Contenuto Principale

Emergenza Covid, mercoledì disastroso. Contagi in crescita a sud di Salerno e un decesso a Vallo della Lucania.

COVID-19. 20 nuovi contagiati nel Salento su 321 in Puglia :: Galatina

Salgono i numeri del contagio a sud di Salerno. La giornata di mercoledì, che ha contato 1.760 positivi in tutta la Campania, ha visto aggravarsi il bilancio dei casi anche sul territorio cilentano. A Sapri si è arrivati a quota 17 con altri due positivi emersi in serata, due donne, collegate una a casi già emersi nella mattinata, e un’altra a quelli dei giorni precedenti e dunque già in isolamento. 5 contagi in un’unica giornata e i numeri in crescita per la molteplicità dei cluster. Nella cittadina, oltre alla trentina di tamponi eseguiti dall’Asl sui contatti dei positivi di cui si attende l’esito, c’è da tenere conto anche della ventina di tamponi al giorno effettuati presso il laboratorio convenzionato, autorizzato a eseguire il test anche sui singoli che si presentano in autonomia, e che sta operando in modalità drive-in un’ora circa al giorno.

Vibonati sale a quota 5 positivi complessivi, dopo che ieri a quelli già conteggiati se ne è aggiunto un altro. Qui due casi sono di persone collegate al cluster di Sapri che ha portato alla sanificazione di un supermercato. A Policastro si attendono i risultati ufficiali di altri tamponi eseguiti. Buone notizie a Teggiano dove è risultato negativo al tampone di controllo il sindaco Michele Di Candia. Negativi anche i suoi familiari e quelli del Presidente della Pro Loco Biagio Matera, che anche se contagiato sta bene ed è asintomatico. Nella cittadina, però, sono scattati i protocolli di sicurezza su tutti i dipendenti di una nota azienda dopo che due di essi sono risultati positivi.

Cresce il contagio anche a Polla che sale a quota 13 con altri quattro positivi emersi, tra cui una donna e un bambino. Sarebbero collegati ai contagi dei giorni scorsi. 5 positivi anche a Monte San Giacomo, i nuovi 4 sono contatti della 19enne positiva. Dallo screening voluto dalla Banca Monte Pruno per garantire la sicurezza ai propri clienti, sono emersi 8 positivi su 100 tamponi eseguiti. Si tratta di una donna delle pulizie della sede centrale e di dipendenti delle varie filiali, due a Teggiano, uno a Villa D’Agri, uno a Marsico Nuovo e tre a Sant’Arsenio, impiegati negli uffici non aperti al pubblico.  Sono tutti asintomatici e in isolamento.

Nel Cilento si sono registrati due nuovi casi ad Ascea, asintomatici e relativi ai contatti di un nucleo familiare e 5 nuovi ad Agropoli, quattro sono contatti del cittadino risultato positivo il 14 ottobre, e uno che non ha nulla a che vedere con i cluster precedenti. Nel pesante bilancio delle ultime ore si è registrato anche un decesso nel Cilento. Ha perso la vita un 90enne di Vallo della Lucania, già affetto da altre patologie, che nei giorni scorsi era risultato positivo assieme alla moglie. Era stato sottoposto a controlli dopo la positività del figlio che lavora presso una struttura sanitaria privata di Vallo. Un positivo, infine, anche ad Acquafredda di Maratea ma, ha fatto sapere il primo cittadino, si tratta di una persona che, pur essendo residente, non ha fatto ritorno a Maratea da agosto 2020. Non avrebbe dunque avuto contatto con nessuno e non ci sarebbero pericoli di contagio sul territorio.

 

Daria Scarpitta

Sapri, sale a 15 la conta dei positivi. Due sono ricoverati. Cluster diversi, si teme una crescita dei numeri. Una trentina i tamponi dei contatti di cui si attende l'esito.

Covid Sapri: ancora due contagi - Info Cilento

A Sapri la città in apprensione per la crescita dei contagi. Tra ieri e oggi sono sette in totale i casi registrati che fanno salire a quota 15 il numero dei positivi. Gli ultimi tre sono stati comunicati stamattina, sarebbero un uomo e una donna sintomatici e per questo sottoposti al tampone dal medico di base; e una donna, già in isolamento in quanto tra i contatti dei casi registrati nel Comune di Santa Marina. Ieri invece c’erano stati il caso di un lucano domiciliato a Sapri; di un uomo e una donna, già in isolamento in quanto contatti di persone già positive, e di un altro contatto di caso collegato a uno dei positivi emersi nel fine settimana. Tutti e sette gli ultimi casi non avrebbero collegamento tra loro. Fino a questo momento sono due le persone con sintomatologia tale per cui si è reso necessario il ricovero presso le strutture sanitarie salernitane dedicate. Cinque invece circa le persone che non hanno sviluppato nessun segno della presenza del virus e dunque nessuna patologia. L’età media dei contagiati si aggira attorno ai 50anni. Non ci sono giovanissimi per il momento risultati positivi. Tra i casi invece ci sono alcune persone collegate all’anziano di Acquafredda ed altri di origine lucana. Diversi i nuclei familiari sottoposti a quarantena, tra quelli dei contagiati e, in alcuni casi, dei loro contatti. Sono invece una trentina i tamponi relativi ai contatti dei contagiati del cui esito si è in attesa. Poi ci sono i tamponi a cui le persone si sottopongono autonomamente e quelli richiesti dai medici di base per soggetti che manifestano sintomi sospetti. Non si esclude dunque che i numeri a Sapri possano ancora crescere. La particolarità della manifestazione del contagio nella cittadina è proprio il fatto che non siano state individuate correlazioni tra molti casi, segnale che il virus è ben presente in città, forse anche da tempo. Una situazione a cui probabilmente ci si dovrà abituare su tutto il territorio nei prossimi mesi, ma che rende più complicato il tracciamento e la delimitazione dei contagi. Il sindaco di Sapri per il momento ha emanato un’ordinanza con cui sospende le attività del mercato settimanale per il prossimo venerdì, e chiede ai medici di base di comunicare i tamponi richiesti sui propri pazienti per consentire al Comune di intervenire in tempo ed essere pronto da subito. Al momento infatti l’Ente viene avvisato solo una volta arrivato l’esito positivo.

 

Daria Scarpitta

Emergenza Covid, le nuove restrizioni di De Luca. Le primarie in presenza da lunedì ma solo dopo la decisione dell'Unità di Crisi.

De Luca: "Sentenza limpida come una scodella di bagnacauda"

Nuove restrizioni in Campania con l’ordinanza firmata martedì dal Presidente della Regione Campania.  Scatta infatti il divieto alla mobilità interprovinciale, a partire dal prossimo 23 ottobre. I cittadini campani, dunque, non potranno spostarsi dalla provincia di residenza o domicilio verso altre province della Campania, a meno che non sussistano comprovate esigenze di salute, di lavoro, motivi familiari, scolastici o altre necessità urgenti. Torna dunque l’autocertificazione che aveva caratterizzato la prima ondata del contagio. Una restrizione che ha già fatto mugugnare in tanti ma che potrebbe anticipare, come già accaduto in passato, delle decisioni simili a livello nazionale. C’è già infatti chi vocifera che potrebbe scattare un nuovo DPCM e che tra le drastiche misure al vaglio ci sarebbe lo stop alla mobilità tra Regioni. Ma per il momento non c’è nulla di concreto, solo un lavoro continuo con le Regioni e la volontà poi eventualmente di decidere anche in base all’andamento dell’epidemia. Lo stop alla mobilità interprovinciale è invece una realtà decisa da De Luca che sulla scuola non ha fatto nessun dietrofront come si era pensato dopo la riunione tra la Fortini e i sindacati della scuola. Nell’ordinanza viene infatti ribadito che fino al 30 ottobre è confermata la sospensione delle attività didattiche in presenza per le scuole primarie e secondarie. Si apre la possibilità di un ritorno in classe per le elementari dal prossimo lunedì 26 ottobre, ma al momento non c’è il relativo provvedimento, e tutto viene subordinato all’attività di monitoraggio e valutazione della situazione dei contagi sviluppatisi in ambito scolastico messa in campo dall’Unità di Crisi. L’ordinanza consente così di superare le decisioni governative che vedevano la ripartenza della scuola per quest’oggi, senza per questo dare assoluta certezza di una ripresa delle lezioni in presenza per lunedì prossimo. L’unica certezza è che verranno avviate immediatamente le lezioni in classe per i bambini autistici e con disabilità. La Regione Campania ha inoltre chiesto al Ministro della Salute di condividere e disporre in Campania la sospensione di ogni attività dalle 23 alle 5 del mattino e degli spostamenti dalle 24 a partire dal prossimo fine settimana. Una decisione che se confermata andrebbe ad allineare la nostra Regione alle restrizioni richieste dalla Lombardia.

 

Daria Scarpitta

Covid, 3 nuovi casi a Sapri. Numeri in crescita a sud di Salerno.

COVID-19. 20 nuovi contagiati nel Salento su 321 in Puglia :: Galatina

Numeri in crescita in Campania. Nella giornata di lunedì sono stati 1.593 i nuovi casi registrati di cui 79 sintomatici. E il bollettino in salita riguarda anche il territorio a sud di Salerno. A Sapri si è passati da 8 a 11 casi dopo che sono emersi  altri tre positivi, tra persone non collegate tra loro. Uno di essi è residente in Basilicata ma domiciliato a Sapri, poi ci sono un uomo e una donna, che erano già in isolamento in quanto contatti di persone già positive. Sapri  fino ad un mese fa non era stata toccata dal contagio, neppure nei primi tempi difficili della pandemia. Complessivamente  con i contagi sviluppatisi negli ultimi giorni si sono registrati 13 casi ,di cui due al momento guariti. Si registra invece il primo caso di coronavirus a San Pietro al Tanagro, un 20enne asintomatico di cui si stanno ricostruendo tutti i contatti. E sono emersi altri due positivi dallo screening effettuato presso il "Luigi Curto" di Polla. Si tratta di un addetto all’ufficio ticket e di un anatomopatologo che hanno fatto salire a quota 11 il numero dei contagiati scoperti presso il locale ospedale. Intanto, dopo l’accertata positività di un insegnante dell’alberghiero di Sant’Arsenio, sono scattate le operazioni di sanificazione nell’edificio scolastico. Definita anche la lista di docenti e studenti che hanno avuto contatti con il professore e delineati provvedimenti di quarantena e richieste di tamponi per le situazioni più a rischio. In salita i contagi anche ad Agropoli. Una persona non residente  venuta nella cittadina cilentana per cure sanitarie e dopo essere stata sottoposta a tampone preventivo risultata contagiata.  Si va ad aggiungere al computo degli altri casi per un totale di 13 positivi ad Agropoli che intanto attende  entro domani, secondo le rassicurazioni  fornite al sindaco dall’Asl, l’esito degli altri tamponi non analizzati e relativi a tutti i precedenti casi. Nella cittadina sono comunque risultati negativi i soggetti inseriti nella catena dei contatti del minore che frequenta la scuola “Cafarelli” di loc. Moio, tra i quali tutti gli insegnanti coinvolti. Intanto c’è attenzione  ad Eboli dove i casi sono saliti a 32 dopo che 8 contagi si sono registrati al rione Paterno tra persone che avevano tutte preso parte ad un ricevimento per una Prima Comunione.

 

Daria Scarpitta

Altri articoli...

  1. Potere ai sindaci, Pisani: "Ci diano le risorse". Allo studio dell'Anci la richiesta di provvedimenti differenziati per Comune.
  2. Vallo di Diano, positivo un medico della cardiologia di Polla.
  3. Emergenza Covid, circoscritto il contagio a Policastro. A Sapri anziano trasferito al "Da Procida", guarito il dipendente comunale.
  4. Ospedali, dall'Asl stop alle attività non urgenti. A Polla i sindacati chiedono misure contro il contagio nell'ospedale. Si ragiona sul futuro di Agropoli.
  5. Sale a 9 il numero dei contagiati nel Comune di Sapri. Il sindaco Antonio Gentile: “Tutto sotto controllo”. Lunedì riapre l’infanzia con la mensa. Stessa decisione anche a Torraca.
  6. “I piccoli comuni non sono come i grandi centri”. Il sindaco di Roscigno ricorre al Tar contro l’ordinanza che chiude le scuole. Si oppone anche il primo cittadino di Sala Consilina, ma è una fake news.
  7. Oltre 1.000 contagi. La Regione chiude tutte le scuole campane. Didattica a distanza fino al 30. Delusi i sindaci. L’Anci aveva chiesto di affidare la scelta ai comuni.
  8. Polla, “Luigi Curto” osservato speciale. Contagi tra il personale dopo lo screening. Tamponi alla famiglia del sindaco Di Candia. Torna l'area Covid.
  9. Golfo di Policastro, impennata di contagi. Provvedimenti anche a Poderia e Scario dopo la positività di due insegnanti di Policastro. A Sapri 4 nuovi casi, due contatti del positivo di Roccagloriosa.
  10. Sapri, 4 contagi da Covid19. Sindaco positivo a Teggiano. De Luca: chiuse scuole fino al 30 ottobre.
  11. Covid, ancora un nuovo caso a Vibonati. A Santa Marina altri 3 positivi. Al "Curto" di Polla un medico contagiato.
  12. Caso Covid a Vallo della Lucania. Contagiata la dirigente scolastica della primaria. Sanificati gli uffici. La scuola resta aperta.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.