Contenuto Principale

Maratea, il consiglio revoca la delibera istitutiva del Parco marino. Costituita una Commissione per una nuova valutazione. Il 13 incontro al Ministero sull'Amp.

Risultati immagini per consiglio comunale maratea

Approvata la revoca della delibera del 2016  istitutiva dell’area marina protetta a Maratea. Questa mattina si è riunito il consiglio comunale  per occuparsi, tra l’altro, dell’argomento al centro del dibattito dall’inizio dell’anno. E’ passata la linea dell’amministrazione Stoppelli. Con 9 voti a favore, tutta la maggioranza più un consigliere di minoranza, e 4 contro , tutti dell’opposizione, si è deciso l’annullamento del provvedimento che la precedente amministrazione aveva assunto esprimendo un indirizzo favorevole al parco marino. Nel corso della discussione il capogruppo di minoranza Luca Magliacane ha evidenziato che la revoca della delibera 2016 non avrebbe nessuna utilità concreta perché andrebbe a censurare una volontà politica che appartiene a consiliature del passato e che nulla a che vedere con il percorso ora in atto. Il sindaco Stoppelli, invece, ha ritenuto necessario annullare quell’atto d’intenti perché   la delibera 2016 era stata assunta senza un’adeguata conoscenza della materia, senza un’istruttoria tecnica e una discussione  sulle problematiche, e dichiarando di confermare le decisioni assunte dalle precedenti amministrazioni quando non c’erano- ha detto il primo cittadino- delibere precedenti.  “Questa è una cosa grave- ha detto Stoppelli- perché non si può confermare una cosa che non esiste. Inoltre, la materia è di competenza statale, quindi il Comune non può approvare un atto di intenti su di essa”. Il sindaco ha dunque confermato la volontà di vederci chiaro sulla questione. Infatti, nella stessa seduta consiliare è stata istituita una Commissione consiliare permanente che si occuperà di Mare, Ambiente e Territorio . Composta da due membri della minoranza e due della maggioranza, si riunirà almeno sei volte l’anno e avrà competenza su depurazione, inquinamento, tutela del territorio e valuterà anche la questione Amp. A seguire il consiglio comunale anche Assopescatori Maratea . “ Ci rendiamo conto  - ha detto Manuel Chiappetta a conclusione della seduta -della completa mancanza di conoscenza del problema da parte dell’amministrazione  comunale e dell’assenza ancora di una posizione ufficiale. Il prossimo  13 febbraio il Ministero dell’Ambiente ha convocato  Comune e Regione Basilicata  per un incontro preliminare e l’amministrazione vi andrà senza un indirizzo chiaro”.  Ma il sindaco invece ha voluto proprio recarsi al tavolo senza la delibera ritenuta in qualche modo viziata perché non corroborata da studi e approfondimenti. “ Non potevamo andare ad affrontare una tematica che riguarda le generazioni future, facendo capire di essere proprio a digiuno. Ora andremo a dire che abbiamo una commissione che dovrà studiare la questione, che il sindaco dovrà fare da trait d’union tra Ministero, Regione e cittadini e faremo così scelte partecipate”.

Daria Scarpitta

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.