Contenuto Principale

DOMENICA OPEN DAY ALL'ALBERGHIERO "ANCEL KEYS" DI CENTOLA

Risultati immagini per ALBERGHIERO DI CENTOLA

 Il servizio di Caterina Guzzo

 

SCUOLE, AL VIA LE ISCRIZIONI. A SAPRI LA MIGALDI: "NON VADO VIA DAL SANTA CROCE".

Risultati immagini per PAOLA MIGALDI

 

SCUOLE A SAPRI. LA GIUNTA CONDIVIDE LA SCELTA DI VIBONATI.

 

 

 Risultati immagini per gentile sindaco sapri

 

La giunta Comunale di Sapri si allinea alla scelta di Vibonati sul dimensionamento della rete scolastica. Con una delibera di Giunta ha approvato la proposta dell’amministrazione del sindaco Franco Brusco. Si tratta della delibera licenziata in consiglio, dalla sola maggioranza vibonese, che chiede alla regione il trasferimento delle sue scuole ,  dalla direzione dell’Istituto Santa Croce, dalla quale dipende dal 2000, all’Istituto Dante Alighieri. La delibera  approvata dalla giunta saprese, giovedì pomeriggio, è di fondamentale  importanza per il futuro dei due istituti comprensivi cittadini . Una delibera che però non gode proprio  della firma dell’assessore alla Pubblica Istruzione Maria Teresa Falce. Quest’ ultima era  assente alla seduta insieme all’assessore Amalia Morabito. E’ evidente che quanto accaduto in questi ultimi giorni appartiene, come già detto, ad un gioco politico locale per tentare di salvare l’autonomia scolastica al Dante Alighieri. Un operazione che è stata compresa anche dai cittadini di vibonati che non ci stanno ad essere barattati per una causa che va contro gli interessi dei propri figli ed è per questo che  si stanno attivando con tutti i mezzi a loro disposizione per contrastare una scelta politica che non condividono e per la quale non sono stati ascoltati prima dell’approvazione in Consiglio Comunale. Acque agitate  anche Sapri. Anche qui la decisione è stata assunta senza alcuna condivisione con le parti interessate nonostante in un consiglio d’istituto del Santa Croce fu chiesto esplicitamente al sindaco Antonio Gentile di  convocare le due dirigenti scolastiche ed insieme definire un piano che potesse servire a garantire le due autonomie. La richiesta non è stata presa in considerazione e all’insaputa del Santa Croce la squadra di governo ha firmato la delibera Pro-Dante Alighieri.  Seguendo gli  accordi  politici, lo ha fatto dopo che Vibonati gli ha dato lo spunto. I’Istituto Santa Croce a tutela della sua popolazione scolastica e del suo personale in servizio si è già attivato presso le sedi opportune per far valere i suoi diritti e far venire fuori le illegittimità compiute fino ad oggi a suo danno.

 

SCUOLE A VIBONATI. LA MAGGIORANZA VOTA L'ADDIO AL SANTA CROCE. DOMANI DECIDE LA REGIONE

Risultati immagini per BRUSCO FRANCO

Il Consiglio Comunale di Vibonati ha approvato la delibera con cui trasferisce le sue scuole dall’Istituto Comprensivo Santa Croce a quello di Dante Alighieri, entrambi di Sapri. Per il governo locale il personale del Santa Croce non è qualificato e i progetti dello stesso Istituto non sono validi come quelli del Dante Alighieri. Motivazioni che sono state contestate fortemente della minoranza che con carte alla mano hanno anche dimostrato che la delibera in questione, in base alle linee guida per la riorganizzazione della rete scolastica in Campania,  non è venuta fuori da una concertazione tra le parti interessate: scuola e Comune, cosi come previsto da regole in materia. Il Consiglieri Manuel Borrelli e Anna Ferraiolo hanno ricordato che l’abbandono del Santa Croce doveva avvenire dopo una attenta consultazione con i genitori e che andrà contro gli interessi degli alunni di Vibonati. La delibera è stata votata dalla sola maggioranza per la quale erano essenti l’assessore Luisito Giudice e il consigliere Vincenzo Orlando. I quattro della minoranza hanno votato contro. Presenti alla seduta i docenti del Santa Croce con la loro dirigente Paola Migaldi che in silenzio hanno assistito alla discussione. Nemmeno la petizione firmata da 72 genitori vibonatesi che invitava il sindaco Brusco a tornare sui suoi passi, e quindi a consentire alle scuole locali di continuare ad andare avanti sotto la direzione del Santa Croce, è servita ad evitare l’annessione all’altro Istituto Comprensivo saprese. Un decisione quella assunta dalla maggioranza di Franco Brusco che potrebbe finire nel nulla. Giovedì mattina alle 11, così come riferito da Borrelli nel corso del Consiglio, si riunirà la commissione della regione Campania per la Pubblica Istruzione per approvare il piano di ridimensionamento scolastico. Un piano definito sulla base degli accordi condivisi tra comuni  e province campane insieme alle varie istituzioni scolastiche presenti sul territorio regionale, per la riorganizzazione della rete scolastica. Un piano, quello che giungerà in commissione regionale, che prevede il mantenimento delle scuole di Vibonati sotto la direzione del Santa Croce “ perché fino ad oggi e quindi entro i termini previsti dalle norme in materia  – afferma fiducioso Borrelli-  il nostro Comune non ha manifestato sui tavoli di concertazione il desiderio di andarsene con la Dante Alighieri “ . Un operazione quella di Vibonati che, secondo molti, si inserisce  nelle manovre messe in campo negli ultimi mesi per salvare l’autonomia scolastica del Dante Alighieri. Un istituto che non ha più i numeri per conservare la dirigenza. Ora tutti attendono la decisione della Regione. Mentre a Vibonati, che conta tra infanzia, primarie e medie 104 alunni, in gran parte si preparano ad iscrivere i propri figli al Santa Croce ritenendo valida l’offerta didattica e formativa e apprezzando il lavoro svolto fino ad oggi dalla dirigente scolastica.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.