Contenuto Principale

ESTATE NEL GOLFO. BILANCIO IN CHIARO SCURO. GLI OPERATORI " MANCA UNA PROGRAMMAZIONE "

Risultati immagini per ESTATE

SERVIZIO DI CATERINA GUZZO 

 

DIOCESI TEGGIANO-POLICASTRO, QUATTRO PARROCCHIE CAMBIANO PARROCO

 

Risultati immagini per diocesi teggiano

 

Tempo di cambiamenti nelle parrocchie della Diocesi di Teggiano- Policastro. Il vescovo Monsignor Antonio De Luca ha provveduto alla

 nomina dei nuovi pastori per quattro chiese. Nel mese di ottobre si insedieranno Don Maurizio Esposito a Serre, Don Antonio

Calandriello ad Aquara, Don Donato Varuzza a Montesano Scalo e Don Angelo Fiasco a Sant’Arsenio

 

SAPRI, CONTROLLI SUI CANALI. RINVENUTI SCARICHI ABUSIVI.

Risultati immagini per CANALI SAPRI

Hanno dato i loro primi frutti le operazioni di controllo dei canali disposte a Sapri dal sindaco Antonio Gentile dopo l’impennata di valori registrata da Arpac sulla spiaggia di Cammarelle.Proprio nella giornata di martedì il primo cittadino, assieme ad una squadra della Consac, agli operai del Comune e ai Vigili urbani, guidati dal Comandante Antonio Quintieri, ha preso parte alle verifiche stabilite con l’ordinanza n.137/2017. Nel corso delle operazioni sono stati rinvenuti degli scarichi abusivi, prontamente segnalati e per i quali si è già attivata la procedura di violazione della normativa di riferimento. Il provvedimento emanato dal sindaco puntava a monitorare tutti i canali a tempo che recapitano acque al mare. Si tratta di zone moto antropizzate, basta pensare ai tre principali canali : Ischitella, Santa Domenica e Scarpilla che attraversano proprio il centro cittadino. Dai primi controlli sono stati rinvenuti degli scarichi non autorizzati provenienti da alcune civili abitazioni. Sono ancora in corso ulteriori accertamenti, ma pare che dovrebbe trattarsi principalmente di fuoriuscite di acque bianche che però, essendo di natura abusiva, vanno comunque sanzionate. Nei prossimi giorni arriveranno i verbali e si attiveranno le procedure di infrazione che significheranno multe salate dai 200 ai 500 euro per i titolari della abitazioni dove sono stati rinvenuti gli scarichi senza autorizzazione . Inoltre, partirà nell’immediato anche l’ordinanza di ripristino dei luoghi per evitare che si continui a far arrivare in mare tali scoli. Il mare antistante la spiaggia di Cammarelle è tornato balneabile ma le verifiche non si fermeranno qui. “Continueremo nei prossimi giorni a controllare palmo a palmo i canali – ha fatto sapere in una nota il primo cittadino - Il rispetto per l'ambiente e la salute del nostro mare sono importantissimi, nessuno può pensare di farla franca.”.

Daria Scarpitta

CRISI IDRICA. CONSAC PUNTA SUL POZZO DI SANZA. "ACQUA POTABILE A S. MARINA"

prove portata

Il pozzo Schiattabove di Sanza àncora di salvezza per i Comuni assetati quest’estate a causa della crisi idrica. Stanno proseguendo i lavori avviati da Consac e finanziati dalla Regione Campania per scongiurare un’altra stagione di disagi come quella appena trascorsa, e l’esplorazione del nuovo pozzo di Sanza, sempre sulla copiosa Fiestole, sta dando grosse soddisfazioni. Si è trivellato fino a 90 metri e la risorsa individuata sarebbe così abbondante da aver fatto fermare per il momento i lavori. La Consac attende di effettuare, con il titolare della ditta che si è aggiudicata l’intervento, le prove di portata , forse già venerdì prossimo, prima di pronunciarsi. Ma, se la capacità del pozzo dovesse confermare le previsioni, non solo non si procederà fino ai 150 metri previsti ma potrebbe modificarsi anche lo scenario a cui si è arrivati da poco con la conclusione dei lavori nel Golfo di Policastro. “L’acqua – ha detto l’ingegnere Parrilli - potrà servire tutti i paesi che hanno vissuto maggiormente la crisi idrica, Caselle in Pittari e Sicilì, ma anche S. Marina, Ispani e San Cristoforo. Se dovesse essere abbondante la risorsa, infatti, chiuderemo il pompaggio da Capitello, che pure ha un costo, e la utilizzeremo anche per loro. Si potrebbe perfino considerare, qualora la portata fosse consistente, di utilizzare in senso inverso la condotta realizzata recentemente, portando così quest’acqua di Sanza anche sulla costa del Golfo di Policastro, per servire Capitello e Torre Normanna ad esempio”. Si tratta per il momento di ipotesi. Si dovrà attendere la prossima settimana per saperne di più. Intanto, però, visto che ancora si lamentano disagi nel Golfo e in particolare a S. Marina per la colorazione dell’acqua erogata, che tenderebbe al marroncino, la Consac fa sapere che sono state effettuate nuove analisi sulla risorsa in questione. Le ultime lo scorso 14 settembre. “I risultati- ha detto l’ing. Parrilli- li abbiamo comunicati proprio lunedì al Comune di S. Marina che ci aveva sollecitato in merito. Il laboratorio ha attestato che tutti i parametri sono conformi. L’acqua a S. Marina e a Policastro è potabile”.

Daria Scarpitta

 

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.