualificazione di Piazza Plebiscito. Aggiudicata la gara. Restano le incertezze dei commercianti dell'area.

Image result for piazza plebiscito sapri

Assegnata la gara per la realizzazione del maxiprogetto che modificherà anche l’immagine di Piazza Plebiscito a Sapri.  Ad aggiudicarsi l’appalto con un ribasso del 7% è stata la Zema  Costruzioni Srl di Rofrano per un importo di circa un milione e 400 mila euro. I dati sono contenuti in una determina del Responsabile del Settore Lavori Pubblici dell’11 settembre. Prosegue dunque l’iter per la concretizzazione  del progetto denominato “Viabilità e collegamento  con le arterie stradali intercomunali connesse con le attività turistiche del litorale” che prevede al suo interno in particolare la riqualificazione di Piazza Plebiscito la quale tante polemiche aveva innescato tra i commercianti dell’area per le limitazioni e le modifiche previste su dehors, traffico e sosta nell’invaso. Dopo le contestazioni e i dubbi di chi la piazza la vive quotidianamente, l’amministrazione aveva accettato di recepire all’interno della progettazione la possibilità di sosta e si era detta disponibile a trovare un accordo con gli esercenti dell’area per individuare dei dehors comuni. Doveva essere definito poi anche come la viabilità sarebbe stata possibile sulla piazza che sul progetto sembrava essere destinata alla pedonalizzazione. Al momento però degli esiti di queste trattative non c’è traccia. Tra i commercianti c’è fermento per cercare di capire cosa avverrà, visto che si è già alla fase dell’affidamento dei lavori, il progetto va avanti ma in un clima di sostanziale incertezza. Non c’è stata ancora infatti nessuna variante ufficiale al progetto per ciò che attiene l’inserimento delle aree di parcheggio, né alcuna riunione con i commercianti sulle questioni cardine da questi poste.

Daria Scarpitta

Scuole, la campanella suona troppo presto. Anche Vibonati e Agropoli posticipano riapertura al 16 settembre.

Risultati immagini per scuola campanella

Le lezioni scolastiche cominciano troppo presto secondo il calendario stilato dalla Regione Campania  e piovono le ordinanze sindacali che chiudono le scuole per alcuni giorni, in modo da far suonare la campanella dopo la metà di settembre. Dopo Sapri, Torraca e Camerota, ora anche i Comuni di Vibonati e Agropoli fanno slittare l’inizio delle lezioni al 16 settembre. Il sindaco Franco Brusco ha assunto stamane il provvedimento, allineandosi al vicino Comune di Sapri da cui le scuole dipendono, motivando ancora una volta la decisione con la vocazione turistica del territorio e con  i disagi perche andrebbero a vivere  gli utenti scolastici viste le temperature elevate e la stagione estiva ancora in corso. Sulla stessa linea il sindaco di Agropoli Adamo Coppola. “Il nostro – ha detto  – è un paese turistico. Siamo ancora in piena stagione estiva e al fine della tutela del benessere e della salute degli alunni, considerate le elevate temperature locali, ho ritenuto di prorogare di qualche giorno il rientro tra i banchi di scuola, che quindi avverrà lunedì 16 settembre». Una presa di posizione che sembra coinvolgere sempre più Comuni e che può essere un segnale forte alla Regione Campania che per il secondo anno ha scelto di iniziare le scuole nella prima metà di settembre, attirandosi anche le perplessità degli operatori turistici che inviarono la scorsa primavera una lettera per chiedere di non troncare così di netto la stagione estiva e gli affari. L’assessore all’Istruzione Lucia Fortini ha sempre difeso la decisione, dicendo di averla concordata con le associazioni di genitori e tuttavia innescando un dibattito molto acceso sui social con chi non era d'accordo.

Daria Scarpitta

Laurito, successo per la Fiera della Maddalena. L'evento tra recupero del passato e ricerca di futuro.

Risultati immagini per fiera maddalena laurito

Un ritorno alle tradizioni che sa di antico ma anche di futuro. La Fiera  della Maddalena a Laurito ha recuperato lo spirito fieristico di un tempo, dando modo ai produttori agricoli e agli allevatori del territorio di mettere in mostra i propri prodotti autentici con una ricca storia alle spalle,  e ha consentito di guardare avanti, facendo confrontare i protagonisti tra di loro su problematiche e opportunità, tracciando la strada per individuare nuovi acquirenti e imparare a fare rete. In due giorni hanno animato il mercato una trentina di aziende che hanno portato zafferano, fagioli, miele, legno, formaggi, le loro tecniche di produzione e lavorazione e i loro allevamenti di capre, asini, cavalli, mucche e pecore, vera attrazione della fiera. Uno sforzo importante che verrà ripetuto anche il prossimo anno per ampliare numeri e occasioni, come ha ribadito il Presidente della Comunità Montana Bussento, Lambro e Mingardo e sindaco di Laurito Vincenzo Speranza.

Presente alla fiera anche uno stand della Coldiretti che ha sostenuto l’iniziativa, partecipando al tavolo dei lavori che ha dato il via alla due giorni di esposizione con il consigliere provinciale e vicepresidente Donna Impresa Dorotea Croccia.

Daria Scarpitta

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.