Contenuto Principale

"LA CAMPANIA NON E' PER LE BICI". LEGAMBIENTE BOCCIA LA REGIONE NEL DOSSIER SULLA CICLABILITA'.

Risultati immagini per BUONOMO LEGAMBIENTE

La Campania non è una regione per le biciclette. Solo 1,1% della popolazione usa questo mezzo per coprire il tragitto casa-lavoromentre solo 0,1%, pedala per andare a scuola o all’università. E’ quanto emerge dal rapporto di Legambiente sull’economia della bici in Italia e sulla ciclabilità nelle città. Ci sono regioni, come Trentino Alto Adige, Emilia Romagna e Veneto, dove l’uso quotidiano della bici come mezzo di trasporto è pienamente in linea con la media europea. E poi c’è la Campania. qui non se la vede bene neppure un altro indice preso in considerazione dal rapporto, il PIB -prodotto interno Bici - che stima la cicloricchezza delle regioni. i cittadini beneficiano ogni anno di un bonus ambientale e sanitario pro-capite che è virtuale ma è legato ad una serie di effetti positivi legati all’uso della bici che spaziano dal risparmio di carburante e dal calo dei costi per le infrastrutture all’aumento dell’aspettativa di vita in buona salute, alla riduzione di gas serra, smog e inquinamento acustico. In campania è pari a 12,63 EURO, una miseria se si confrontano con i 179euro pro capite dei cittadini del Veneto, i 190 EURO del Trentino Alto Adige e i 200 EURO dell’ Emilia Romagna. “Una Campania della bici ferma al palo - commenta Michele Buonomo, presidente di Legambiente Campania -dove per la inefficienza delle amministrazioni centrali e locali la bicicletta resta parcheggiata in garage. Eppure i dati delle altre regioni  mostrano che quello della ciclabilità è un asset su cui bisogna investire con sempre maggior decisione, per i vantaggi che produce da un punto di vista ambientale, sociale, sanitario oltreché economico e per il contribuito straordinario che un diverso stile di mobilità offre alla rigenerazione urbana”.Legambiente in occasione del summit Verso gli Stati Generali della Mobilità Nuova ha presentato ladichiarazione dei diritti del ciclista Urbano, un documento di diritti fondamentali per chi usa o vorrebbe usare la bici per e l’atto iniziale di una rete di città ciclabili italiana che coinvolga le amministrazioni locali e nazionali. Chissà che non sia il primo passo per rispolverare in maniera più concreta e fattibile vecchi progetti di piste ciclabili.

SAPRI, PER L'ARPAC LA SPIAGGIA DI CAMMARELLE NON E' BALNEABILE. VALORI ELEVATI DI ESCHERICHIA COLI.

 

CAPACCIO PAESTUM, AL VIA I LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELLA FASCIA COSTIERA

Risultati immagini per CAPACCIO PAESTUM RIQUALIFICAZIONE FASCI COSTIERA

 

PORTO POLICASTRO E DISCARICA DI VIBONATI. SOPRALLUOGO DEL CONSIGLIERE REGIONALE M5S MICHELE CAMMARANO.

L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi, spazio all'aperto e natura

Il consigliere 5Stelle della Regione Campania Michele Cammarano nel pomeriggio di ieri è stato nel Golfo di Policastro per verificare di persona alcune criticità segnalate dal locale Meetup . Un’occasione per incontrare militanti e cittadini e discutere delle emergenze del territorio. Il Meetup Golfo di Policastro aveva ricevuto in questi mesi segnalazioni sia sui rifiuti bruciati nell’isola ecologica di Vibonati, vicenda sollevata dall’attivista del WWF Paolo Abbate, sia sui lavori di dragaggio al porto di Policastro Bussentino e aveva sollecitato l’attenzione di Cammarano che appunto si è recato in  questi due Comuni per controllare quanto denunciato. A Vibonati il giro è stato breve. Il consigliere regionale ha trovato i sigilli della Procura e ha potuto soltanto visionare dall’alto lo stato della vegetazione bruciata. A Policastro Cammarano, accompagnato dagli attivisti del Movimento e dal consigliere comunale di  minoranza di Santa Marina Vincenzo Castaldo, ha passeggiato lungo il  molo e si è soffermato in particolare sulla scogliera radente di sottoflutto tra il porto e L’Uorto dove si stanno accumulando i sedimenti dragati. Cammarano ha ascoltato i vari punti di vista e si è ripromesso di fare chiarezza, visto anche che non si è ancora in possesso di tutta la documentazione relativa, in particolare del progetto autorizzato. Per questo il consigliere regionale ha fatto sapere che presenterà richiesta di accesso agli atti in Regione Campania e un’interrogazione alla Commissione competente, per liberare il campo da ogni dubbio relativo ai lavori in corso e in particolare alle modalità di esecuzione degli stessi, segnalati a più riprese, oltre che dai consiglieri comunali di opposizione, da alcuni cittadini e turisti e analizzati in maniera critica dal geologo Ortolani.

Daria Scarpitta


Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.