Contenuto Principale

Comuni ricicloni in Campania. Il Cilento mantiene il primato ma sono tanti i Comuni ancora sotto soglia.

Risultati immagini per comuni ricicloni campania 2018

Sono 238 i comuni ricicloni che superano il 65% di differenziata, solo 11 in più rispetto allo scorso anno. Il salernitano si conferma leader a livello provinciale  con i suoi 86 comuni ricicloni . E' un quadro ricco di criticità quello emerso alla presentazione da parte di Legambiente  del dossier 2018 sui Comuni Ricicloni Campani. In Campania continua a mancare una governance autorevole del ciclo integrato dei rifiuti e ancora non si procede alla realizzazione di impianti industriali di trattamento tanto che il 91% dell’organico  oggi finisce fuori regione. Il risultato è che, in questo percorso aggrovigliato, rallenta la raccolta differenziata da parte dei Comuni.In sostanza è una situazione non più in crescita ma in stagnazione quella fotografata dal rapporto. Tra i capoluoghi di provincia Salerno non riesce a raggiungere il 65% previsto dalla legge  e si ferma al 61% . Buona, invece, la performance del Cilento. Tortorella si conferma campione in assoluto in Campania e nella sua categoria, quella dei comuni sotto i mille  abitanti, con il 98% di differenziata.Al terzo posto nella stessa categoria San Mauro Cilento con l'88%  e a seguire nella top ten Morigerati e Cuccaro Vetere. Bene anche sala consilina che si piazza all'ottavo posto nella categoria tra i 10mila e i 20mila abitanti con il 76,33% di differenziata. Capaccio- Paestum, con una raccolta che sfiora il 70%, invece è ottavo  tra i Comuni della sua grandezza. Buone percentuali, tra il 70 e l'80%, anche a Castelnuovo Cilento, Rofrano, Sessa Cilento, Pollica, Moio. Inoltre, insigniti di riconoscimenti sono stati Montecorice a cui è andato il Premio speciale per i centri di raccolta, e San Giovanni a Piro ( 73,86%) a cui è stato attribuito il premio Conai per la campagna Riciclaestate . Ancora numerosi però i comuni cilentani sotto la soglia del 65%. Fanalino di coda è Gioi fermo al 30%, seguito da Torraca 32% . Stio, Montano e Casalbuono sono sotto il 50%, Casaletto, Castellabate e Camerota navigano poco più sopra. Sotto soglia anche Ispani , Vallo, Santa Marina e Vibonati sul 54% e la stessa Sapri ferma al 60%.

Daria Scarpitta

Sala, Giornata Nazionale dell'Albero. Riflettori su quelli monumentali. "Troppo pochi i censiti a Salerno"

Risultati immagini per giornata albero camera sala consilina

Sono stati i ragazzi i veri protagonisti della Giornata  Nazionale degli Alberi, celebratasi a Sala Consilina presso l’Istituto Comprensivo G. Camera  grazie alla collaborazione tra l’Osservatorio Europeo del Paesaggio, il Lions Club Sala Consilina-Vallo di Diano e Legambiente. La lezione l’hanno fatta gli alunni della primaria e della scuola secondaria di primo grado che, di fronte al rappresentante di Legambiente  Michele Buonomo e alle altre autorità, hanno proposto video, elaborati e canzoni a tema green mostrando di essere sensibili  e di conoscere le questioni affrontate molto più degli adulti. La giornata organizzata a Sala Consilina, una delle poche segnalate a livello nazionale, è stata anche l’occasione per puntare i riflettori sugli alberi monumentali. “ In tutta la provincia di Salerno - ha denunciato Angelo Paladino presidente dell’Osservatorio europeo del Paesaggio- sono stati censiti solo 18 alberi monumentali. E’ impossibile per una provincia che è tra le più verdi d’Italia e annovera anche il Parco del Cilento.  Questo è dovuto all’inerzia dei sindaci che non rispettano la legge del 2013. A loro spetta presentare le candidature, sono loro a dover fare le delibere. Il punto è che non c’è grandissima attenzione al patrimonio boschivo e iniziative come quella di oggi servono a ribadirlo e a sensibilizzare su questi temi.” Al termine della giornata nello spazio antistante la scuola media sono stati piantumati tre cipressi e un lauro, lì dove in passato erano stati tagliati alcuni alberi.

Daria Scarpitta

Cavalcando per il Parco. Ad aprile nasce l' Ippovia, un'opera costata 400 mila euro e al palo da 3 anni.

Risultati immagini per ippovia

 

CAVALCANDO PER IL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO. NELL’AREA PROTETTA NASCE L’IPPOVIA. L' OPERA COSTATA 400 MILA EURO ERA DA TRE ANNI AL PALO. SCELTO IL GESTORE. A VERONA LA PRESENTAZIONE , AD APRILE L’ATTIVAZIONE.

 

l'intervista al vice presidente del Parco potrete seguirla integramente su 105tv dopo l 'edizione del Tg delle 22,30 e 00,30. 

 

Compostaggio a Policastro, Sorrentino: "Il Golfo abbia una voce sola anche sulle certificazioni ambientali".

Risultati immagini per pasquale sorrentino san giovanni a piro

Il consigliere provinciale e vicesindaco di San Giovanni a Piro Pasquale Sorrentino esprime il suo pensiero sulla proposta lanciata dal sindaco di Santa Marina relativamente alla realizzazione di un impianto di compostaggio comprensoriale. "In linea di massima - ha detto-  siamo d'accordo e plaudiamo alle iniziative comprensoriali, ma il Golfo di Policastro abbia una voce sola anche su altri temi ambientali, come sul riconoscimento delle 5 Vele di Legambiente".

La dichiarazione di Pasquale Sorrentino:

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.