Contenuto Principale

Commercio, a Sapri con il 2020 chiudono negozi storici. Il presidente di Confesercenti: " la crisi si affronta con l'innovazione " .

 

 

 

 

 

 

La crisi del commercio non accenna a finire. Una nota della Confesercenti parla di 32 mila negozi in meno dal 2011 al 2018. Cinque mila sarebbero spariti nel 2019. Tra questi ultimi anche attività storiche di Sapri. Infatti,  con l’avvio del 2020 nella Città della Spigolatrice, hanno abbassato le saracinesche : la Gioielleria Fratelli Bruno in corso Garibaldi e  il negozio di biancheria e intimo Qui Firenze in via Kennedy. Due attività che per decenni hanno caratterizzato il mercato locale con articoli attentamente  selezionati e di qualità.  Da qualche mese ha chiuso i battenti anche il centralissimo Hotel Vittoria, che ha fatto la storia del commercio turistico saprese. Con l’inizio del nuovo anno altre piccola attività sono state costrette alla serrata, impoverendo ulteriormente l’offerta commerciale e  rendendo ancora più buie le vie della cittadina saprese. Nei due corsi ,Garibaldi e Umberto I,  è un rincorrersi di saracinesche abbassate e locali in vendita o in affitto. Un quadro poco incoraggiante quello che arriva dalla Comune capofila del Golfo di Policastro ma che rispecchia la realtà commerciale salernitana e più in generale quella nazionale. L ’invito della Confesercenti per i piccoli commercianti è di “ affrontare la crisi con l’ innovazione, senza però trascurare le tradizioni “. 

antonietta nicodemo 

 L’invito della Confesercenti per i piccoli commercianti è di “ affrontare la crisi con l’ innovazione, senza però trascurare le tradizioni “. ( Segue intervista al presidente provinciale Confesercenti Raffaele Esposito ).  

 

Stop alla plastica sulle spiagge campane dall'estate 2020. In vigore la legge regionale. Nuove norme per gli stabilimenti balneari.

Risultati immagini per plastica spiagge campane

Vietata la plastica su tutte le spiagge campane. E’ stata pubblicata sul Burc dello scorso 6 dicembre ed è dunque già entrata in vigore,la legge della Regione Campania, approvata a fine novembre all’unanimità su proposta del consigliere dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. Un provvedimento legislativo ancora poco conosciuto ma anche andrà ad avere un impatto importante sulla vita quotidiana, in particolare per quei territori costieri che vivono di turismo.  Il provvedimento dovrebbe scattare concretamente dall’estate 2020, anticipando così i contenuti della direttiva europea sul plastic free che diventerà operativa dal 1 gennaio 2021. La legge dispone il divieto di utilizzo di materiale monouso non biodegradabile e compostabile sulle spiagge campane,  per limitare la dispersione accidentale  di rifiuti plastici nell’ambiente e in particolare nel mare, dove il problema delle microplastiche  è consistente.  Un divieto che riguarderà i turisti che affolleranno le spiagge ma anche e soprattutto gli stabilimenti balneari, e i loro  esercizi di ristorazione e di somministrazione di bevande.  Nei tratti di spiaggia libera il Comune dovrà provvedere  ad informare con appositi cartelli, per il resto ci penseranno i concessionari tenuti a somministrare cibo e bevande in contenitori compostabili. La legge regionale inoltre, prevede che nelle procedure per l’assegnazione delle concessioni delle spiagge sia un requisito premiale il fatto che il concessionario utilizzi esclusivamente  piatti, bicchieri, posate, cannucce in materiali biodegradabili. Si tratta di un cambiamento importante ma anche non poco costoso per chi è concessionario di stabilimenti balneari, a cui viene solo riconosciuta una eventuale riduzione  della tariffa per il conferimento dei rifiuti, lasciando però piena discrezionalità ai Comuni di poter introdurre questa agevolazione. Ufficialmente la legge è entrata in vigore dal giorno successivo alla  sua pubblicazione sul Burc ma ora la palla passa in mano ai Comuni che avranno 30 giorni di tempo per adottare atti di competenza in modo da garantire l’operatività del divieto sulle spiagge e, per chi non lo rispetta, l’applicazione delle relative sanzioni amministrative che vanno  da mille a tremila euro.

Daria Scarpitta

Maratona oratoria sulla prescrizione, Lagonegro c'è. A Pagine il Presidente della Camera Penale Bonafine e l'avvocato Giosuè Mazzocca.

Risultati immagini per enzo Bonafine

Anche i penalisti di Lagonegro hanno preso la parola durante la Maratona oratoria per la verità sulla prescrizione che ha avuto luogo a Roma dal 2 al 7 dicembre scorso. Ne abbiamo parlato in studio a Pagine con il presidente della Camera Penale Alfredo De Marsico Enzo Bonafine e l'avvocato Giosuè Mazzocca.

Ecco l'intervista di Daria Scarpitta:

 

Il premier Conte venerdì a Vallo. Ecco il cronoprogramma. Prenderanno la parola i sindaci di Sala e Vallo.

Risultati immagini per premier conte

Confermato l’arrivo del premier Giuseppe Conte venerdì 29 novembre a Vallo della Lucania. Sarà l’occasione per un’interlocuzione diretta tra gli esponenti delle aree interne e il presidente dell’esecutivo nazionale. Un’opportunità imbastita dal senatore del M5Stelle Francesco Castiello. In queste ore  è già stato definito il cronoprogramma, tenuto conto che il Presidente avrà tempo contato a disposizione. Alle 15 Conte arriverà all’ospedale San Luca di Vallo per una visita al reparto di pediatria della durata di 20 minuti. Alle 15.30 quindi sarà già all’Auditorium per l’incontro con i sindaci e i rappresentanti del territorio moderato dal direttore de La Città Antonio Manzo.  A presentare il territorio, le sue problematiche e le questioni sul tappeto su cui si chiede l’attenzione del Governo saranno il sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone in rappresentanza di tutto il vallo di Diano e quello di Vallo della Lucania, Antonio Aloia in rappresentanza del Cilento. Se dopo i loro interventi e la risposta di Conte, dovesse restare del tempo, sarà data al possibilità ai sidnaci in platea di fare qualche domanda. L’intero incontro si dovrà chiudere entro le 16.30/17. “Facciamo molto affidamento su questa occasione- ha detto il senatore Franco Castiello – per avere attenzione alle nostre aree sottoposte a spopolamento. Perdiamo ogni giorno un pezzo di futuro e c’è bisogno di provvedimento schock come quelli annunciati dal Ministro per il Sud che si sta apprestando a varare un piano decennale straordinario per il mezzogiorni. Noi con il nostro manifesto ci inseriamo in questa programmazione attraverso 10 proposte importanti per il nostro territorio che riguardano soprattutto investimenti nelle infrastrutture materiali ( negli ambiti della viabilità , dei trasporti, delle scuole, della sanità) e immateriali come la rete Internet. E poi incentivi all’occupazione attraverso la leva fiscale della decontribuzione  per incentivare le aziende che investono nelle aree interne a reclutare personale, soprattutto giovani e donne.”

Daria Scarpitta

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.