Contenuto Principale

Sapri. Il Centro per l' Impiego nella nuova sede

A Sapri il centro per l’impiego si è trasferito nella struttura nuova di zecca realizzata dalla Provincia di Salerno in località Cantina. Un edificio adeguatamente attrezzato per soddisfare a pieno le esigenze dei suoi utenti. Gli ampi spazi a disposizione hanno consentito di attivare un maggior numero di sportelli per il pubblico, di creare uffici dove accogliere la gente in maniera privato, consentendo così di rispettare a pieno la legge sulla privacy. L’ufficio di collocamento saprese abbraccia un vasto territorio che arriva su gran parte del basso salernitano, i suoi operatori oltre a favorire l'incontro nel mercato locale tra domanda e offerta, forniscono un concreto supporto nella compilazione dei curriculum e nella redazione dei documenti per la partecipazione a concorsi e selezioni. Inoltre hanno avviato un' ampia attività di orientamento nelle scuole. La nuova sede è costata un milione e 200 mila euro. Nonostante fosse pronta da oltre tre anni e mezzo la provincia non procedeva al trasferimento. L' amministrazione comunale recentemente ha diffidato l' ente di palazzo Sant' Agostino a provvedere al trasferimento e così nel giro di poco tempo gli uffici fanno ingresso nella nuova sede. Un trasferimento che farà risparmiare all’ ente locale 18 mila euro l’ anno. Si tratta dell’ affitto che il comune ha pagato al titolate dell' immobile privato in località Pali dove fino ad oggi ha avuto sede il centro per l' impiego.

Antonietta Nicodemo

 

 

Giudice di pace a Sapri. Il golfo compatto contro la chiusura

I comuni hanno garantito, al ministro, che sosterranno le spese ordinarie e gli stipendi al personale. Segui l'intervista all'avvocato Gerardo Bove

Vallo di Diano. Consac, gestione nel mirino

Continuano le contestazioni di molti cittadini. Sotto accusa specialmente le tariffe. C'è chi chiede agevolazioni per le fasce deboli. A sollevare il problema è stato un utente di Teggiano il quale è voluto intervenire durante la rassegna stampa di 105tg, nella mattinata odierna, quella del 4 maggio 2013  mentre in studio era presente il sindaco di Montesano S/M, Donato Fiore Volentini. L'utente ha chiesto al primo cittadino del paese del Vallo di Diano, "come mai il suo comune non ha aderito al servizio idrico..". Volentini ha risposto che oltre a Montesano, anche Buonabitacolo e Sanza continueranno a gestire in maniera autonoma il servizio perchè - a detta del sindaco- sarebbe conveniente per gli utenti.

Di seguito alcuni passaggi della rassegna stampa. Con Donato Fiore Volentini, Antonietta Nicodemo.

Lidi a Policastro: nuovo piano spiaggia. A. Giudice "Va rifatto.."

".. Anche perchè riduce all'osso la spiaggia libera".

Il nuovo piano spiaggia per il litorale di Policastro passa in consiglio comunale con l’astensione del gruppo di minoranza. “ Quanto proposto dall’amministrazione – spiega il capogruppo dell’opposizione Alessandra Giudice – va oltre le vere esigenze del territorio e riduce all’osso i tratti di spiaggia libera”. Il piano fa salire a diciannove gli spazi destinati a chioschi e lidi. Oltre ai nove già esistenti, interessati dal provvedimento giudiziario dello scorso anno, dovrebbero aggiungersi le nuove dieci aree individuate tra l' hotel Torre Oliva e il confinante litorale di Capitello . “ Abbiamo chiesto di rivedere tutto, anche perché - spiega giudice – non crediamo ci siano i tempi tecnici per consentire l’ apertura di strutture balneari entro luglio prossimo. Per questo sarebbe stato opportuno rivedere il progetto con serenità, adeguandolo alle esigenze reali del movimento turistico locale”. La maggioranza è convinta del contrario. In aula ha lasciato intendere che entro l' estate prossima sarà ultimato l' iter che porterà al rilascio delle nuove concessioni . Nella stessa seduta l' assemblea ha approvato con il voto contrario della minoranza il piano per la dismissione dei beni comunali . Per il momento sono stati individuati i terreni per i quali si pensa di modificarne la destinazione e alcuni immobili da mettere in vendita come il mercato coperto e le case popolari. All' ordine del giorno anche la situazione dell' ospedale di Sapri . La minoranza ha chiesto al presidente del consiglio comunale , Giovanni Fortunato, consigliere della regionale della Campania, che il nuovo atto aziendale dell' asl non vada a penalizzare l' ospedale di Sapri. Fortunato ha garantito che il presidio non sarà depotenziato e conserverà tutti i reparti attualmente attivi.

Antonietta Nicodemo

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.